MANGIARE BOVINESE

Laganelle al sanguinaccio, una delle ricette proibite di Genoeffa

Laganelle al sa...

E' una ricetta molto antica e che adesso...

Orecchiette fatte a mano

Orecchiette fat...

                 Ingredienti: ...

Timballo di maccheroni

Timballo di mac...

Maccaroune a lu furn Ingredienti x ...

Orecchiette al cacioricotta

Orecchiette al ...

  Il cacioricotta e’ il tipico formag...

Orecchiette con la rucola

Orecchiette con...

Piatto primaverile-estivo de...

Museo Civico Bovino

You are here: HomeVideoIl video dedicato ad Orazio Sgambati

Il video dedicato ad Orazio Sgambati

Written by  Published in Video Friday, 21 February 2014 16:13

Orazio Sgambati nacque a San Martino Valle Caudina il 2 giugno 1928 e, ancora bambino, si stabilì con la sua famiglia al Ponte di Bovino.
Suo padre, Michele, era uomo di fiducia del dottor Agronomo Francesco Procaccini, e sua madre, Gelsomina, gestiva una trattoria che portava il suo nome e che accoglieva viaggiatori, camionisti e lavoratori, e chiunque passasse dal Ponte.
Una volta adulto, Orazio lavora come contrattista con le Ferrovie dello Stato e con le Poste; è segretario del dottor Agronomo Procaccini, ed infine impiegato alle Poste fino alla pensione. Presto i suoi interessi si allargano al mondo politico, e dal 1975 al 1990 è Consigliere Comunale, eletto nelle liste della Democrazia Cristiana. Assessore per molti anni, si occupa di lavori pubblici, della ricostruzione dopo il terremoto del 1980, di servizi sociali, di pubblica istruzione, cultura e beni culturali. A lui si deve la nascita del Museo Civico e della sezione dell'Archeoclub che, per convenzione con il Comune di Bovino, è preposta alla gestione del Museo stesso. E' protagonista nell'allestimento della Biblioteca civica, oggi intestata alla sua memoria e, negli anni dedicati all'attività amministrativa, tutto il suo impegno volge alla promozione della cultura e alla valorizzazione dei beni culturali di Bovino. Orazio passerà alla storia per questa sua dedizione, ed è stimato da collaboratori ed avversari per la sua capacità di essere "super partes".
"Uomo di tutti", al di là di ogni colore politico, presto diventa punto di riferimento per il Consiglio Comunale e per i bovinesi. I suoi tratti morali fanno di lui una personalità autorevole e amata al tempo stesso. E quando, il 10 gennaio 1994 si spegne, lascia nel paese la traccia indelebile del suo operato ed il ricordo della sua persona, delle sue doti etiche e umane, della sua concreta semplicità.

Read 2283 times Last modified on Wednesday, 19 March 2014 12:25

CERCA NEL SITO

I nostri contatti :)