MANGIARE BOVINESE

Laganelle al sanguinaccio, una delle ricette proibite di Genoeffa

Laganelle al sa...

E' una ricetta molto antica e che adesso...

Orecchiette fatte a mano

Orecchiette fat...

                 Ingredienti: ...

Timballo di maccheroni

Timballo di mac...

Maccaroune a lu furn Ingredienti x ...

Orecchiette al cacioricotta

Orecchiette al ...

  Il cacioricotta e’ il tipico formag...

Orecchiette con la rucola

Orecchiette con...

Piatto primaverile-estivo de...

Museo Civico Bovino

You are here: HomeVideoAssociazioni LocaliLETTERA ALLA CITTADINANZA dal Comitato per il Centro Storico di Bovino

LETTERA ALLA CITTADINANZA dal Comitato per il Centro Storico di Bovino

Published in Associazioni Locali Monday, 14 October 2013 17:57

14.10.2013 14:09 dal sito del Comitato per il Centro Storico di Bovino:

Il giorno 01/10/2013 il comitato per il centro storico di Bovino ha incontrato in riunione l’assessore ai lavori pubblici  Nunno Vincenzo  per chiedere chiarimenti sui progetti previsti nei quartieri e sulle novità che questa amministrazione intende portare.Per il primo punto è previsto il rifacimento della rete idrico-fognaria e del manto stradale in tutto il centro storico,logicamente una zona alla volta.Le altre novità sono la raccolta porta a porta(già in atto nella zona nuova ma con scarso risutato e malcontento generale)  e l’avvio della regolamentazione del traffico attuando le normative contenute nel progetto di  istituzione di una ztl(zona a traffico limitato)da qualche anno già deliberata.Per quanto riguarda la raccolta dei rifiuti il comitato ha suggerito un’alternativa estinsibile a tutto il paese cioè l’assegnazione di bidoni condominiali o di rione chiusi da una serratura la cui chiave viene distribuita a un certo numero di persone e solo quelle persone potranno accedere al bidone assegnato.Ricordiamo alla popolazione che la raccolta differenziata è obbligatoria in quanto legge nazionale volta a ottimizzare l’ambiente, ma la porta a porta non lo è.Non abbiamo ad oggi avuto risposta né positiva né negativa.Passiamo alla ztl.Il comune ha deciso di regolamentare la circolazione delle auto nel centro storico e si  potrebbe dire che sia una buona cosa se non fosse per il modo in cui lo si vuole fare:potranno accedere con l’auto solo i residenti che avranno dato il proprio numero di targa che verrà rilevato da telecamere poste agli ingressi del centro storico.Il comitato ha esposto all’assessore che gli effetti collaterali di questo modus operanti  per i residenti e non solo sono molti e alcuni gravi.Nunno ha risposto che “bisogna provare ed eventualmente modificare”:Nel complesso l’incontro è stato cordiale ma non soddisfacente su alcuni punti.

Il giorno successivo solo alcuni membri del comitato si sono recati dal Sindaco per avere chiarimenti sul cambio di nome dell’attuale Via Francesco Mele alias “PIAZZETTA”in  piazza intitolata al fu avv. Gabriele Consiglio e con l’apposizione di una panchina al posto dei due parcheggi presenti.Abbiamo fatto presente che non è il caso di togliere altri parcheggi dato che ce ne sono già pochi o almeno di crearne altri due altrove.Dopo accesa discussione ci è stato risposto che non sono AFFARI NOSTRI perchè è una questione politica.Ma come non sono affari nostri?Noi nel centro storico ci viviamo quindi ci riguarda e come.L’incontro è proseguito affrontando gli altri temi caldi già discussi con l’ass.Nunno.Abbiamo esposto le nostre idee di raccolta dei rifiuti immediatamente rigettate rispondendoci che presto anche nel centro storico si effettuerà la raccolta porta a porta perché così stabilito dalla A.T.O organizzazione che si occupa di regolamentare la raccolta dei rifiuti in 61 paesi della provincia.Si è fatto presente che senza bidoni della spazzatura il paese si trasformerà in una discarica a cielo aperto dato che  non si ha nemmeno la possibilità di buttare un fazzoletto di carta o altri rifiuti  come nella zona nuova dove i bidoni non ci sono più da tempo e non c’è nemmeno UN CESTINO.La risposta:SIAMO TUTTI INCIVILI;IMPARATE A USARE IL FAZZOLETTO DI COTONE COSì LO LAVATE IN LAVATRICE.Si può anche fare se l’unico rifiuto al mondo fosse un fazzoletto.Se il proprietario di un cane è ligio al dovere e raccoglie le feci del suo migliore amico si ricordi,IL SINDACO, che suddetto cittadino ligio deve portarsele dietro fin quando non torna a casa.Noi riteniamo che gli operatori ecologici siano pochi  e dato il tipo di raccolta che viene effettuata non spazzano tutte le strade del paese ma solo quelle principali.Sono anni che il singolo cittadino del centro storico spazza davanti alla propria abitazione e dintorni se necessario.EPPURE PAGHIAMO LO SPAZZAMENTO.Il perdurare di questa situazione porterà all’abbandono di altri rifiuti che  aiuteranno il proliferare dei ratti  la cui presenza in tutto il paese,villa compresa,è stata segnalata.Il comitato ha chiesto di effettuare una derattizzazione anche nelle case abbandonate da anni  richiamando alla civiltà i proprietari di suddette abitazioni.PENSATECI.Veniamo alla viabilità che come detto sopra vede l’attuazione della ztl nel centro storico e l’apposizione di strisce orizzontali per delineare i parcheggi e di telecamere agli ingressi.In questo modo i residenti di alcuni rioni non avrebbero la possibiltà di avere la propria auto nelle vicinanze della propria abitazione dato che non si ha la possibilità di creare parcheggi; quindi chi prima arriva prima si calza e chi tardi arriva mal alloggia e deve portare la propria auto fuori dalle mura.Non solo a rione San Martino ,ad esempio,l’ambulanza non può arrivare quindi abbiamo detto al sindaco che in caso qualcuno si senta male non sappiamo come fare.La risposta è stata una alzata di spalle.La logica vorrebbe che prima di apporre dei divieti si dovrebbero creare dei parcheggi intorno al centro storico e allora  il residente beccato in divieto di sosta non avrebbe attenuantiSappiate amici e parenti lontani che se volete andare a fare visita a parenti o amici nel centro storico sarete multati.Ora ci domandiamo bisogna migliorare le condizioni di vita dei contribuenti o trasformare il paese in presepe per i turisti?Da questo incontro abbiamo dedotto che il pensiero del cittadino non conta,che chi è a capo pone e predispone come meglio pensa e che avere scelto di abitare in questo BELLISSIMO BORGO equivale a dire CHI TE LO HA FATTO FARE.Si ricordo l’amministrazione tutta che se decidessimo di non vivere più nel centro storico non le rimarrebbe altro che spolverare i ruderi.Grazie dell’attenzione che ci riserverete.A voi la parola

                                                                                                    IL COMITATO


Maggiori informazioni http://comitatocentrostoricobovino.webnode.it/news/lettera-alla-cittadinanza/

 

 

Read 6540 times

CERCA NEL SITO

I nostri contatti :)