MANGIARE BOVINESE

Laganelle al sanguinaccio, una delle ricette proibite di Genoeffa

Laganelle al sa...

E' una ricetta molto antica e che adesso...

Orecchiette fatte a mano

Orecchiette fat...

                 Ingredienti: ...

Timballo di maccheroni

Timballo di mac...

Maccaroune a lu furn Ingredienti x ...

Orecchiette al cacioricotta

Orecchiette al ...

  Il cacioricotta e’ il tipico formag...

Orecchiette con la rucola

Orecchiette con...

Piatto primaverile-estivo de...

Museo Civico Bovino

You are here: HomeVideoNewsNardino al Mattino di Foggia e Provincia

Nardino al Mattino di Foggia e Provincia Featured

Published in News Wednesday, 29 May 2013 08:36

Prendo spunto da quest’ articolo di ieri del Mattino di Foggia e Provincia, il cui redattore non ha mai mancato di far vedere e sentire il suo marcato anticomunismo ed il suo servilismo nei confronti di chi comanda:

http://www.ilmattinodifoggia.it/news/lucera-monti-dauni/2189/Bovino--Michele-Di-Dedda-e.html

 

27/05/2013 - 20:28:00

Risultato bulgaro per il primo cittadino uscente

Bovino, Michele Di Dedda è di nuovo sindaco

Doppia, con 1296 voti, Pietro D'Alessandro e lascia la polvere a Leonardo Lombardi

Un risultato bulgaro, quello raccolto dall'imprenditore bovinese: 1296 voti, il 58,4% dei votanti: più del doppio di quelli raccolti da Pietro D'Alessandro, cioè 543 voti (24,47%), e quasi il triplo di quelli racimolati da Leonardo Lombardi, vale a dire 380 voti (17,12%). Fine ingloriosa soprattutto per Lombardi, che fu sindaco di Bovino, il primo sindaco che Rifondazione Comunista potesse vantare in Puglia.

 

Il  redattore anche in questo articolo  fa capire da che parte sta, al solo scopo di accattivarsi le simpatie del Sindaco che fino ad ora è sostenuto da un suo concorrente di testata giornalistica, di  altra statura. Non sa, o peggio,  fa lo gnorri,  offende chi nella competizione elettorale di Bovino ha deciso di candidarsi e sostenere Lombardi Leonardo ed il 17,12% di voti ottenuti, nelle difficilissime condizioni in cui si è venuta a trovare la lista “Viva Bovino Viva – la mia città”, nata tre giorni prima della scadenza dei termini per la presentazione delle liste.

Non sa, il giornalista, che definendo fine ingloriosa di Lombardi  offende un Partito che, se le ultime notizie delle elezioni amministrative saranno confermate, è in ripresa straordinaria , che ha fatto storia e sarà sempre a difesa dei più deboli, fra la gente e per la gente.

Non dice, fa finta di non essere informato,  che Rifondazione a Bovino ha lavorato in questi ultimi mesi per la costituzione di una lista unitaria a sinistra, se ne è fatto promotore proprio Lombardi ed il progetto era arrivato a conclusione con un candidato Sindaco (D’Alessandro) proposto dal Lombardi ed accettato da tutte le altre componenti politiche ed associative partecipanti alle assemblee. Ma negli ultimi giorni dalla scadenza dei termini, il candidato proposto s’è fatto consigliare certamente male, ha proposto l’ esclusione di Rifondazione e di Lombardi dalla  lista (PartecipAzione), giustificando questa scelta con i motivi di  rinnovamento. E’ stata questa proposta a far capire il vero progetto: escludere definitivamente la sinistra dal nuovo Consiglio Comunale, quella sinistra scomoda con la “capa-tosta”, intransigente contro le cose ingiuste e contro  il dilagante malaffare, con la quale si sarebbero potuti affrontare gli innumerevoli guasti che l’ allegra gestione amministrativa del centro-destra ha fino ad oggi causato.

Insomma a quella lista di PartecipAzione, non poteva “partecipare” Rifondazione Comunista, né i Socialisti, né  IDV, né persone di esperienza politica che non fossero di Sel,PD, UDC o clericali.

Solo in quel momento e dopo estenuanti trattative e rinunce, rimasti esclusi, scartati e persino umiliati i Compagni hanno preso coraggio , si son messi alla ricerca di nuove aggregazioni , ottenendo alla fine un grandissimo risultato che tutti riconoscono, con una campagna elettorale molto corretta, denunciando le intimidazioni degli altri, dichiarando e spiegando le ragioni di questa nuova aggregazione, della sofferta rinuncia del simbolo del Partito, del ritrovarsi in una lista civica “viva” e pronta ad affrontare tutte le difficoltà che in quindici giorni può incontrare chi, ferito da una pugnalata, a stento si rialza, continua a camminare e riesce a tagliare il traguardo con la testa alta…altro che fine ingloriosa nella polvere ! Si è giunti ultimi, è vero, ma vivi e pronti a riprendere la lotta per i diritti con un vigore inimmaginabile!

E’ successo, infatti che nella passata Amministrazione il Centro-Sinistra era presente con ben 5 (su 16) rappresentanti all’ opposizione e che perse subito un consigliere (Fiorenti) dichiaratosi indipendente, il quale  per queste ultime elezioni ha voluto fare il salto all’ altra sponda di destra che qualcuno gli ha spostato, ha calcolato male la distanza (ahimé) e anziché approdare all’ altro lato, ha fatto il salto nel vuoto, questi sì, finito miseramente fuori!;

 è successo che di quel Centro- Sinistra di opposizione rimasto, quindi dei quattro consiglieri, uno era espressione del PD,  oggi  sparito anch’esso perché il PD presente nella lista di PartecipAzione non è riuscito ad eleggere alcun rappresentante;

è successo che degli altri tre Consiglieri dell’ opposizione Centro-Ssinistra, due erano di SEL e di questi uno solo oggi rappresenterà PartecipAzione (D’Alessandro), hanno perso quindi il 50% dei propri rappresentanti;

…è successo che dei 5 Consiglieri di opposizione, l’ unico di Rifondazione Comunista (Lombardi), è stato rieletto e siederà all’ opposizione in questa nuova Amministrazione , con un peso ben diverso da quello passato in cui Rifondazione Comunista era in rapporto  1 su 17, mentre oggi questo rapporto è di 1 su 8 !!

Questo dunque il risultato di Lombardi (già sindaco di Rifondazione Comunista  per due onorati mandati amministrativi) ed oggi rieletto Consigliere della Lista Civica “Viva Bovino Viva – La mia città”,  in un’ accesa competizione in cui unico obiettivo degli  avversari  era l’ annientamento politico, dei princìpi e  dei rappresentanti la Sinistra Bovinese che è risorta, ha mantenuto il cosiddetto “zoccolo duro”, sempre pronto alle giuste lotte ed a fianco dei più deboli.

Nardino Lombardi

Bovino, 29 Maggio 2013

CERCA NEL SITO

I nostri contatti :)