You are here: HomePoesie dialettaliarticoli x modulo scroll prima pagina

articoli x modulo scroll prima pagina (8)

In questa categoria inseriamo gli articoli da far girare in prima pagina sul modulo scroll

VIDEO - TG RAI 3

 

 

 

Bovino, tutti positivi al tampone ospiti e operatori della Rsa Il Girasole

LUNEDÌ 30 MARZO 2020

 

Bovino, sono tutti positivi al tampone pazienti e operatori sanitari della Rsa Il Girasole.
Circa 40 persone sono rimaste in isolamento precauzionale all'interno della struttura dopo che che due ospiti erano stati trovati positivi al virus.

Dopo l'intervento dell'Asl di San Severo nella giornata di ieri sono arrivati i risultati dei test.

Risultano tutti positivi al Covid-19, riferiscono le fonti, ad eccezione dell'addetto alla logistica, l'addetta alla reception e un Oss, che comunque dovranno rifare il test tra qualche giorno.

Attualmente sono rimasti nella Rsa circa 35 pazienti, quelli più gravi sono stati trasportati in ospedale. Ci sarebbe anche un morto.

Secondo fonti ufficiali, a mezzogiorno di oggi lunedì 30 marzo i tamponi positivi erano solo due, si sarebbe ancora in attesa del risultato di altri 30 test processati ieri. I risultati ufficiali quindi tardano a confermare lo scenario riportato.

Seguiranno aggiornamenti.

 #IORESTOACASA E GUARDO IL CINEMA INDIPENDENTE....

Chi può dare un consiglio migliore in questi momenti difficili per tutti , “inserrati” nelle proprie case, se non il saggio Inserra che  ci propone   questo bell’ articolo su un artista  bovinese che di  valori davvero ne ha tanti perché  nato e cresciuto  con alti Valori (con la V maiuscola!):

 

Francesco Colangelo, quando il cinema indipendente vuol dire qualità

Francesco Colangelo è stato uno dei compagni di strada più assidui del Festival del Cinema Indipendente di Foggia, fin dalle sue primissime edizioni, quando presentammo RadioWest, di cui era sceneggiatore. E poi la docufiction sui Monti Dauni, Un viaggio tra le parole di mio padre, prodotta dal Gal Meridaunia, importante perché rappresenta il primo, riuscito tentativo, di fare marketing territoriale attraverso il cinema, senza effetti speciali, affidandosi soltanto alla bellezza dei luoghi e della memoria. E alla solida capacità narrativa di Colangelo.

Assieme a Francesco, e assieme all’indimenticabile Alessandro Valori che ha condiviso un lungo tratto del suo percorso artistico e culturale, abbiamo vissuto decine di momenti, di idee, di sogni, realizzandone qualcuno, come il tentativo di costruire una rete tra i festival Dauni che si occupavano della settima arte.

Oltre che un valido cineasta, Colangelo è un intellettuale, un intellettuale organico di quelli che sarebbero piaciuti ad Antonio Gramsci. Originario di Bovino, rinverdì in un certo senso le sue radici proprio grazie al documentario di cui vi ho detto, svolgendo un’intesa opera di promozione culturale, culminata in quella fantastica iniziativa che è stata il Bovino Short Film Festival.

Francesco incarna quell’anima nobile del cinema indipendente che pensa che il cinema non sia soltanto intrattenimento ma anche (soprattutto) cultura, e che la cultura sia un indispensabile motore di sviluppo per le aree più arretrate del Paese, come i Monti Dauni, sud del sud.

Il film di Francesco che amo di più è forse anche quello che esprime meglio questa sua dimensione è la “La decima onda”, cortometraggio interpretato da uno straordinario Giorgio Colangeli, che vi indossa i panni di un pescatore garganico che, rientrato da una giornata di pesca, trova sulla spiaggia di Vieste il corpo senza vita di uno straniero.

L’uomo e i suoi compagni di barca sono combattuti tra la la paura di passare guai con l’autorità costituita e il desiderio di assicurare una degna sepoltura allo sconosciuto, secondo le regole non codificate della ospitalità perché una volta, “quando uno straniero arrivava, gli si offriva del cibo, un letto e ci si sedeva insieme, intorno al fuoco, ad ascoltare i suoi racconti dall’altra parte del mare”.

Il vero protagonista del film è il mare, con i suoi silenzi, la sua malinconia, le sue onde che contano distanze. La distanza tra la spiaggia dove avrebbe potuto trovare sepoltura lo sfortunato straniero e il mare aperto scandito dalla decima onda, dove il suo cadavere verrà consegnato all’acqua, è la distanza che ormai separa il nostro tempo volgare da quello arcaico del mondo classico, e dai suoi miti ancestrali.

topoi deI mondo classico vengono richiamati dal pathos che aleggia costantemente sul racconto, quasi da tragedia greca: gli sguardi delle donne che attendono il ritorno dei loro uomini, i silenzi che incombono tra i componenti dell’equipaggio, il conteggio delle onde superate dal natante nel suo navigare verso il mare aperto. Ed un espresso richiamo al mito è il gesto pietoso del figlio di Giorgio, il ragazzo che per primo aveva ritrovato il corpo dello straniero, che colloca due monete nel sepolcro che avrebbe potuto ospitarne le sue spoglie mortali, come usavano gli antichi a mo’ di pedaggio per il trasporto del trapassato verso l’al di là.

Quello che impressiona e che amo del cinema di Francesco Colangelo è la sua rara capacità di tenere in perfetto equilibrio regia e sceneggiatura, testo, dialoghi ed immagini, silenzi e parole.

Sono particolarmente affezionato al film perché, a suo modo, “La decima onda” costituisce anche una bella sfida vinta dal movimento culturale che si era sviluppato attorno al Festival del Cinema Indipendente di Foggia. Giorgio Colangeli, che per la sua magistrale interpretazione ha conquistato il Nastro d’Argento, è affiancato nel cast artistico dall’attore foggiano Michele De Virgilio, che conferma la sua bravura, e da una splendida Maddalena Zoppoli, che ha svolto un ruolo costante e importante nel comitato organizzatore della rassegna foggiana, animando tantissime serate, la Blue Film, casa produttrice, è stata una presenza fissa o quasi della rassegna, Mario De Vivo, componente della direzione artistica ha svolto il ruolo di delegato della produzione. È stata una produzione low budget che più low non si potrebbe, ma una ulteriore, decisiva dimostrazione che anche in Capitanata si può fare cinema di qualità. 

Qui sotto trovate i link ai due film e il riepilogo delle puntate fino ad oggi pubblicatede #iorestoacasa e guardo il cinema indipendente. Guardateli entrambi, e se avete perso qualche puntata, approfittate. Speriamo che la forzata permanenza in casa cui ci costringe l’epidemia del coronavirus ci faccia conoscere meglio ed apprezzare di più quella grande risorsa che è il cinema indipendente italiano.

 IL CINEMA DI FRANCESCO COLANGELO

La Decima Onda

Monti Dauni Un viaggio fra le parole di mio padre

#IORESTOACASA E GUARDO IL CINEMA INDIPENDENTE

I PUNTATA | Lorenzo Sepalone, il cinema in punta dei piedi

II PUNTATA | La forza delle donne contro la violenza che vela le ali (NADIA KIBOUT)

III PUNTATA |Alessandro Grande, cinema indipendente da Oscar

 

E' da ieri che circola il video-appello del Sindaco per far rimanere tutti a casa. Oggi la stampa ne parla e qui di seguito riportiamo l' articolo di Foggiatoday:

 

Coronavirus, nessun caso a Bovino. Il Sindaco: "Non fate camminare il virus, state a casa

Nessun contagio a Bovino, ma il sindaco avverte giovani e anziani: "Non facciamo camminare il virus"

Anche il sindaco Nunno si appella alla comunità, affinché siano rispettate le direttive: " C’è ancora gente (poca fortunatamente) che pensa di essere furba e rischia di vanificare tutti gli sforzi sinora fatti da questa amministrazione"

Coronavirus, nessun caso a Bovino. Il Sindaco: "Non fate camminare il virus, state a casa

nche il Sindaco di Bovino Vincenzo Nunno tuona contro gli irresponsabili. Il primo cittadino, in un video, si appella alla comunità bovinese, richiamandola a un più alto senso di responsabilità.

"Bovino è uno di quei comuni ancora indenni al contagio da Coronavirus e tale deve restare. Ringrazio tutti i cittadini che stanno collaborando e seguendo alla lettera le direttive emanate, ma purtroppo non basta. C’è ancora gente (poca fortunatamente) che pensa di essere furba e rischia di vanificare tutti gli sforzi sinora fatti da questa amministrazione, dalle attività commerciali pesantemente colpite dalle restrizioni e di tutti gli operatori della Sanità in prima linea contro il Covid-19. Abbiamo intensificato i controlli, ma non è possibile che anche quando si parla di tutela della propria salute e di quella pubblica occorra che qualcuno ci controlli. Purtroppo le risorse umane a disposizione per l’attività di controllo sono limitate e a maggior ragione occorre la collaborazione di tutti.

Sono fiero dei tanti giovani bovinesi - aggiunge Nunno - che oltre a rispettare le regole, si sono messi a disposizione della comunità attraverso il volontariato finalizzato alla consegna di spesa e farmaci alle persone più bisognose e anziane. Ma anche trai giovani c’è ancora qualcuno che ancora non comprende la gravità della situazione. Agli anziani raccomando espressamente di restare a casa e di beneficiare del servizio “Pronto spesa e farmaci” messo a disposizione dal Comune, attraverso i nostri bravissimi volontari che h24 operano sul territorio comunale, contribuendo di fatto a preservare questa categoria debole e più esposta al rischio di contagio.

A tutti i nostri cittadini chiedo di restare a casa, limitando gli spostamenti. È consentito fare la spesa, ma evitiamo di uscire tutti i giorni per fare la spesa e soprattutto è indispensabile che ci sia una persona per famiglia che si occupi di ciò. Agli amanti dello sport e agli improvvisati sportivi chiedo espressamente di attenersi alla nuova ordinanza del Ministro della Salute Speranza, limitando l’attività fisica in prossimità delle proprie abitazioni, o meglio restando a casa! In qualità di Sindaco, come del resto tutti i miei colleghi, stiamo cercando di fare il possibile e anche oltre quanto consentitoci per tutelare la salute delle nostre comunità. Restiamo uniti, restiamo a casa e siamo sicuri che anche a Bovino tutto andrà bene".

Carmine Santoro, presidente dell' Associazione PATA di Bovino,  ci passa in anteprima le ultime direttive della Regione Puglia per il coordinamento dei volontari di tutta la Regione:

Un nostro  lettore  ci ha inviato una sua osservazione in merito alla vicenda del Corona-Virus e le misure che anche a Bovino l' Amministrazione ha  intrapreso. Così ci ha scritto:

 "Probabile nuova dimostrazione di approssimazione del Comune di Bovino, senza eludere il dovere  dell’informazione…. ma col mantenersi nel vago

Nello stile del precedente avviso: Consigli e suggerimenti sui comportamenti da adottare in una eventuale emergenza per “precipitazioni a carattere nevoso” anche in occasione degli Avviso n.1 e n.2 sul COVID-19 a carattere Nazionale, pubblicati dalla Città di Bovino a firma del Sindaco, si giunge alla conclusione che queste indicazioni non siano tanto coerenti, ma solo frettolosamente “scaricate” sulla popolazione.

Possono sembrare solo cavilli, ma percorriamo insieme la reazione del cittadino che legge e rilegge questi avvisi …e ne resta confuso! Al cittadino-elettore interessa la concretezza del risultato, la semplificazione di qualsiasi forma di assistenza, e capire se  gli Amministratori dimostrano dovere civico verso la popolazione, per una valutazione a scadenza elettorale.

Nel primo avviso Covid-19 del Comune (24 febbraio) il Sindaco si rivolge alla nostra Comunità per dar corso ad una attività di prevenzione di concerto con la ASL,  per cui si fa appello al dovere civico di ogni cittadino comunicare al Sindaco, eventuali spostamenti, senza altra indicazione di telefono fisso, cellulare, whatsapp….. buttata là alla riuscita!  Dal momento che il Sindaco non risiede nelle stanze del Comune, dopo le ore di ufficio…a chi rivolgersi? Salvo che non abbia deciso di restare in Comune, come presidio fisso in emergenza. Stessa cosa per i numeri della Polizia Urbana, con un solo vigile in servizio fuori dai locali comunali e lontano dal telefono fisso.

Nel secondo avviso Covid-19 si confida nella massima collaborazione dei Cittadini, però per gradi di competenza e responsabilità, entra in campo la Regione e con le solite argomentazioni,  si scarica il tutto sulla ASL  territorialmente competente con il finale di tre recapiti telefonici di rete fissa. Quando e se i dottori sono in ambulatorio, se non di sabato o domenica….e se questi dottori non sono già fuori per visite domiciliari. (?)

Per dimostrare alla popolazione un po’ di iniziativa e di preparativi per una emergenza, chissà se qualche “autorità comunale” avrà pensato di contattare in via esplorativa le farmacie, o ipotizzare di “richiamare in servizio di complemento” qualche dottore Bovinese in pensione?  Qualche saggio amministratore comunale ha valutato l’ipotesi di una PMA (postazione mobile medica) ed avrà almeno solo pensato (senza impegno) di effettuare un primo contatto-censimento con la postazione 118, tanto per predisporre contatti diretti con gli Operatori e capirne il ruolo e loro eventuali minime necessità, visto che sono in servizio h24?  Tutto questo non ci è dato conoscere! E certamente non ci consola il fatto che l’autorità sanitaria locale sia il sindaco, vero sì con funzioni di comando per compiti specifici, ma non certo come “autoritarismo”. Non certo potrebbe operare e decidere da solo, cioè con il sindaco c’è sempre una struttura comunale di supporto che deve interagire e che non deve essere utilizzata isolatamente solo alla bisogna.

Qualcuno ironicamente, mentre si leggeva tutti insieme questi avvisi, in uno dei negozi del centro, si è ricordato di come il Sindaco in occasione di pubblicizzare eventi, incontri e conferenze “pro domo sua” abbia fatto ricorso alla comunicazione wathsapp e ai manifesti, ma per una necessità responsabile come questa la popolazione deve accontentarsi di leggere i volantini formato A4 con mini scrittura……mentre fuori tira un vento della malora e fa freddo, e attaccati vicino a questi volantini anti-virus, troneggiano vistosi manifesti per la informazione-propaganda del referendum 29 marzo!  

Perché non seguire o far riferimento al modello nazionale di gestione ..cpme esempio pratico per tutta la Nazione che sta ad indicare come si crea un modello coordinato e consapevole di gestioen emergenza."

Un commento/riflessione pervenutoci in redazione stamattina, ovvero "...una frase colta al volo mentre alcune signore leggevano il manifesto. Laddove si "consiglia" di: Segnalare agli Enti gestori delle strade o al servizio di protezione civile del territorio le situazioni...Come dire spicciatevela da soli, rivolgendosi a quali numeri telefonici, quali recapiti ?? Quale "servizio" di protezione civile locale se nessuno ne conosce l'esistenza? Servizio territoriale Comunale o Regionale? Quali numeri utili di primo intervento? Almeno un numero di coordinamento! Il manifesto riporta solo dei consigli, ma nessun impegno da parte del firmatario Sindaco circa un possibile concreto e programmato "soccorso alla popolazione".   Anche tante signore casalinghe, spesso in auto per lavoro ed in viaggio per necessità, avrebbero consigli da suggerire al Sindaco....ma senza impegno!"

 

                                      ****************************************************

             Sì , è vero quello che si  dice e sono giuste le riflessioni di chi legge  i "consigli" del capo ma se si vuole essere chiari,  bisogna fare uno sforzo mentale per non essere  accusati di avere la memoria corta. Infatti,  si deve  sapere che precedenti Amministrazioni a questa attuale hanno riunito ogni anno  Cittadini, Organizzazioni di Volontariato, Associazioni, Forze di Polizia e di Protezione Civile, Agricoltori con mezzi disponibili, gli addetti allo sgombero neve, tecnici etc.etc  già nei mesi precedenti le stagioni invernali (ottobre/novembre) per meglio organizzare i soccorsi ed i servizi necessari in caso di calamità, distribuendo ad ognuno dei compiti specifici...   

Questa amministrazione si è limitata adesso a suggerire dei "consigli" che hanno generato quelle riflessioni sopra riportate.  Andava fatto riferimento,  in quell' avviso,  a un altro provvedimento che questa stessa Amministrazione  ha emanato:  il 1° decreto  (reg.= regio o registro?...leggetelo come vi pare!..) il 2 di gennaio di questo anno 2019 e che, al fine di apportare un utile contributo alla discussione ed alla cittadinanza, riportiamo qui di seguito, consapevoli di suscitare critiche da parte di chi vorrebbe che da questa parte si sottacesse  tutto, visti gli effetti che il 1° decreto 2019 e questo Avviso-consigli han prodotto:

 

 BOVINO PUNTA AL

COOPERATIVISMO PER

PRODUZIONI E TURISMO

IN COMMUNITY

di Michele Dota

Parto dallo stesso titolo con il quale, dalle pagine del quotidiano l’ATTACCO del 30 Ottobre 2019, si riporta il “resoconto” della conferenza di presentazione del progetto “Comunità Generative: percorso partecipativo per la creazione della Cooperativa di Comunità di Bovino”, tenutasi a Bovino nell’aula consiliare il 25 ottobre 2019, per informare quanti potessero essere interessati al tema, e formulare alcune considerazioni di merito su una occasione, “unica” ed “irripetibile”, che si prospetta per il nostro territorio e la comunità tutta.

L’ennesima opportunità che rischia di essere sottovalutata e destinata al fallimento, se non governata con intelligenza, acume, equilibrio, lungimiranza, misura e trasparenza.

In verità, già da tempo si parla della promozione di una cooperativa di comunità a Bovino. Il primo incontro informativo sul tema “Le Cooperative di Comunità” si è tenuto il 30 maggio 2018, presieduto dall’allora Sindaco uscente Michele Dedda e promosso dall’Amministrazione Comunale in piena campagna elettorale per le amministrative. Ad esso è seguito l’incontro dell’8 ottobre 2018 nell’ambito del programma PASSI; sino alla recente conferenza del 25 ottobre 2019 u.s.

In tale ultimo evento è stato presentato alla cittadinanza il progetto “Comunità Generative: percorso partecipativo per la creazione della cooperativa di Comunità di Bovino”.

A quanto riportato dai media: “Il progetto prevede la realizzazione di un percorso partecipativo a favore della popolazione di Bovino per pervenire alla costituzione di una locale cooperativa di comunità che abbia come fulcro principale, anche se non esclusivo, la creazione di una comunità energetica per l'autoproduzione e la distribuzione locale di energia da fonti rinnovabili. Inoltre tra gli obbiettivi principali la cooperativa di Comunità si occuperà della gestione e valorizzazione dei beni comuni, del recupero di vecchi mestieri e tradizioni locali per il marketing territoriale e l’attivazione di nuove attività economiche per l’animazione socioeconomica del centro storico. Questi ed altri obiettivi saranno al centro delle scelte condivise dei cittadini. Seguiranno altri incontri tematici per coinvolgere la cittadinanza in un percorso partecipato verso la costituzione, auspicando maggior partecipazione della cittadinanza”. (fonte: www.studio9tv.com)

Il progetto è stato già ammesso a finanziamento1 dalla Regione Puglia a valere su risorse FSE del POR Puglia 2014-2020 -Asse IX azione 9.6 “Interventi per il

1 Non conosco l’ammontare delle risorse economiche impegnate nel progetto, né l’importo del cofinanziamento che deve essere pari almeno al 20% del valore complessivo del progetto ; l’ammontare del contributo regionale massimo previsto dal Bando, comunque, è di € 100.000,00. 2

 

rafforzamento delle imprese sociali”, e si inquadra nelle iniziative poste in essere nell’ambito del Programma “Puglia Sociale IN” per dar forza alla Legge Regionale n° 23 del 2014 sulle Cooperative di Comunità.

Soggetto capofila è l’associazione C.R.ES.CO. (Centro Ricerche e Studi sulla Cooperazione) di Foggia in una partnerschip denominata “Civitas Invicta” che vede tra i sicuri attori Confcooperative Foggia e Comune di Bovino2.

2 Il Comune di Bovino ha sancito l’adesione al progetto con Delibera di Giunta Comunale n° 57 del 07/05/2019 e quota di compartecipazione finanziaria di € 100,00 !!!

Anche le associazioni UNITRE BOVINO e P.A.T.A., i cui loghi compaiono sul manifeso di invito all’evento, sono incluse nel partenariato. Coordinatore generale del progetto è il dott. Matteo Cuttano, già Direttore di Confcooperative Foggia; Project Manager è il dott. Gerardo Fascia dell’associazione C.R.ES.CO. .

Il quadro normativo in cui si inserisce il progetto è rappresentato dalla Legge Regionale n. 23/2014 “Disciplina delle Cooperative di Comunità” (che assegna annualmente risorse per il finanziamento delle azioni di rafforzamento) e dal Regolamento Regionale n. 22/2017 “Iscrizione e tenuta dell’albo regionale delle Cooperative di Comunità” che ne disciplina il funzionamento.

Tutto ciò premesso, per cercare io stesso di capire meglio e di più sull’argomento, ho provato ad approfondire il tema delle “Cooperative di Comunità” a partire dalle suggestioni che lo stesso nome ed alcune locuzioni chiave quali “comunità generative”; “percorso partecipato”; “beni comuni”; evocano e suggeriscono.

L’argomento non è nuovo e si inserisce in una cornice di riferimento teorica piuttosto ampia, ma ben definita e ormai condivisa, che tuttavia apre a legittime ed irrimandabili questioni, considerazioni, dubbi, osservazioni; che hanno bisogno di essere chiarite e dipanate. Questo se davvero si vuole raccogliere la non facile sfida di un possibile occasione di cambiamento per la nostra comunità e per i nostri giovani.

L a cornice teorica di riferimento

Cosa sono le cooperative di Comunità?

L’articolo 2 della L.R. 23/2014 ne definisce lo scopo mutualistico e l’oggetto: «Sono riconosciute “Cooperative di comunità” le società cooperative, costituite ai sensi degli articoli 2511 e seguenti del Codice civile, e iscritte all’Albo delle cooperative di cui all’articolo 2512 del Codice civile e all’articolo 223-sexiesdecies delle disposizioni per l’attuazione del Codice civile, che, valorizzando le competenze della popolazione residente, delle tradizioni culturali e delle risorse territoriali, perseguono lo scopo di soddisfare i bisogni della comunità locale, migliorandone la qualità, sociale ed economica, della vita, attraverso lo sviluppo di attività economiche eco-sostenibili 3

 

finalizzate alla produzione di beni e servizi, al recupero di beni ambientali e monumentali, alla creazione di offerta di lavoro e alla generazione, in loco, di capitale “sociale”».

Le Cooperative di Comunità, pertanto, non sono semplici cooperative che hanno il solo scopo di procurare benefici ai soci (offrendo un bene, un servizio, materie prime, lavoro, credito ecc., a condizioni più favorevoli di quelle che i singoli non associati potrebbero trovare sul mercato) pur con possibili ricadute positive (collaterali e non intenzionali) nel contesto e nella comunità in cui operano.

Il “di Comunità”, infatti, non è sostitutivo di un semplice aggettivo specificativo, si sarebbe potuto parlare di coopertive comunitarie; ma sta ad indicare una “appartenenza” al territorio, un legame stretto, “fisico” con i sui abitanti e con il suo tessuto sociale, storico, culturale, economico.

Nello Studio di fattibilità per lo sviluppo delle cooperative di comunità, realizzato dal Ministero dello Sviluppo Economico e dall’Irecoop Emilia Romagna e pubblicato a fine 2016, si afferma che siamo di fronte ad una cooperativa di comunità quando siamo: « in presenza di un territorio in condizioni di vulnerabilità e di un fabbisogno specifico, capace di generare anche un’opportunità imprenditoriale, espresso da una comunità reale (non virtual community)»; quando: « si sviluppa una attività economica finalizzata al perseguimento dello sviluppo comunitario e della massimizzazione del benessere collettivo (non solo dei soci) e non a quello della massimizzazione del profitto ».

Ed ancora, nel saggio “Le cooperative di comunità”, Pier Angelo Mori (Ordinario di Economia presso l’Università di Firenze), afferma che: «quando si parla di comunità non si intende un gruppo di persone con interessi affini, ma una comunità di “residenti all’interno di un territorio”, il cui interesse per il bene/servizio nasce dal fatto che vivono in quel luogo». L’obiettivo della cooperativa, dunque, non è rispondere ai bisogni di un gruppo sociale ristretto, ma ai bisogni dei cittadini e della comunità tutta: «Una cooperativa che offre un bene di comunità selettivamente ed esclude alcuni membri della comunità non può essere una cooperativa di comunità ».

Per Mori, dunque, le cooperative di comunità sono inclusive e rispettano il principio della “porta aperta”. Esse in sintesi rispondono a tre requisiti: « sono controllate dai cittadini (comunità), offrono o gestiscono beni di comunità, garantiscono a tutti i cittadini un accesso non discriminatorio».

Generatività e percorso partecipativo

Secondo il citato studio del Mise, a cui si rimanda per ogni opportuno approfondimento, un aspetto fondamentale e fondante delle cooperative di comunità è il rapporto partecipativo, con la comunità di riferimento. La loro nascita si giustifica e si basa sull’identificazione di un “bisogno comunitario” cui la cooperativa di comunità può dar risposta. Un bisogno che deve essere reale e percepito da una parte significativa 4

 

della comunità di riferimento. In questo senso è strategica la capacità di analisi e identificazione dei bisogni e di progettazione comunitaria delle possibili soluzioni.

In altri termini una Cooperativa di Comunità costruisce e costituisce un progetto condiviso, pensato da tutti, o almeno da tanti, che valorizza e rafforza il capitale sociale facilitando l'azione coordinata degli individui ed instaurando nuovi rapporti di fiducia e reciprocità non solo fra i soci ma fra questi e la cittadinanza, già protagonista nel processo di progettazione partecipata, e destinataria dei servizi stessi. Un progetto comune e condiviso, elaborato in una sorta di "laboratorio di comunità", dove i cittadini/soci si confrontano, identificano insieme i bisogni, lanciano idee, elaborano proposte e costruiscono, mettendo insieme intelligenze, capacità, competenze, un percorso di risposta, coerente con le risorse disponibili in termini umani, finanziari, organizzativi ed istituzionali.

Il processo generativo di una cooperativa di comunità necessita, quindi, della presenza di un sistema territoriale abilitante, ovvero di una rete di sostegno, un’infrastruttura socio/relazionale cui appoggiarsi per la sua nascita e il suo sviluppo. Le proloco, le parrocchie, le associazioni territoriali del volontariato, gli imprenditori locali e la pubblica amministrazione sono solo alcuni esempi dei soggetti che la cooperativa deve coinvolgere e con cui deve stringere relazioni. Il fine ultimo, infatti, è quello di coinvolgere la comunità e i cittadini che la compongono nel progetto cooperativo che si pone un fine di sviluppo locale sostenibile.

Sempre secondo lo studio del Mise, il ruolo della comunità risulta fondamentale con riferimento al sistema abilitante delle cooperative di comunità; giacché queste particolari cooperative si innestano in una realtà territoriale unica e irripetibile e si sviluppano partendo dalle risorse materiali e immateriali che il territorio offre. In tutti i casi analizzati le cooperative hanno potuto contare su risorse disponibili ma non impiegate, o non valorizzate, presenti nel territorio. Che fossero terreni privati o stabili di proprietà pubblica, tutte le cooperative analizzate hanno potuto rendere produttive risorse territoriali dormienti.

Questa messa in produzione di risorse dormienti della comunità viene resa possibile solo dalla creazione di partnership strategiche, sia all’interno che all’esterno della comunità territoriale.

In questa ottica il gruppo fondatore, deve possedere o sviluppare sia le competenze tecniche, necessarie per condurre l’attività economica, sia quelle “abilità” che facilitino l’ascolto e la tessitura di legami relazionali con la comunità. Le cooperative di comunità devono infatti essere allo stesso tempo attore capace di trattenere i componenti della comunità e di rendere la comunità ed il territorio stesso attrattivo.

Beni comuni

Il tema dei beni comuni è un tema ampio dibattuto e spinoso, su cui da alcuni anni si 5

 

stanno confrontando giuristi, economisti, cittadini, amministratori locali e decisori politici.

Una definizione possibile recita: « I beni comuni sono quei beni che se arricchiti arricchiscono tutti, se impoveriti impoveriscono tutti ». Una definizione che funziona come ”griglia” per capire se un bene può essere considerato bene comune oppure no.

In questa prospettiva sono beni comuni i beni ambientali come l’aria, la terra, i boschi, l’acqua, la salute quindi la sanità ed i servizi di welfare, l’istruzione, la conoscenza, il patrimonio culturale ed artistico. Anche il capitale sociale, la legalità, la sicurezza possono essere considerati “ beni comuni “.

La cosa da capire e che spesso dietro ad ogni bene, definibile come bene comune, c’è una cittadinanza attiva ed una comunità che si è presa cura con responsabilità del bene, pubblico o privato che fosse, regalandogli nuova identità e trasformandolo così in bene comune. Bene che senza tale cura, anche se non completamente abbandonato o pienamente utilizzato, sarebbe stato destinato all’incuria e al degrado, secondo il principio delle “finestre rotte”.

Data la complessità del tema non posso che rimandare ad autonomi approfondimenti.

Qui mi preme solo evidenziare che le attività di cura dei beni comuni, spesso compiute spontaneamente dai cittadini attivi e dal mondo dell’associazionismo, sono state disciplinate dal “Regolamento3 sulla collaborazione fra cittadini e amministrazioni per la cura dei beni comuni” che moltissime città italiane hanno adottato. Tale regolamento inquadra giuridicamente le attività di “cura”dei beni comuni definendo con precisione ruoli e responsabilità rispettive dei cittadini e delle amministrazioni e dando durata nel tempo alle attività di cura, sviluppo e rigenerazione.

3 Nel biennio 2012-2014 l’Associazione Labsus ha redatto insieme con l’amministrazione del Comune di Bologna un Regolamento comunale tipo che dal 22 febbraio 2014 è stato messo a disposizione di tutti i comuni italiani sul sito di Labsus. Il Regolamento è stato adottato dai consigli comunali di oltre 190 città (fra cui, oltre a Bologna, Milano, Torino, Genova, Firenze, Verona, Bari e molte altre) www.labsus.org.

Bovino è ricca di beni culturali ed ambientali, alcuni già resi fruibili dal lungo lavoro delle numerose Associazioni di volontariato e del terzo settore presenti sul territorio, altri invece ancora inutilizzati e/o non pienamente valorizzati. Interessante, in questo orizzonte, il ruolo che può essere svolto dalla cooperativa di comunità che può rappresentare un’efficace modalità per il governo democratico di tali beni in una logica di condivisione e di sviluppo di opportunità occupazionali.

Legittime ed irrimandabili questioni

Alla luce della cornice teorica sinteticamente esposta, si pongono alcune questioni 6

 

dirimenti che sarebbe opportuno approfondire e chiarire per liberare il campo da possibili banali fraintendimenti e incomprensioni, che potrebbero tarpare le ali alla co-costruzione di scenari di cambiamento condivisi, desiderati e possibili, per quanto faticosi. Ma si sa “ Molte cose, non è perché sono difficili che non osiamo farle, ma è perché non osiamo farle che sono difficili ”.

Ed allora oso esser sincero, e con spirito costruttivo provo a porre alcuni punti di domanda e ad esprimere un’unica considerazione, un unico nodo da sciogliere:

Come mai nel “progetto-percorso”, che ci si augura porti alla costituzione della Cooperativa di Comunità di Bovino, non si sono coinvolte altre Associazioni4 oltre alla UNITRE BOVINO ed alla P.A.T.A. ? Non è più facile coinvolgere i potenziali attori di un processo così importante, sensibilizzandoli e responsabilizzandoli sin dall’inizio?

 

4 Con margine di errore io ne conto altre 13 (Proloco, Archeoclub, CTA Centro Turistico Acli, Circolo Florestano Rossomandi, Misericordia, AVIS, Gruppo Teatrale Vernacolare; Polisportiva Bovino CSI, Associazione Cacciatori, Amici degli animali, ASD Monti Dauni Sport e Bike, Verde Mediterraneo, Caritas Diocesana).

Lascio ai lettori l’accoglimento dell’ovvia obiezione dei tempi strettissimi per la formulazione della proposta progettuale da presentare in Regione;

Come mai così pochi i partecipanti alla Conferenza di presentazione del progetto tenutasi il 25 ottobre u.s.? L’Amministrazione Comunale avrebbe potuto far di più invitando e sensibilizzando, anche per le vie brevi, opinion leaders, responsabili di associazioni e una più ampia rappresentanza del mondo imprenditoriale ecc. ecc.

 

Quanti altri incontri e quale crono programma si è dato il Managment di progetto? Sono previsti momenti di ascolto della Cittadinanza e di progettazione partecipata dal basso?

 

Il focus di riflessione proposto dal Nucleo di esperti intervenuti e centrato sul tema delle energie “verdi”, a quale tipo di fonte rinnovabile guarda? Biomasse, fotovoltaico, solare termico, microeolico; quale di esse è più coerente con un modello di sviluppo tendente alla valorizzazione delle produzioni agricole locali, alla valorizzazione dei beni culturali ed ambientali, alla promozione di un turismo esperienziale?

 

Con riferimento ai beni culturali (Museo del Tesoro della Cattedrale, Museo delle Armi, Community Library, Giardini Pensili ecc.) quale architettura organizzativa si prospetta, anche al fine di supportare la potenziale e auspicabile rete Museale di Bovino? Quali competenze, quali professionalità sono da attivare?

 

Altre domande potrebbero legittimamente porsi… 7

 

Tuttavia il nodo fondamentale da sciogliere riguarda la sensazione di seguire piste orientamenti e progettualità eterodirette, governate in gran segreto e più orientate ad assicurare consensi che altro…

Nella speranza di esser presto smentito auspico che il Managment di progetto possa governare il processo con terzietà e condurre in porto l’iniziativa con successo, ri-generando una visione condivisa sulle opportunità locali di sviluppo e di lavoro, con spirito inclusivo ed a vantaggio di tutta la comunità bovinese.

Al Sindaco gli auspici che possa avere il piacere, così come avvenuto in altri contesti, di presenziare alla ratifica notarile della costituzione della Cooperativa di Comunità di Bovino in pubblica assemblea, al cospetto di tutti i cittadini.

Grandi Speranze!

26 Novembre 2019 Michele Dota

Nessuno può fischiettare una sinfonia.

Ci vuole un’intera orchestra per riprodurla.

(HE Luccock) 8

 

I nostri contatti :)