You are here: HomePoesie dialettaliNews

News (388)

Lellentesque elit justo, dictum at facilisis nec, aliquam dignissim lectus. Donec gravida dolor in tortor convallis mollis. Donec vel risus ut turpis viverra faucibus. Aenean viverra quam sed nunc consequat vitae aliquam nisl eleifend. Praesent eros nisi, fringilla sed hendrerit nec.

Arte Cultura e Spettacoli (46)

Maecenas ligula velit, pharetra ut sagittis at, malesuada eget elit. Nunc auctor tellus et neque blandit at convallis justo commodo. Duis ornare velit eget ligula sagittis at feugiat magna accumsan. Nulla feugiat, mauris non ullamcorper accumsan, dui lectus interdum lectus, nec condimentum id velit.

FRANCESCO COLANGELO – VERTICALITY- PRIMO FILM EUROPEO FORMATO VERTICALE

FRANCESCO COLANGELO – VERTICALITY- PRIMO FILM EUROPEO FORMATO VERTICALE

  Ci è giunta  notizia di una  imminente collaborazione artistica del regista b ...

MORE

CAPORALATO - Letture estive di Carmine Santoro

Written by Sunday, 16 December 2018 20:43

Nel rileggere “La questione meridionale” di G.Aliberti- Minerva Italica 1975, alla pag.41 del cap.III “..le migrazioni rurali” ho trovato interessante l’indagine condotta nel 1795 da G.M.Galanti, sul flusso di tanti umili operai tuttofare che si spostavano, per cercare lavoro in ogni direzione e di subire per necessità, condizioni disagiate senza garanzia salariale ed in assenza di tutela sanitaria e sindacale. Nel riportare questi dati, il Galanti scrive: “La maggior parte de’ lavoratori delle campagne viene assoldata da’così detti <caporali > che prendono in appalto...i lavori delle strade, delle tenute…..che fanno eseguire. Vi sono i <caporaletti > che presidiano a’ lavoratori divisi in drappelli.  Sono, i primi, veri incettatori di uomini per un certo tempo.  A pag.158, nel descrivere il genere di vita e di lavoro in Puglia, dei braccianti d’ambo i sessi impiegati nelle masserie, vengono indicati i <caporali > “che servono d’intermediari fra essi e i proprietari..”

Chiaramente la mia attenzione è stata attirata dal particolare fornito dal Galanti, su  come il “caporalato” fosse già presente ed accettato nella vita sociale del 1790-’95.   Di conseguenza parte spontanea la riflessione come ancor oggi, risulta attuale il problema-fenomeno del lavoro sommerso, fuori da ogni norma e tutela.  

I miei pensieri tornano ai giorni fra il 4 e 6 agosto 2018 (!) quando la cronaca era tristemente impegnata, per due incidenti stradali molto simili, avvenuti nella provincia di Foggia con sedici morti, tutti braccianti stranieri. Con il particolare che risultavano tutti assoggettati dal “caporale” di turno.

Vittime due volte in quanto sfruttati per una misera paga, da una delle tante organizzazioni di caporalato, e poi comunque penalizzati a sopravvivere in condizioni disumane dopo una giornata di lavoro, se e quando non sopraggiunge anche la disgrazia!

Non per introdurre dibattiti e paragoni o considerazioni e opinioni in merito ….. ce ne sono fin troppo, e ne ascolteremo tanti altri ancora! Resta solo una curiosa amara constatazione, per la serie: “non è cambiato nulla”!?

Sempre scorrendo le pagine (109-111) del citato libro, mi sono imbattuto in alcuni termini ed espressioni, riportate dal De Cesare in una sua indagine redatta nel 1859, sulle condizioni economiche della classe agricola in Puglia. Svariate parole che richiamano il nostro dialetto, che non usiamo più spesso come prima, ma che hanno una lontana origine ed un preciso significato. 

Non sono una novità…ma credo faccia piacere “ripassare” certi modi di dire, già in uso nel 1850. Parlando della gestione dei terreni e delle coltivazioni, una forma di affitto era l’estaglio,…. come prezzo in ducati da pagare, perl’utilizzo di una versura di terreno.

Una vasta estensione di terreno agricolo, “…si addimanda masseria..” ciascuna masseria si divide in porzioni “che si dicono pezze” (quasi 2.600 mq.) mentre circa una quinta parte della masseria “… non mai si coltiva, ed è destinata col nome di mezzana pel pascolo degli animali..” nella gestione della masseria, il curatolo scelto dal proprietario, “sopraintende a tutte le faccende agrarie” quasi come il massaro. Ad umili operai stagionali, venivano affidati, alcuni lavori faticosi come quello di “…sminuzzare le grosse zolle volgarmente dette tempe”.

Infine, ben si comprende come nel periodo socio-economico del 1860, l’agricoltura nel Meridione pur essendo il principale riferimento per braccianti ed operai, manteneva gli stessi fra miseria e povertà. Il De Cesare conclude, parte della sua indagine nel 1859, con il trascrivere alcuni motti e proverbi in uso nelle campagne Pugliesi, fra cui “..volendo significare che l’agricoltura non frutta niente sogliono dire: chi negozia campa e chi coltiva muore”.

                                                                                     Carmine Santoro

 

BOVINO - CONVOCATO IL CONSIGLIO COMUNALE 20.12.2018

Written by Sunday, 16 December 2018 08:49

E' sotto il mirino della Corte dei Conti anche il Comune di Bovino per questioni di rendiconto di Bilancio  per gli anni 2014-2015. Sotto torchio l' Ufficio Ragioneria del Comune che dovrà trovare adesso le dovute pezze che la Corte dei Conti richiede. Non è questa una questione semplice che, se non affrontata in modo giusto, potrebbe percuotersi negativamente sul futuro amministrativo di questa "Città". 

L' ordine del giorno:

 

BOTTA E RISPOSTA TRA SINDACO DI BOVINO E ALEX FILOMENO

Written by Thursday, 06 December 2018 09:27

Dopo la pubblicazione dell' intervista del Sindaco di Bovino sul periodico Elce di Novembre , arriva la risposta di Alex Filomeno dall'Australia che puntualizza alcune affermazioni del Sindaco in maniera differente da come queste sono state espresse sulla stampa. Anche in questo caso ci limitiamo solo a pubblicare il post-risposta del signor Filomeno  sul web e la nota del Sindaco in risposta all' interrogazione dei Consiglieri Russo Stefania e Totaro Michele:

La risposta di Alex Filomeno:

Questa è la mia risposta all intervista che il Sindaco ha fatto con il giornale Elce: 

Caro Sindaco,

Scrivo questa lettera come risposta alla sua intervista nel numero 133 di Elce che e’ stata pubblicata a Novembre 2018.

Nel leggere la Sua risposta resto ancora una volta sorpreso e perplesso.

Nella sua intervista Lei sostiene che Io avevo il desiderio di mantenere la proposta riservata; in realta’, e’ stato proprio Lei ha suggerire, anche in presenza di Michele D’Andrea, di non voler rendere pubblica la mia proposta. E’ stato solo dopo ripetute sollecitazioni da parte di Andrea verso Nicolo, suo colloboratore che, prioprio il giorno prima che io partissi, la lettara e’ stata resa pubblica. Lei ha riportato, inoltre, che non era al corrente della situazione il che mi sorprende in quanto, come Primo Cittadino, avrebbe dovuto essere informato dei progressi e impegnarsi nello sviluppo della suddetta proposta.

Lei, nella sua intervista, sostiene che ha fatto incontri con altri enti per analizzare la fattibilita’ economica della mia idea e che, dopo questi incontri, si e’ capito che non c’erano gli spazi/finanziamenti per sviluppare la mia proposta.

Proseguendo nella lettura della lettera ho notato anche che stava pensando/analizzando la fattibilita’ di altre idee sociali, come una casa famiglia.

Mi chiedo, come mai non mi ha tenuto al corrente di questi incontri? Come mai non mi ha fatto sapere che l’idea della casa di riposo non era fattibile? Il mio rammarico nasce proprio da questa forma di menefreghismo.

Sono sicuro che ha letto attentamente la lettera che ho scritto; quella lettera che Lei giudica “dura e offensiva”. Nella lettera io ho soltanto criticato la mancaza di comunicazione e di rispetto che Lei, nella sua intervista, ha confermato.

Io, Sindaco, sono una persona veramente spontanea e sincera che voleva fare un qualcosa di grande per il Nostro amato Paese.

Nella Sua intervista, leggo che, secondo Lei, avrei dovuto o versare il mio capitale in una Fondazione, o che avrei potuto finanziare altre Fondazioni benefiche gia’ esistenti come “la Fondazione Valleverde”. (Come SIndaco, Lei e’ il primo Cittadino del paese.. vada in piazza a chiedere cosa la gente dice di suddetta fondazione). Purtroppo, Sindaco, io vivo a piu’ di 20,000km di distanza e “versare/regalare” una considerevola somma di denaro in Fondazioni controllate da qualcun’altro e’ assolutamente fuori discussione.

Alla fine della Sua lettera, Sindaco, cita “sedi legali” facendo trapelare la possibilta’ di una querela. Signor sindaco, anzicche’ usare denaro pubblico con avvocati, lo utilizzi per aiutare l’economia locale. Io sono in impreditore e sono stato capace, con tanta fatica e tanto lavoro, di mettere in piedi un qualcosa di cui, il nostro paese, con I suoi cittadini, puo’ andare fiero. Sindaco, io ho 70 anni e nella mia vita nessuno mi ha mai manipolato.. tanto meno un’opposizione che non mi ha appartiene.

Questa offerta non voleva ne supportare Lei come Sindaco in carica a svantaggio dell’opposione  e tanto meno questa lettera vuole supportare l’opposizione a Suo svantaggio; quindi, Sindaco, tenga I suoi avvocati impegnati per qualcosa di piu’ importante.

Alla fine di questa lettera, ancora amereggiato per non essere stato capito, ritiro la mia offerta in quanto non solo I miei valori e la mia onesta’, come Bovinese emigrato, sono stati messi in discussione ma anche perche’ il mio gesto e le mie emozioni non sono state rispettate.

Cari Bovinesi, sto gia’ lavorando su altre idee che saranno messe a disposizione di VOI tutti senza il bisogno di supporto da parte di nessuno.

In fede,

Alessandro

-------------

La risposta del Sindaco all' interrogazione dei consiglieri  Russo Stefania e Totaro Michele:


 

Due appuntamenti da non perdere per il mese di settembre: Il 29 alle ore 18.30 presso il Museo civico l'incontro con Marcello Introna, autore dei libri "Percoco" e "Castigo di Dio" ; il 30 settembre alle ore 16 presso il Circolo Rossomandi  Chiara Chiappinelli presenterà per i più piccoli "Le incredibili storie di Bianca Pitzorno" con lettura animata e laboratorio creativo.
 Presidio del libro di Bovino, Circolo Rossomandi, Archeocub di Bovino.

 

 

Ci è giunta  notizia di una  imminente collaborazione artistica del regista bovinese Francesco Colangelo  con uno dei più grandi Registi cinematografici viventi: Peter Greenaway.

Francesco ha  creato insieme al genio gallese del Cinema il PRIMO FILM EUROPEO IN FORMATO VERTICALE (quello dei cellulari, per intenderci).

PETER GREENAWAY sarà il supervisore artistico di questo film ad episodi di cui curerà la regia di uno. Un altro degli episodi sarà scritto e diretto da Francesco Colangelo.

Il titolo del film sarà "VERTICALITY" e si propone di cambiare per sempre la visione e la "grammatica" del cinema mondiale.

Il film sarà prodotto dal coraggioso Claudio Bucci della STEMO PRODUCTION di Roma.

Qui di seguito una foto della conferenza stampa tenuta da Claudio Bucci, Peter Greenaway e Francesco Colangelo, in cui viene presentato il progetto cinematografico alla platea del Verticale Movie Festival, primo festival al mondo di cinema in verticale, tenuto in questi giorni a Piazza del Popolo a Roma,  di cui Francesco è stato coordinatore Video. L’altra  è la foto di un articolo che sintetizza le  attività degli artisti.

 

 

Da FoggiaToday 

14 settembre 2018 12:07

Bomba ecologica a Troia: 30 milioni per la discarica Giardinetto

La "bomba" ecologica di Giardinetto scomparirà: presto 30 milioni di euro per rimuovere i rifiuti dal sito

L'annuncio del sindaco di Troia, Leonardo Cavalieri: "Una soluzione permanente e definitiva all’annosa questione Giardinetto, che vedrà la rimozione dei rifiuti dal sito, non lo stoccaggio o la copertura in sicurezza"

“Una giornata storica, quella dello scorso 12 settembre, per tutta la cittadinanza troiana oltre che per le popolazioni dei paesi limitrofi”. Queste le parole con cui il primo cittadino di Troia, Leonardo Cavalieri, ha accompagnato la presentazione presso Regione Puglia della richiesta di finanziamento relativa alla progettazione ed esecuzione degli interventi di messa in sicurezza di emergenza del sito I.A.O. srl sito in contrada Giardinetto.

Nel corso della conferenza di servizi tenutasi nella giornata dello scorso 12 settembre, a Bari, è stato accolto, con parere positivo sia da parte della Regione Puglia che da parte di Aepa il piano di caratterizzazione redatto negli scorsi mesi dall’ATP di professionisti rappresentata dall’ing. Intini. “È stata una giornata storica per tutti noi, perché all’approvazione del piano di caratterizzazione presentato negli scorsi mesi, ha fatto seguito l’impegno dell’amministrazione che rappresento per la richiesta di finanziamento per la messa in sicurezza di emergenza di Giardinetto, a valere sulle risorse del POR Puglia FESR 2014-2020 dell’Asse VI “Tutela dell’ambiente e promozione delle risorse naturali e culturali” – Azione 6.2 – interventi per la bonifica delle aree inquinate. In questo modo, entro tempi brevi, riusciremo a rimuovere dal sito tutti i rifiuti fonte primaria di inquinamento.”

Una soluzione permanente e definitiva all’annosa questione Giardinetto, che vedrà la rimozione dei rifiuti dal sito, non lo stoccaggio o la copertura in sicurezza, grazie ad una linea di finanziamento di quasi 30 milioni di euro. “La soluzione totale, cui farà seguito un secondo passo con la richiesta di un finanziamento mirato alla rimozione anche dei rifiuti interrati e quindi l’esecuzione del piano di caratterizzazione redatto negli scorsi mesi. Credo sia la migliore dimostrazione, qualora ancora servisse, che dal giorno della mia amministrazione ad oggi, il problema Giardinetto non è stato mai dimenticato o sottovalutato. Desidero ringraziare l’assessore Antonella Capozzo ed il consigliere Angelo Moffa che tanto e a lungo hanno lavorato per questo, gli ingegneri Mario Di Pierro e  Matteo Palumbo, del nostro ufficio tecnico comunale, e i nostri interlocutori in Regione Puglia, da sempre disponibili e attenti alle nostre istanze.”

Alla luce dell’ultima conferenza di servizi, l’ufficio tecnico comunale ha già eseguito la stima definitiva per l’esecuzione del piano di caratterizzazione, tanto da poter presentare richiesta di finanziamento per il successivo piano di esecuzione della caratterizzazione, mirata ad indagare eventuale inquinamento delle matrici ambientali.

Approfondimenti:  Filmato su LA7

SI RITORNA A PARLARE DI DISASTRO AMBIENTALE A GIARDINETTO

20 aprile 2017   Giulio Golia de 'Le Iene' a Giardinetto, una bomba ecologica che dura troppo tempo

14 marzo 2013 "Bomba ecologica" in zona Giardinetto, gli inviati di Striscia La Notizia a Foggia

 

 

Pino Lombardi vince meritatamente anche quest' anno il primo premio della 42^ edizione del concorso di poesia dialettale a Bovino .

Questo il testo originale   in lingua  Italiana ed a seguire la traduzione nelle lingue straniere più diffuse  inglese-cinese-russo  (google traduttore)

   Tiéneme sèmb'ammènde

 

Schhhh!

Ne recènne niénde e nen facènne remóure

chióure l’uócchie e appuóggete sóp’a stu móure

 

siénde st’auréice ca ‘nghiéne qua ‘nbónde

viéne ra Salécchie a scengeliarete 'ssì ricce

e pòrte l'addòure re ienéstre e re mendùcce

 

e sta spêre re sòule ca te vêse lu frónde

ra rind’a lu mêre s'ié ‘lezéte appénamatéine

e pò tìtte tìtte ié ‘nghianéte a Sandumartéine

 

annúsele póure sta cechéle cume se sciascïèïe

ma nne la rènne tròppe auriénze senò te ‘nfanfalèïe

 

e mò, préime ca t'abbéïe

àpere l’uócchie

e tiénele semb'ammènde ste paruóle méïe

 

quanne le nnùvele ‘nghépe a tè se fanne scóure

arrecuórdete sta spêre re sòule e nn'avènne paóure,

quanne te siénde cum'a n’ àrbele sbattóute mmiézze a na tembèste

arrecuórdete st’auréicia bèlle ca lu còre te tòrne a ffèste

 

e quanne le chiacchiere re li crestiéne se fanne tagliènde

arrecuórdete re sta cechéle e nne le stènne a ssènde

tiéne ammènde tutte, nen t'i' scurdànne niénde

e tién'ammènde re tè e re mè ‘nda quìstu mumènde

 

tiéne alete la chépe e caméine drìtte  

ma cóche bbòte  vuótete a sta véïe

pecché quìste ié nu stattebbuóne nenn’ ié n' addéie.

--------------------------------------------------------------

 TESTO IN ITALIANO

  RICORDAMI SEMPRE

Schhhh!

Non dire nulla e non far rumori

chiudi gli occhi e appoggiati a questo muretto

 

senti questa brezza che giunge quassù

viene dal monte Salecchia a scompigliarti un po’ quei riccioli

portando con sé il profumo di ginestre e di mentuccia

 

e questo raggio di sole che ti bacia la fronte

dal suo letto di onde si è levato di buon mattino

e poi scalando i tetti è giunto in cima a San Martino

 

senti anche questa cicala come se la gode a cantare

ma non stare a lungo ad ascoltarla, potresti rimanere confusa

 

ed ora prima di andare

apri gli occhi e ricorda sempre queste parole

 

quando i tuoi giorni saranno tali, da farti sentire come sotto un cielo di nubi minacciose

ricordati di questo raggio di sole e non temere,

quando ti sentirai affranta, come ad un albero battuto da una tempesta

ricorda questa brezza e il cuore ti sarà rinfrancato,

 

e se le dicerie della gente dovessero divenire maldicenze

ricorda il canto di questa cicala e non dargli troppa retta

ricorda tutto, non dimenticare nulla

e ricorda te e me in questo istante

 

a testa alta e con rettitudine percorri la tua strada

ma qualche volta fatti rivedere da queste parti

perché questo è solo l’augurio di ogni bene futuro, non è un addio

......................................................................................................

TESTO IN INGLESE

 ALWAYS REMEMBER

 

Schhhh!

 

Do not say anything and do not make noises

 

close your eyes and lean on this wall

 

feel this breeze coming up here

 

comes from Mount Salecchia to mess up those curls a little

 

bringing with it the scent of brooms and mint

 

 

 

and this ray of sunshine kissing your forehead

 

from his bed of waves he rose early in the morning

 

and then climbing the roofs he reached the top of San Martino

 

 

 

you also hear this cicada as if he enjoys singing

 

but do not stay long to hear it, you could be confused

 

 

 

and now before going

 

open your eyes and always remember these words

 

 

 

when your days will be such, to make you feel like under a sky of threatening clouds

 

remember this ray of sunshine and do not fear,

 

when you feel broken, like a tree beaten by a storm

 

remember this breeze and your heart will be refreshed,

 

 

 

and if the rumors of the people were to become slanders

 

remember the song of this cicada and do not give it too much right

 

remember everything, do not forget anything

 

and remember you and me in this instant

 

 

 

head up and straight, follow your path

 

but sometimes made to revise these parts

 

 

because this is only the wish of every future good, it is not a goodbye

-------------------------------------------------------

TESTO IN CINESE TRADIZIONALE

永遠記住

 

Schhhh!

 

不要說什麼也不要發出聲音

 

閉上眼睛,靠在這堵牆上

 

 

 

感覺到這裡微風吹拂

 

來自薩萊基亞山(Mount Salecchia),讓那些捲髮搞得一團糟

 

帶來掃帚和薄荷的香味

 

 

 

這一縷陽光親吻著你的額頭

 

從他的床上,他一大早起來

 

然後爬上屋頂,他到達聖馬蒂諾的頂部

 

 

 

你也聽到這個蟬,好像他喜歡唱歌一樣

 

但不要長時間聽,你可能會感到困惑

 

 

 

而且在去之前

 

睜開眼睛,永遠記住這些話

 

 

 

當你的日子如此,讓你感覺像是在一片威脅的雲層之下

 

記住這一縷陽光而不要害怕,

 

當你感到破碎時,就像一棵被風暴打敗的樹

 

記住這微風,你的心會煥然一新,

 

 

 

如果人們的謠言成為誹謗

 

記住這只蟬的歌,不要太過正確

 

記住一切,不要忘記任何事情

 

並在此刻記住你和我

 

 

 

抬頭直走,沿著你的路走

 

但有時會修改這些部分

 

 

因為這只是每個未來美好的願望,所以不是再見

................................................................

TESTO IN RUSSO:

  ВСЕГДА ПОМНИТЕ

 

Schhhh!

 

Не говорите ничего и не делайте шумов

 

закройте глаза и опирайтесь на эту стену

 

 

 

почувствуй этот ветерок здесь

 

происходит от горы Салеккья, чтобы немного испортить эти кудри

 

принося с собой запах веников и мяты

 

 

 

и этот луч солнца поцеловал тебя в лоб

 

с его ложа волн он встал рано утром

 

а затем поднявшись на крыши, он достиг вершины Сан-Мартино

 

 

 

вы также слышите эту цикаду, как будто он любит петь

 

но не задерживайтесь долго, чтобы услышать это, вы можете быть смущены

 

 

 

и теперь, прежде чем идти

 

открой глаза и всегда помни эти слова

 

 

 

когда ваши дни будут такими, чтобы вы чувствовали себя под небом угрожающих облаков

 

помните этот солнечный луч и не бойтесь,

 

когда вы чувствуете себя разбитым, как дерево, избитое штормом

 

помните этот ветерок, и ваше сердце будет освежено,

 

 

 

и если слухи о народе должны были стать клеветой

 

вспомните песню этой цикады и не давайте ей слишком много права

 

помни все, не забывай ничего

 

и помните, что вы и я в этот момент

 

 

 

направляйтесь вверх и прямо, следуйте по своему пути

 

но иногда их пересматривают

 

потому что это только желание каждого будущего добра, это не прощай

 

 

 

 

Il pianeta, il lavoro, lo sfruttamento, i reati ambientali e molto altro: sono solo alcuni dei temi di cui si parlerà nei giorni 11, 12 e 13 agosto, ore 19.30, a Palazzo Pisani, in uno dei borghi più belli d’Italia.

 

Questa nuova edizione della rassegna, organizzata dall'Archeoclub di Bovino in collaborazione con la libreria Ubik e il Circolo Culturale Rossomandi e a cura di Oscar Buonamano e Lea Durante, sarà dedicata ad Alessandro Leogrande e avrà come ospiti: Bruno Arpaia, Gisella Orsini, Simona Barba e Nicola Tramonte.

 

REI-RED: la nuova procedura per l'invio delle domande.

Written by Saturday, 07 July 2018 06:13

Come è noto, a partire da lunedì 2 luglio scorso è di nuovo attiva la funzionalità per la trasmissione delle domande di accesso alle misure di contrasto alla povertà nazionale (REI) e regionale (RED). La piattaforma regionale unica dedicata alle due misure (http://www.sistema.puglia.it/SistemaPuglia/reired2018) è stata, dunque, aggiornata e migliorata per consentire il recepimento di tutte le recenti modifiche normative e regolamentari in materia che hanno reso le due misure parallele ed alternative come platea di riferimento.

I nostri contatti :)