You are here: HomeMusica bovineseNews

News (383)

Lellentesque elit justo, dictum at facilisis nec, aliquam dignissim lectus. Donec gravida dolor in tortor convallis mollis. Donec vel risus ut turpis viverra faucibus. Aenean viverra quam sed nunc consequat vitae aliquam nisl eleifend. Praesent eros nisi, fringilla sed hendrerit nec.

Arte Cultura e Spettacoli (44)

Maecenas ligula velit, pharetra ut sagittis at, malesuada eget elit. Nunc auctor tellus et neque blandit at convallis justo commodo. Duis ornare velit eget ligula sagittis at feugiat magna accumsan. Nulla feugiat, mauris non ullamcorper accumsan, dui lectus interdum lectus, nec condimentum id velit.

POETI BOVINESI : CARMINE SANTORO

POETI BOVINESI : CARMINE SANTORO

La poesia fuori tempo di Carmine Santoro:   Se …piove   Pioggia di sette ...

MORE

IL CENTRO TURISTICO ACLI PROPONE

Written by Sunday, 11 September 2016 19:48

PARIGI

DELICETO - PROCLAMATO LUTTO CITTADINO

Written by Tuesday, 30 August 2016 07:06

E' stato proclamato il lutto cittadino  a Deliceto per  la morte di tre giovani delicetani avvenuta la sera del 27 Agosto per un incidente automobilistico stradale:

PASOLINI, RAGAZZO A VITA - MARE NERO - UNA STORIA QUASI SOLO D' AMORE

Tre libri, tre firme famose (RENZO PARIS - GABRIELLA GENISI - PAOLO DI PAOLO)  negli incontri programmati dal Circolo Culturale Florestano Rossomandi in collaborazione con la libreria Ubik di Foggia che si terranno presso la sede del Circolo di Piazza del Duomo,  nei giorni 11-12-13 Agosto.

Conduttori ed organizzatori di questi incontri : Oscar Buonamano e Lea Durante.

La cittadinanza è invitata.

 

Giunto alla sua settima edizione il Premio Cosua, sezione dedicata alla videoarte del videoconcorso Francesco Pasinetti, assegna il premio prestigioso 2016 a tre giovani talenti Bovinesi che hanno presentato il cortometraggio "010".

La bella notizia viene riportata dalla stampa:

Il corto "010" di Rocco Claudio Giannotti, Andrea Cotugno e Luigi Giannotti vince il Premio Maurizio Cosua all'interno del VideoConcorso Francesco Pasinetti.e verrà esposto quest'anno alla Mostra del Cinema di Venezia e in una collettiva presso lo spazio espositivo della Fabbrica del Vedere dell'Archivio Carlo Montanaro a Venezia.

"010"
di Rocco Claudio Giannotti, Andrea Cotugno, Luigi Giannotti 

attrice: Rosalba Leonetti 

Musica: "Mathom" di Emmanuele Totaro 

“010 è la rappresentazione di un viaggio senza inizio e senza fine attraverso due realtà non ben definite, senza luogo, né spazio, né tempo. Il punto di congiunzione tra questi due mondi che si mescolano è il luogo onirico dove l’attrice è intrappolata. Lo scopo del video è quello di far vagare lo spettatore all’interno di questo circolo infinito, in una sorta di loop temporale: mondi contrapposti come realtà e fantasia, o veglia e sonno etc. etc., diventano in “010” dimensioni che si completano a vicenda. Non può esistere nella pratica l’uno senza l’altro e il punto di incontro tra le due realtà sembra essere l’unica cosa definita. La domanda che sorge dunque spontanea è questa: qual è la realtà e quale la fantasia? Noi ci fermiamo nel mezzo". (Rocco, Luigi, Andrea)

"010 si presenta con una struttura linguistica solida 
senza facili cedimenti a forme estetizzanti, supportato da uno svolgimento narrativo essenziale ma efficace.
La perdita di un'identità certa, condizione fondamentale dell'essere attrice, si dissolve nella dimensione del sogno che ciascuno di noi vive come sviluppo indefinito di un tempo dell'esistenza che nel suo svolgersi, va oltre all'esperienza del reale. Di questa sospensione di coscienza, la sequenza ne è lo specchio deformato che in noi permane come dimensione altra" .

Dal 1° al 15 Agosto il Circolo Culturale "F.Rossomandi" e il Museo Civico C.G. Nicastro ospiteranno la mostra "Dai frammenti del sacro alla ricomposizione del mito" a cura di Rocco Marino. L'inaugurazione si terrà il 31 luglio 2016 alle ore 20,00 presso il Circolo "Rossomandi". 

Oltre 6mila quintali di grano duro contaminato da micotossine sono stati sequestrati dal Corpo forestale dello Stato presso un impianto di stoccaggio in provincia di Foggia. L’attività si è conclusa dopo una serie di indagini che hanno portato al prelievo, al campionamento e alle successive analisi chimiche eseguite presso il laboratorio Arpa di Bari delle partite di grano poste sotto sequestro. Queste presentavano valori di Ocratossina di tipo A oltre il 50 per cento il limite massimo consentito dalla normativa vigente. Le micotossine sono sostanze tossiche per l’organismo umano prodotte dai ceppi fungini Aspergillus e Fusarium. I cereali, durante la fase di raccolta e stoccaggio, possono essere contaminati da tali ceppi con effetti nocivi per la salute, se non correttamente conservati. Il prodotto sequestrato, circa 3 silos per un totale di 6.500 quintali di grano, proveniente dal raccolto dell’annata agraria 2014-15, di origine italiana, era destinato ad essere trasformato per un successivo uso alimentare.  Il grano duro è utilizzato soprattutto per la pasta. I Forestali del Comando Provinciale di Foggia e del Comando Stazione di Ascoli Satriano, insieme alla Asl di Foggia, hanno posto i sigilli ai silos contenenti il grano contaminato e ritrovato presso l’impianto di stoccaggio e movimentazione di cereali. Il titolare del deposito, inoltre, è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per detenzione di sostanze alimentari alterate.  La continua attività dei Forestali in provincia di Foggia, volta a garantire la sicurezza alimentare e la qualità dei prodotti, ha così evitato gravi ripercussioni sulla salute dei consumatori. Una notizia che arriva proprio nei giorni in cui i produttori di grano italiano lamentano il deprezzamento del prodotto nazionale a scapito delle importazioni da Canada e Ucraina.

AVIS BOVINO - RACCOLTA DI SANGUE DOMENICA 31 LUGLIO

Written by Thursday, 28 July 2016 17:33

L' equipe medica del Centro Trasfusionale degli Ospedali Riuniti di Foggia sarà presente domenica 31 Luglio dalle ore 09,00 alle ore 11,00 presso il nuovo poliambulatorio in Via Casette Asismiche a Bovino per la periodica raccolta di sangue.

L' Associazione Avis di Bovino rivolge l' invito a tutti i volontari affinchè non manchino a quest' appuntamento importante:

CORSO DI MOUNTAIN BIKE AL BOSCO MACCHIONE

Written by Wednesday, 20 July 2016 19:54

Tecniche di guida in bici fuoristrada al Bosco Macchione saranno dimostrate ed insegnate dal maestro e tecnico di Federazione Ciclismo Italiano PAOLO MARTELLI, in un breve corso che si terrà al bosco Macchione nei giorni del 6 e 7 Agosto.

Le modalità di partecipazione sono descritte nella seguente locandina fattaci pervenire dagli organizzatori:

Suona la carica degli ex-studenti  della Scuola Magistrale “ Apostole del Santo Rosario” e Tecnico Commerciale “ L. Einaudi” di Bovino, alias ex-studenti del Castello di Bovino, per ritrovarsi dopo tanti anni il 6 Agosto 2016.

Il programma dell’ incontro e le modalità di partecipazione sono descritte in questa locandina fattaci pervenire dagli organizzatori.

      Non è vero che non si erano mai verificati incidenti precedenti a quello del 12 luglio 2016 sulla linea ferroviaria Bari – Nord. Nel dicembre ’86 l’impatto frontale tra due vagoni in arrivo sul secondo binario mentre un altro vagone era fermo. Quella che trent’anni fa veniva chiamata la Barletta – Bari fu al centro di un incidente che per puro caso non sfociò in tragedia ma comunque causò ben 34 feriti fra i passeggeri in seguito al tamponamento tra i due convogli della Bari–Nord. Tra i feriti molti andriesi tra i quali ancora oggi, a distanza di trent’anni da allora, emerge drammatico il ricordo di quella brutta esperienza.
Tra quei passeggeri anche l’allora venticinquenne andriese Daniela Recchia, rimasta ferita nell’incidente, che oggi ricorda quei momenti indimenticabili di panico collettivo e ne parla con il Presidente di “Io Ci Sono!”, Savino Montaruli il quale ha estratto dal proprio archivio storico personale un articolo della Gazzetta del Mezzogiorno – Gazzetta di Puglia – Corriere delle Puglie di giovedì 11 dicembre 1986 che scrisse dell’incidente.
La signora Recchia racconta e scrive sulla sua bacheca: “quel giorno ero sul treno della Bari – Nord con mia madre per recarmi a Bari. Ci schiantammo a tutta velocità contro un vagone fermo in stazione. Per fortuna, fermo. Non ci furono morti, penso, proprio perché l’altro treno era fermo. Ma tanti, tanti feriti, (alcuni gravi) me compresa, anche se io me la cavai con un taglio sulla fronte e un ginocchio gonfissimo. Ma allora non c’era Internet e la cosa venne messa a tacere. Mai avuto nemmeno un biglietto di scuse, mai saputo perché accadde, mai avuto una spiegazione. Mi sono portata dietro per anni uno shock postraumatico, perché non si può immaginare quello che si prova in quei momenti, né si può descrivere. Ma non sono un po’ troppi due incidenti del genere????”
Quella di Daniela è una domanda lecita che anche gli inquirenti in queste ore, in questo momento si stanno ponendo e siamo certi, anche noi di “Io Ci Sono!”, che quella domanda avrà subito una risposta chiara e precisa.
Allora non venne aperta neanche un inchiesta e che ci risulti neanche un inchiesta interna o almeno non se ne ebbe notizia.

Andria, 13 luglio 2016
ASSOCIAZIONE “IO CI SONO!”
ANDRIA

 

I nostri contatti :)