You are here: HomeMusica bovineseNews

News (381)

Lellentesque elit justo, dictum at facilisis nec, aliquam dignissim lectus. Donec gravida dolor in tortor convallis mollis. Donec vel risus ut turpis viverra faucibus. Aenean viverra quam sed nunc consequat vitae aliquam nisl eleifend. Praesent eros nisi, fringilla sed hendrerit nec.

Arte Cultura e Spettacoli (44)

Maecenas ligula velit, pharetra ut sagittis at, malesuada eget elit. Nunc auctor tellus et neque blandit at convallis justo commodo. Duis ornare velit eget ligula sagittis at feugiat magna accumsan. Nulla feugiat, mauris non ullamcorper accumsan, dui lectus interdum lectus, nec condimentum id velit.

POETI BOVINESI : CARMINE SANTORO

POETI BOVINESI : CARMINE SANTORO

La poesia fuori tempo di Carmine Santoro:   Se …piove   Pioggia di sette ...

MORE
Monteleone: Carmelo Morra da' in escandescenza ed espelle un esponente dell'Opposizione
Il Sindaco convoca il Consiglio comunale nel giorno delle primarie del Centrosinistra

«Sta diventando il filo conduttore del suo modo di agire durante le Assemblee consiliari. Il sindaco Carmelo Morra, ad ogni Consiglio comunale, espelle dall'Aula un membro dell'Opposizione». E' il commento di Pasquale Rigillo, Consigliere della Primavera di Monteleone, allontanato dall'Aula durante l'ultima Assise tenuta domenica scorsa nel piccolo centro dei Monti Dauni. «Al senatore Morra non piace il contraddittorio, disdegna la voce fuori dal coro. Vorrebbe che l'intero Consesso pendesse dalle sue labbra - incalza Rigillo - Ma la cosa piu' deprimente e' vedere i Consiglieri di maggioranza alzare la mano senza proferir parola. Da quando si sono insediati, nell'aprile del 2010, non fanno altro. Secondo il Sindaco l'asino vola? I suoi Consiglieri approvano e cosi', a Monteleone, abbiamo un asinello che vola da quasi tre anni!!! Siamo al grottesco». Il gruppo di Opposizione denuncia ormai da tempo le modalita' improprie del senatore Carmelo Morra di condurre i Consigli comunali. E piu' volte ha chiamato in causa il Prefetto. Ma, nel recente passato, espellere dall'Aula un Consigliere di opposizione non ha portato certo bene all'ex coordinatore provinciale del Pdl. «Al senatore Carmelo Morra non e' andata giu' l'idea di essere stato trascinato in tribubale dall'Opposizione e ora cerca di vendicarsi anche con queste becere azioni fasciste - attacca duramente Antonietta Colangelo, capogruppo della Primavera - Gia' nel febbraio 2011 aveva espulso la consigliera Tina Preziosi che stava semplicemente mettendo in guardia l'intero Consiglio comunale perche' si stava commettendo una probabile illegalita'. Cosa che si e' rivelata non priva di fondamento dal momento che il Pubblico Ministero ha chiesto il rinvio a giudizio per il sindaco, l'assessore Antonio Taggio e il consigliere Salvatore Pucillo con l'accusa di abuso d'ufficio. Se solo avessero ascoltato la nostra esponente - sottolinea Colangelo - oggi non si troverebbero in questa delicata condizione». Nel piccolo comune dauno lo scontro politico ha raggiunto il livello di guardia. «Da quando e' diventato sindaco Carmelo Morra, l'aria in questo paese e' molto pesante. Chi e' politicamente schierato contro di lui finisce per subire azioni che puzzano di ritorsione - denuncia Pasquale Rigillo - il Sindaco non tollera il dissenso dell'Opposizione. Non regge il confronto e da' in escandescenza. Per i prossimi Consigli chiederemo la presenza del Prefetto o di un suo delegato perche' la situazione ha ormai varcato il limite della decenza e della sopportazione. Cacciare dall'Aula un Consigliere di Opposizione - conclude Rigillo - e' un'azione antidemocratica, fascista, da novello Pinochet». Ad alimentare la polemica politica e' la convocazione dell'ultimo Consiglio comunale per il 25 novembre. «Credo che in nessuno degli 8092 Comuni italiani sia stato convocato un Consiglio per il giorno in cui si sono tenute le primarie del centrosinistra - evidenzia Antonietta Colangelo - A Monteleone siamo ormai abituati a convocazioni per Natale, Capodanno, Corpus Domini e Tutti i Santi. Ma questa ci mancava - ironizza Colangelo - E ovviamente Carmelo Morra non poteva lasciarsi sfuggire la possibilita' di tenere un Consiglio comunale nel giorno in cui il centrosinistra era chiamato a scegliere il candidato premier. In barba ad ogni logica di buon senso e di correttezza politica, il Sindaco ha cercato invano di ostacolare il bagno di democrazia che anche il nostro piccolo comune ha vissuto. Pensava di impedirci un'attiva partecipazione alle primarie. Non aveva previsto, pero', la massiccia mobilitazione di militanti e simpatizzanti. Ed e' grazie al loro impengo che Monteleone ha ottenuto un ottimo risultato a questa festa della Democrazia. I cittadini, seppur guardati a vista da qualche soggetto inviato per vigilare e scoraggiare l'entrata nel seggio, hanno scelto liberamente di esprimere la preferenza ad uno dei cinque candidati». E a Monteleone e' stato un plebiscito per Nichi Vendola.

 

 

Passa la linea della maggioranza mentre l' opposizione si astiene.

Scattano da domani i dieci giorni per  addurre giustificazioni valide ed eliminazione delle cause di incompatibilità da Consigliere Comunale dell' ex-assessore Lenoci. Difatti la revoca della delega assessorile è già valida e quindi non può esercitare tali funzioni mentre, per la decadenza da Consigliere c'è da attendere che passino i dieci giorni dall' approvazione della decisione in Consiglio Comunale.

------------------------------

La "cacciata" dalla giunta comunale di Bovino dell' Assessore Lenoci è, di fatto, già avvenuta con il decreto  firmato dal Sindaco il 13 Novembre 2012 e con molte probabilità, nella seduta del Consiglio prossimo ci sarà la formale contestazione per l' intervenuta condizione di incompatiblilità a coprire la carica di Consigliere Comunale.

Si consuma così miserevolmente un "patto" forzatamente messo in piedi da maestranze potenti all' interno ed all' esterno della vita politica bovinese che, puntualmente, organizzano il gruppo alle scadenze elettorali e che già manovrano per le prossime.

E' questa dell' allontanamento di Lenoci una operazione che, tutto sommato, se non ci sarà la nomina di un altro assessore, farà risparmiare qualche spicciolo di indennità  per la carica vacante, a meno che non serva questa stessa manovra a poter far risalire nel gruppo di maggioranza qualche altro ben ammanigliato nelle grazie di chi conta.

Risultati alle primarie del centro-sinistra a Bovino

Written by Sunday, 25 November 2012 22:01

A questo secondo turno di votazioni per le primarie si sono recate 75 persone esprimendosi così:

BERSANI voti 47

Renzi     voti  27

Scheda bianca 1

Gli organizzatori sono soddisfatti per l' andamento delle operazioni di voto, per la regolarità delle procedure e per la partecipazione avuta.

 

------------------------------------------------------------------------------

I risultati del primo turno:

Bovino è stato il paese in cui lo spoglio è durato pochissimi minuti ed il seggio più veloce degli altri a comunicare il risultato delle primarie: vince Vendola con 43 preferenze, seguito da Bersani con 29 voti, terzo Renzi con 25 schede, due per Tabacci e 2 per Puppato. Si son recati a votare 101 persone tra residenti e non.

Primarie del Centro-Sinistra a Bovino

Written by Wednesday, 21 November 2012 08:55

COMUNICATO STAMPA DI SINISTRA ECOLOGIA E LIBERTA' DI BOVINO:

Domenica 25 novembre si svolgeranno le primarie della coalizione di centro-sinistra per la scelta del candidato o della candidata Presidente del Consiglio dei Ministri.

 

A Bovino è possibile registrarsi presso l’ufficio elettorale sito in via Castello n.1 che sarà aperto da sabato 17 novembre tutte le sere dalle ore 19.00 alle ore 20.00. In alternativa è possibile registrarsi anche domenica 25 prima di votare.

 

Per la registrazione è necessario presentare un documento d’identità, sottoscrivere l’appello “Italia.BeneComune” e versare € 2; si riceverà il certificato di elettore del centro-sinistra che andrà presentato insieme al documento di identità il giorno delle primarie.

 

Il 25 novembre si voterà dalle 8.00 alle 20.00.

 Chiesto il rinvio a giudizio per il Senatore Morra, l’assessore Antonio Taggio e il consigliere comunale Carmelo Salvatore Pucillo. I tre rischiano da 6 mesi a 3 anni di carcere. È la pena prevista per il reato di abuso d’ufficio loro ascritto. Le indagini, avviate dopo la denuncia della consigliera della Primavera di Monteleone Tina Preziosi, si sono concluse con la richiesta del Pubblico Ministero di rinviare a giudizio i tre amministratori del piccolo centro dauno. Nell’udienza preliminare tenuta il 14 novembre, Carmelo Morra ha chiesto di essere ascoltato dal giudice. Il GUP ha quindi aggiornato la seduta al 30 gennaio prossimo.«È solo un espediente per prendere tempo ma la sostanza non cambia – ha affermato a caldo Antonietta Colangelo, capogruppo dell’Opposizione – e il senatore Morra lo sa benissimo». I fatti risalgono al 27 febbraio 2011 quando i tre esponenti della maggioranza, in Consiglio comunale, su un accapo all’ordine del giorno, votarono a favore della già chiacchierata cooperativa Futura. «Avevamo messo in guardia l’intero Consiglio comunale – sottolinea la capogruppo della Primavera di Monteleone – e invitato caldamente i tre ad allontanarsi dall’Aula in quanto direttamente interessati perché soci della cooperativa o parenti prossimi di alcuni soci. Non ci hanno ascoltato e ora ognuno si deve assumere le proprie responsabilità». Nell’elenco dei soci della coop. guidata da Pompeo Colangelo, braccio destro del senatore PDL, compaiono infatti: la moglie, la figlia, il figlio, alcune nipoti, la nuora, il genero e un cognato del sindaco Carmelo Morra; due sorelle, svariati nipoti e la suocera del consigliere Salvatore Pucillo; lo stesso assessore Antonio Taggio, sua moglie, suo fratello e sua cognata. E una ulteriore denuncia tira in ballo altri esponenti della Maggioranza. «In un secondo momento siamo venuti a conoscenza che quasi tutti i consiglieri di maggioranza, all’epoca dei fatti, erano soci o avevano familiari soci della Futura – sottolinea Colangelo – e abbiamo denunciato nuovamente il tutto alle autorità competenti». Rischiano di rispondere dello stesso reato anche Angelantonio Guerriero, vicesindaco di Monteleone e socio della Futura, Dario Liscio, assessore al bilancio e socio della cooperativa di cui fanno parte anche sua madre, suo padre e sua sorella. A rappresentare la famiglia del consigliere Antonio Volpe nella compagine sociale, invece, c’è sua moglie. «Sembrerebbe una Amministrazione comunale espressione della cooperativa Futura» ironizza l’esponente della Primavera che poi incalza «durante quell’Assise, la consigliera Tina Preziosi fu addirittura espulsa dall’Aula dal sindaco Morra perché chiedeva il rispetto della legge. E alle nostre rimostranze tutti i consiglieri di maggioranza fecero orecchie da mercante. Più volte avvisati – conclude Antonietta Colangelo – omisero di astenersi pur in presenza di un chiaro interesse proprio o di un prossimo congiunto procurando intenzionalmente, a loro stessi o ad altri, quindi, un ingiusto vantaggio patrimoniale». Il Consiglio comunale revocò e annullò due delibere del 2009 con le quali, l’amministrazione guidata dall’allora sindaco Giovanni Campese, per una serie di inadempienze della cooperativa che gestisce la casa di riposo di Monteleone, aveva avviato il procedimento di rescissione del contratto. I danni quantificati per le mancanze della Futura erano stati calcolati in circa 130mila euro. Con l’annullamento delle delibere il Comune non ha più dato corso al risarcimento. E il mese scorso, la Giunta guidata dal senatore Carmelo Morra ha deliberato la proroga di tre anni alla Cooperativa Futura per la gestione della casa alloggio anziani. Senza avviso pubblico e a convenzione scaduta già da cinque mesi. L’Opposizione ha presentato ulteriore denuncia.

 

Riordino delle Province, la BAT accorpata a Foggia

Ora è ufficiale: la Provincia BAT di Barletta-Andria-Trani sarà accorpata alla Provincia di Foggia. Il Consiglio dei Ministri, infatti, ha approvato il decreto legge di riforma delle Province: la notizia è stata data attraverso un post su Twitter dal Ministero della Funzione Pubblica e poi confermata dal ministro Filippo Patroni Griffi. Il decreto sulle Province prevede il passaggio da 86 a 51 Province comprese le città metropolitane.

E nella tabella resa nota dal Governo, il territorio della Provincia di Foggia si allarga fino a comprendere anche quello della BAT. La riforma delle Province sarà attiva a partire dal 2014 e a novembre del 2013 si terranno invece le elezioni per decidere i nuovi vertici, ha spiegato il ministro. Il riassetto delle Province non prevede che siano istituiti dei commissari nella fase di transizione. Tuttavia, "solo dall'eventuale inadempimento dell'obbligo nei termini scatterà uncommissario ad acta per garantire i passaggi intermedi funzionali alla transizione".


LA GEOGRAFIA DELLA NUOVA PUGLIA - In Puglia, quando, Bari diventerà a partire dal 2014 una Città Metropolitana. Le Province, invece, saranno ridotte a tre: Foggia, che assorbirà Andria-Barletta-Trani, Taranto-Brindisi, Lecce.

 

Che in Sicilia i maggiori partiti sarebbero andati incontro a un “vaffa” era già in conto. Ma i siciliani hanno confezionato un “vaffa” ancora più consistente e dal sapore liberatorio. E il riferimento non è al dato, “clamoroso” a detta del diretto interessato, del candidato di Beppe Grillo. Ancora più “clamoroso”, numericamente e politicamente, è il dato dell’astensione, superiore al 50%.

 

Nelle prime ore di lunedì i dati arrivano a rilento,inizialmente Giancarlo Cancelleri sembra, almeno a Palermo, il primo per numero di preferenze anche se via via che le ore passano l’entusiasmo cala. Ma il partito dell’astensione è l’unico che raggiunge la maggioranza assoluta. Il 47, 42% dei siciliani è andato a votare, il che vuol dire che, rovesciando questo dato, il numero dell’astensione è pari a poco meno del 53%. Più di un siciliano su due.

Prima ancora del candidato vincitore, prima ancora della (doverosa) osservazione sul fatto che un voto così combattuto non darà al prossimo presidente una maggioranza assoluta a palazzo d’Orleans, prima ancora di tutto questo ci si dovrà preoccupare di quel dato.

Il “vaffa” siciliano suona come una sberla. E non solo per Cancelleri, Musumeci e Crocetta, nomi poco familiari fuori dall’isola. E’ una sberla anche per i partiti nazionali e i loro segretari che giustamente guardavano al voto siciliano come al primo vero antipasto delle prossime politiche.

La polibasket Bovino vince Memorial "Di Leo"

Written by Monday, 29 August 2011 18:54

Memorial "Nando Dileo": vittoria Polibasket Bovino

La Polibasket Bovino ha partecipato alla settima edizione del Memorial "Nando Dileo"a Cerignola. La manifestazione, curata in maniera impeccabile dal Centro Sportivo Italiano di Cerignola, ha visto la partecipazione al trofeo di Minibasket di ben 9 squadre, di cui 4 dell' UDAS Cerignola, 2 di Carapelle, 2 della Polibasket Bovino e infine la squadra Gym Center di Ascoli Satriano.

Il trofeo, suddiviso in tre gironi (1997/2000, 2001/2002 e 2003/2004) è stato vinto dalla Polibasket Bovino, che allenata dal coach Aldo Arbizzani, si è classificata nei rispettivi gironi al primo posto.

Al termine delle partite, alcune squadre si sono riunite nel palazzetto ed hanno partecipato alla Santa Messa in ricordo del volontario Nando Dileo.

In seguito, nel pomeriggio, la manifestazione è proseguita con il triangolare di calcio a 5 , dove la Polibasket, insieme alla squadra della scuola di minicalcio della Polibasket Bovino, allenata dal mister Francesco Cece, ha ben figurato.

La manifestazione si è conclusa con la premiazione e la consegna delle coppe. Il presidente Prof. Gandolfo Cascio, si è complimentato con i suoi ragazzi augurando loro di poter replicare l'ottima performance il 6 maggio a Sant'Agata di Puglia e il 17 giugno a Bovino.



Potrebbe interessarti:http://www.foggiatoday.it/sport/polibasket-bovino-vittoria-memorial-nando-dileo.html
Leggi le altre notizie su:http://www.foggiatoday.it/o seguici su Facebook:http://www.facebook.com/FoggiaToday

Premio Lupo

Written by Sunday, 28 October 2012 19:56

Un week-end tra presentazioni di libri, reading, spettacoli e laboratori per i più piccoli. La settima edizione del “Premio Lupo” verso il gran finale: tre giorni di eventi e premiazione dei vincitori del concorso. Appuntamento dal 19 al 21 ottobre, sui Monti Dauni, con i protagonisti del “Lupo”

Ormai manca poco. La settima edizione del “Premio Lupo” si avvia verso il gran finale con una tre giorni di eventi culturali a corollario della cerimonia di premiazione dei vincitori delle sezioni in gara per l’edizione 2012 del concorso letterario dei Monti Dauni.
Tre giorni di eventi, in programma dal 19 al 21 ottobre, per una interessante serie di appuntamenti culturali tra presentazioni di libri, concerti, reading letterari e laboratori per i più piccoli. Tutti gli Eventi del Lupo si svolgeranno in modo itinerante, nei luoghi caratterizzanti i comuni che sostengono il Premio Lupo, il concorso di racconti inediti che, quest’anno, è promosso dalle amministrazioni comunali di Alberona, Bovino, Castelluccio Valmaggiore, Celle di San Vito, Faeto e Roseto Valfortore, con il partenariato dell’Assessorato allo Spettacolo e Cultura della Regione Puglia e dell’Amministrazione Provinciale di Foggia.
Se il popolo di Facebook ha già un vincitore – quello della sezione “Social Network – Status Impossibili” che ha visto salire al gradino più alto del podio l’utente Fb Francesco Lamberti, con il suo status ispirato al Mahatma Gandhi – la giuria degli esperti presieduta dallo scrittore Valerio Millefoglie incoronerà, il 21 ottobre, ad Alberona, i vincitori delle sezioni “Social – Il lupo cattivo si racconta”, “Folktellers – I Monti Dauni” e “Shortstories – L’invasione dei lupi”.

“Siamo pronti: anche quest’anno la tre giorni di eventi a corredo del Premio Lupo offrirà al pubblico dei comuni partecipanti e sostenitori del progetto una serie di eventi che coinvolgerà tutte le fasce d’età, nel nome della letteratura”, spiega il direttore artistico del premio, Pierluigi Bevilacqua. “Il Premio Lupo vivrà un intenso finale premiando i vincitori della VII edizione. Tra gli appuntamenti, l’incontro con Sandro Bonvissuto e il suo “Dentro” sarà all’insegna della scoperta di una nuova letteratura, capace di essere riconoscibile anche dopo tante difficoltà. La sua storia, infatti, rappresenta un caso editoriale e professionale che incuriosirà quest’esordio targato Einaudi”.
“Ma non è tutto – spiega Enrico Cibelli che con Bevilacqua divide le responsabilità della direzione artistica del premio – In programma infatti ci sono incontri con scrittori emergenti, come Alessandro Gallo e il suo romanzo “Scimmie”, e registi come Fabio Luongo e il suo documentario “La terra dei lupi”. E poi spettacoli teatrali e laboratori per i più piccoli”. Tutti gli appuntamenti si terranno nei comuni del subappennino dauno: Faeto, Roseto Valfortore, Bovino, Castelluccio Valmaggiore, Celle San Vito e Alberona. Proprio ad Alberona, domenica sera, si svolgerà la cerimonia finale, durante la quale Valerio Millefoglie, il presidente di giuria, consegnerà i premi ai vincitori del “Lupo”. Il programma completo della tre giorni all’insegna della letteratura è su: www.premiolupo.com.

 

Trovati reperti in rame

Written by Sunday, 28 October 2012 19:46

Cultura sempre in primo piano a Bovino dove grazie ad un incontro organizzato dalla locale sezione dell’Archeoclub, si è parlato di uno dei siti archeologici più importanti della Daunia: ‘Tegole’. Alla conferenza, intitolata ‘Le colline del vento” , ha partecipato l’archeologa della Sovrintendenza ai beni archeologici della Puglia, Anna Maria Tunzi.
Grazie agli scavi preventivi effettuati per l’installazione di un parco eolico in località ‘Tegole’, sono venuti alla luce importantissimi resti dell’età del rame – in qualche modo riconducibili alla stessa popolazione delle stele di Sterparo (altra importante località archeologica dell’agro bovinese) che fotografano perfettamente la vita quotidiana e l’organizzazione di una vera e propria ‘metropoli’ del IV millennio.
Anche allora la zona era interessata da forti venti, ma ingegnosamente i loro abitanti avevano costruito delle barriere con profondissime palizzate a protezione sia degli insediamenti abitativi che di quelli produttivi, lasciando così tracce tra le più interessanti non solo per aggiungere altri tasselli alla lettura della storia d’italia ma di tutta europa.

 

I nostri contatti :)