You are here: HomeLinkCosa succede in Comune....

Cosa succede in Comune.... (154)

Bovino: Consiglio Comunale per il 28

Written by Saturday, 23 February 2013 09:07

E' stato convocato il Consiglio Comunale in sessione straordinaria alle ore 9,00 del 28 Febbraio con il seguente ordine del giorno:

 

Bovino: false verità pagate con soldi pubblici

Written by Tuesday, 19 February 2013 21:26

Solo chi non conosce il soggetto si lascia abbindolare dai discorsi evanescenti e fumosi del personaggio che ora usa  non si sa quali fondi per propagandare a pagamento un’ attività fine a se stesso e di cui fino ad oggi poco s’è visto trasformato in sviluppo reale.

Ma qui si  rischia di far passare false verità in meriti che lontanamente corrispondono a realizzazioni concrete, oltre che far passare i lettori per emeriti fessi.

Oggi si sta parlando del “Centro del gusto del Gal Meridaunia” che sarà  realizzato, guarda caso, a Troia e, pensa un po’,  trasformando un ex convento in un polo dell’ enogastronomia dei Monti Dauni della Puglia !!

Per nulla togliere la validità del progetto realizzato dai tecnici che certamente avranno tenuto conto del contesto architettonico della città di Troia ma, a parte il progetto, qui si dice che il “gallo salta addosso alla gallina”, per cui la cosa da far emergere principalmente, secondo il propagandista, è la finalità del Gal: valorizzare l’ intera area attraverso il recupero di edifici storici da utilizzare  per attività ben diverse dalle destinazioni d’uso per cui sono stati costruiti ! E’ come dire  che faccio ristrutturare un lavatoio pubblico con tanto di vasche e fontanelle, per fare un garage a pagamento; oppure demolisco una chiesetta rustica per farci passare una strada o  demolisco un Santuario antico per ricostruirne un’ altro più moderno e consono all’ attività alberghiera limitrofa!! Quante ne abbiamo già viste!! Il peggio è che il gallo cedrone vanta di aver ricostruito dalle fondamenta (vedi l’ intervista all’ inaugurazione della nuova sede Meridaunia) il vecchio municipio di Bovino, e lo ribadisce in questo articolo del Corriere affermando “ Così è stato fatto con il vecchio Municipio di Bovino, oggi ristrutturato con fondi Gal e sede di Meridaunia..”, dicendo con questo che i fondi sono quelli del Gal e chi vi risiede è Meridaunia.

 In verità, in quel palazzo:

1) La proprietà è e resta sempre del Comune di Bovino che con la debolezza e la benevolenza dell' attuale amministrazione l' ha ceduta in comodato d' uso (gratuitamente) al Gal Meridaunia il quale incamera dal Comune, oltre all'uso a gratis, la quota annuale  che il Comune è tenuto a versare alla pari degli altri Enti che non hanno regalato nulla al Gal ;

 2) è stato fatto ben poco in ristrutturazione; l’ edificio era adibito ad Istituto Scolastico Liceale in buone  condizioni d’uso; i lavori eseguiti sono stati quelli di adeguamento alle proprie necessità operative del Gal che in termini nostrani significa che  si è dato all' immobile una “lavata di faccia” e nemmeno per  intero (basta verificare la parete esterna dell’ edificio e notare che la parte alta è stata biancheggiata solo fino dove è più in vista, lasciando inalterata la parete alta esterna che non si affaccia su Piazza Municipio);

3) I tempi di esecuzione dei lavori sono stati normali per ciò che c’ era da fare e che si è fatto;

4) I soldi spesi non sono certo del Gal Meridaunia, ma fondi pubblici, senza alcun controllo sulle procedure di esecuzione e di spesa;

5) Nell’ articolo propagandistico si fa quasi intendere che siano due enti diversi il Gal e il Meridaunia ; poco si capisce invece del fatto  che fa capo ad un presidente del quale le norme statutarie non ne prevedono più la permanenza.

Questo è l’ articolo-propaganda del Corriere della Sera di Sabato 16 Febbraio 2013:

 

 

 Con un comunicato stampa la Regione Puglia ha annunciato che sono state sottoscritte il 31 Gennaio a Bari le convenzioni d'intenti tra la Regione Puglia, l'Autorità idrica pugliese e l'Acquedotto pugliese e i comuni di Bovino, Alberona,  Cagnano Varano, Carlantino,Castelluccio Valmaggiore, Celenza Valfortore, Celle San Vito, Panni e Volturino, finalizzato a garantire il passaggio della gestione del Servizio idrico integrato ad Acquedotto pugliese, in conformità con quanto disposto dalle normative vigenti.

Soddisfazione è stata espressa dall'assessore alle Opere pubbliche e Protezione civile, che ha ringraziato le strutture regionali, dell'Autorità idrica pugliese e di Acquedotto pugliese perchè 'finalmente da oggi il servizio idrico integrato di tutti i 258 comuni della Puglia sarà gestito da Acquedotto pugliese, così come previsto dalla legislazione vigente.

"L'operazione che stiamo compiendo oggi è storica e permetterà di mettere assieme tutti i comuni, anche quelli ancora decentrati rispetto al territorio regionale, come quelli del Subappennino Dauno, in un sistema virtuoso secondo cui una qualsiasi problematica legata al servizio idrico integrato di un paesino, diventa necessariamente anche degli altri comuni. Unire la gestione significa rendere simili tutti gli utenti e i loro diritti, essendo pagatori ed usufruitori della tariffa. "Al di là degli interventi che ci accingiamo a realizzare in questi territori, ringrazio i rappresentanti dei comuni coinvolti per aver saputo cogliere il valore di prospettiva e la ragione che sovrintende il protocollo d'intesa che stiamo sottoscrivendo'. Il Direttore d'Area ha spiegato che 'gli interventi complessivi che saranno realizzati grazie alla sottoscrizione dei Protocolli d'Intesa ammontano a 36 milioni di euro, una parte importante della prima delibera CIPE che l'amministrazione ha inteso orientare in questa direzione. Il Direttore generale dell'Autorità Idrica Pugliese ha detto che'abbiamo in programma importanti interventi di infrastrutturazione in favore dei territori del Subappennino Dauno, che senza questo protocollo non possono essere messi in atto'. Alla cerimonia di sottoscrizione hanno partecipato, oltre all'Assessore, al Direttore d'area e al Direttore generale dell'Autorità Idrica, il dirigente del servizio tutela della acque ed il responsabile dell'Unità Territoriale di Foggia dell'AQP.




 

 Si è tenuta la riunione prevista  e si sono apportate modifiche alla bozza di regolamento proposta. Di seguito il verbale della riunione e le modifiche apportate:

 

"Regolamento disciplinante i controlli interni"  è l'oggetto di convocazione della conferenza dei Capigruppo consiliari del 29 gennaio prossimo.

La bozza di proposta è visibile a questo link e di seguito la nota di convocazione:

 

 

Bovino: si vota il 26 e 27 Maggio

Written by Thursday, 24 January 2013 08:41

 

Le Elezioni Amministrative del 2013 si terranno il 26 e 27 maggio nei comuni con scadenza naturale del mandato degli organi eletti nel 2008 ed in quelli alle elezioni anticipate perché commissariati o per motivi diversi. I ballottaggi sono fissati per il 9 e 10 giugno.

Al momento andranno alle urne 669 comuni, di cui 481 appartenenti a regioni ordinarie e 188 a regioni a statuto speciale. A questi potrebbero aggiungersene altri se i relativi consigli comunali dovessero essere sciolti con DPR entro il 24 febbraio.

Riduzione del numero dei Consiglieri ed Assessori

Con il rinnovo della Giunta e dei Consigli comunali si applicheranno le norme in materia di contenimento delle spese degli enti locali che prevedono la riduzione di circa il 20% del numero di consiglieri e degli assessori comunali, come pubblicato nella tabella in basso.

 

 

  

 

 

      
           

 

 

 

             
             
             
             
             
             
             
             
             

 

 

Bocche cucite in Comune per l’ articolo riportato sul Mattino di Foggia  e Provincia del 8.01.2013 ! Forse non se ne parla perché non se ne sarebbero nemmeno accorti, o forse è meglio non parlarne perché, per le prossime elezioni comunali, certe notizie potrebbero far male a chi da mesi si ripropone di governare il paese nei prossimi cinque anni, convinto (ahimé !) di aver fatto tutto bene, collaborato da una squadra che ha solo fatto danni ed operato per i propri interessi!

L’articolo in questione è il seguente:

Bovino: Un’ amministrazione senza….

Written by Monday, 07 January 2013 18:16

 

palle da mettere sull’ albero di Natale !!

L’ aforisma del “senza palle” non è riferito solo alla inesistenza di capacità nel prendere decisioni per l' incompatibilità di un assessore , per l' assenteismo cronico di alcuni consiglieri, sulla funzionalità del personale, sul rispetto delle regole sulla viabilità , sul piano di recupero del centro storico etc.etc. (per queste cose c'è ben altro da dire !), ma si usa quel termine in quanto, per il poco interesse che si sta dimostrando per il paese, si va sempre più sul ridicolo: chi non ricorda i fontanini del centro storico

ai quali avevano dimenticato di fare lo scarico e di allacciarli alla rete idrica ?…e

 

la porta sul muro del pianto con tanto di scale che portano verso il cielo ?

 

….ora hanno persino dimenticato di mettere le palle e gli addobbi natalizi ad un albero di Natale posto durante le festività sopra il monumento ai caduti in villa comunale !!

 

Non vi sembra il caso di affermare che questa maggioranza ha fatto  la fine di Ionna ?

E' tra le righe della convocazione del prossimo consiglio comunale del 29 Novembre che risalta la profonda crisi della maggioranza al Comune di Bovino, in stato avanzato di decomposizione in quanto è da mesi che la Giunta non opera nella sua pienezza per presunte incompatibilità tenute nel cassetto dalla stassa maggioranza e tirate fuori solo ora che ci si avvicina sempre più alle elezioni, sottacendo altre incompatibilità e molte altre inadempienze che ha visto un Consiglio comunale menomato anche sul numero delle presenze.

Di seguito l' ordine del giorno del Consiglio Comunale convocato alle ore 17 del 29 novembre prossimo:

  Questa è una buona amministrazione ?

E’ la domanda che si fa il cittadino Bovinese che assiste ad un modo scialacquato di gestione della cosa pubblica, finalizzato comunque all’accaparramento di consensi e con sistemi non sempre conformi alla legge. E’ possibile che  gli attuali amministratori non si siano accorti   che la concessione per un chiosco che fa quattrini nella villa comunale, sia scaduta nel febbraio 2007 e  che venga ignorata per tutto il 2008-2009-2010-2011 e buona parte del 2012 ?

Poteva  l’ Amministrazione accettare soldi per una concessione che non c’era più?

 Ora che sono prossime nuove elezioni, con la delibera di Giunta n. 73 del 23 Agosto appena passato, si è confezionata una nuova idea regalo pregna di escamotage riparatori che mettono il coperchio ad una pentola che puzza di malaffare, di interessi ed ingiustizie


 

 

 

...mentre chi tarda arriva, mai si alloggia!!

Rifondazione Comunista di Bovino c' invia questa segnalazione che sottoponiamo all' attenzione dei nostri "navigatori":

E’ uno sputo negli occhi lo scandalo evidente delle occupazioni abusive delle case popolari a Bovino senza che l’ Amministrazione Comunale intervenga per il rispetto di una graduatoria in vigore e che solo pro-forma è stata approntata con tanto di domande, prese per i fondelli e promesse a tutto spiano che oggi sta causando una guerra tra poveri, cittadini  che stanno sbottando oramai allo stremo della sopportazione. Avviene così che senza aspettare i tempi burocratici delle assegnazioni, come si libera un alloggio per rinuncia, per recesso o decesso…l’ ultimo in graduatoria scavalca tutti ed occupa abusivamente, garantito da un’ inefficienza delle autorità locali.

E’ di questi giorni la notizia di un avente diritto, assegnatario con decreto sindacale, invitato dall ‘Istituto Autonomo delle Case Popolari  a versare le somme per la registrazione del contratto, trova quello stesso alloggio già occupato da poche ore  da un’ altra famiglia ! Quasi deriso da qualche amministratore perché avrebbe dovuto fare la stessa cosa dell’ altro: scassare la porta ed occupare prima!...

Questo è solo l’ultimo degli avvenimenti del genere in quanto qualche mese fa se ne è verificato un altro e prima, ancora altri casi! Pur di accontentare tutti è stato detto che quest’ Amministrazione sta provvedendo a far costruire altre case popolari, in una zona tutta nuova, quindi bisogna solo aspettare…intanto andiamo a votare e poi…è meglio una casa nuova che non una vecchia !!

Rifondazione Comunista – 71023 Bovino- 21.11.2012

I nostri contatti :)