You are here: HomeLinkCosa succede in Comune.... BOVINO: PUBBLICITA' = PROGRESSO (?) PER LE ELEZIONI DEL 2019

BOVINO: PUBBLICITA' = PROGRESSO (?) PER LE ELEZIONI DEL 2019

Written by  admin Published in Cosa succede in Comune.... Friday, 28 December 2018 08:04

Anche a Bovino la campagna elettorale delle Amministrative 2018 ha i suoi strascichi, anzi, sembra non esser mai terminata e che si ricominci per le elezioni del 2019 non molto lontane. 

      A mantenere viva l' attenzione sono  gli Amministratori Comunali di maggioranza che sognano già  in un prosieguo vittorioso anche alle prossime elezioni Europee, magari presenti in una delle liste che "tirano" il carrozzone . Per questo  ci si affanna a mantenere caldo il momento favorevole inventandosi manifestazioni ed eventi che non sempre raggiungono l' obiettivo di far meglio funzionare le cose in paese, sprecando risorse che non producono un bel niente!

In questi giorni ci sarà anche un "resoconto" di quello che è stato fatto in questi primi mesi di Amministrazione, cioè per dire cosa si è prodotto a tutti coloro che non si sono accorti di nulla e, magari, autocelebrarsi davanti ad un pubblico  di fans che rivediamo nelle manifestazioni sportive e basta. Speriamo che a quest' incontro vadano anche cittadini come quelli che ci hanno inviato questo documento per far conoscere una realtà diversa da quella che si vuol far credere:

La lettera ricevuta con l' invito alla pubblicazione su questo sito:

Vorremmo poter comunicare con Sindaco e Dirigenti del Comune, per appuntare lo sguardo verso i problemi del quartiere Montecastro; anzitutto da ricordare che ad agosto il n.132 di Elce, ha pubblicato una prima segnalazione sulla situazione della panoramica di Monte Castro, con tutto il prato recintato e con la croce deturpata e sconnessa per i lavori effettuati. Interventi utili per la distribuzione dell’acqua potabile, ma che ha prodotto danni al simbolo e alla conservazione del crocifisso in ferro, che domina il paese.  E tutti del Comune sanno che la sommità di questa collina, fa parte della  memoria storica e tradizionale dei Bovinesi. Purtroppo le luminarie Natalizie e l’attenzione dell’Amministrazione si fermano sul Corso!

Scendendo da questa collina si percorre Viale Boccaccio, per cui all’incrocio con Via C.G.Nicastro si possono ammirare delle piscine all’aperto, come lussuose ville di  Hollywood. I domiciliati dei palazzi intorno, da svariati mesi guardano con invidia queste piscine che si sono formate nelle fondamenta del palazzo di fronte (fortunati loro, casa popolare con piscina!) Insomma una palazzina rifatta ..ma mai completata…sempre all’italiana maniera fra appalti e ditte fantasma e cento altri cavilli. Forse concorrenti della Piscina comunale o preparativi per le Olimpiadi?

A parte le solite “competenze” di altri ed in altre direzioni, il Comune deve  prendere posizione in merito alla sicurezza di queste vasche piene d’acqua: - per la pubblica incolumità e per l’igiene pubblica e per il decoro del paese - per i rifiuti accumulatisi - per il cattivo odore che si spande oltre le prime abitazioni -per le zanzare ed altri insetti presenti ed abbondanti per tutta l’estate …e speriamo nel freddo per avere un po’ di tregua. O queste non sono di competenza?

Non è una critica per rivalità politica, siamo cittadini che fanno presente un problema e finisce quì; non ci interessano le zizzanie della politica!

Giacchè ci siamo, ma vi pare sensato bloccare un paese, la mattina dell’8 dicembre, chiudendo il transito su itinerario principale, per una fantomatica ed inutile area pedonale con i mercatini lontani ed in altra ubicazione? Purtroppo questa smània dell’isola pedonale sul Corso è andata avanti ad agosto, e si ripete ancor oggi e chissà per quante altre volte ancora!  

L’ordinanza reg.n.49/2018, ha imposto per il 3 e 4 dic. il divieto di sosta su corso V.Emanuele, per “..allestimento delle diverse postazioni-casette” attività svolta solo in piazza Marino Boffa. Quindi il Corso era svincolato…ma lo stesso è stato chiuso!

Isola pedonale sul Corso dalle 16,00 del 7 dic. alle ore 24,00 del 9 dic.2018, sempre per “lo svolgimento dei Mercatini e della Sagra;” cose che non si sono effettuate su questa area, che è rimasta preclusa o inutilizzata!

Un po’ di logica ed equilibrio, avrebbero evitato di occupare a vuoto il Corso sapendo bene che ogni sabato p.za XX Settembre è sacrosanta riservata al mercato. Sempre per una logica di accontentare le bancarelle, a discapito di altre attività commerciali da cui sono stati allontanati i clienti. E sempre perché nessun Amministratore e Dirigente comunale, per evidente necessità urbanistica e deflusso traffico, hanno il coraggio di chiudere per sempre agli ambulanti P.za XX settembre, fra cui l’unico posto-sosta per disabili viene occupato ed occultato da una bancarella. E certamente il regolamento regionale sui mercati, non prevede un simile abuso. E certamente nessun paese o Comune “civile” può restare indifferente di fronte al disagio dei disabili.

La mattina di sabato 8 dicembre il Corso è rimasto vuoto e desolato, mentre  i pochi turisti in giro e la popolazione, fra l’imposizione di divieti e di circolazione preclusa, hanno ricevuto solo disagi. I visitatori e frequentatori, con il freddo e l’intemperie, fra acrobatici parcheggi….sono rimasti sconcertati!!!  Grazie al cattivo tempo e per il freddo, P.za XX settembre si è liberata per la partenza anticipata delle bancarelle. Il tutto, con un solo Vigile in servizio, affannato e stravolto. E le consegne con carico-scarico delle merci…dove? Sempre con l’elicottero? Veicoli di una certa portata che non sapevano dove e come scaricare…qualcuno se ne rende conto? Però, a chiacchiere, il turismo e l’accoglienza a Bovino, prima di tutto e tutto sul Corso!

Sempre perché l’Amministrazione vede e stravede per portare sul Corso principale di tutto ed il contrario di tutto!  Il Codice della strada, il buonsenso, ed altri regolamenti NON prevedono e non ammettono la chiusura sbarrata con transenne e tutori/paletti pedonali in ghisa, di una via, anche ai mezzi di soccorso. E i disabili? Devono volare  per atterrare dove? Perché non riservare ai disabili un po’ di spazio, sul Corso anche se “isola pedonale”?

Sempre la stessa ordinanza, prevede: E’ fatta eccezione, relativamente al divieto di cui al punto precedente, esclusivamente per i veicoli dei servizi ….” Il punto precedente, si riferisce al solo divieto di sosta in P.za M. Boffa.  Non si comprende perchè sti veicoli della Polizia e del soccorso, dovrebbero sostare in piazza M.Boffa  già tutta occupata dalle casette! E poi non si capisce perché solo a Bovino potrebbero circolare vecchi veicoli delle PP.TT. e dell’Enel, enti non più con quella sigla. Solo confusione ed approssimazione. Del tutto, nessun accenno alle auto private per disabili o portatori di grave disagio fisico, che necessitano di comprensione e agevolazioni.

Una soluzione: la tanto attesa e discussa “sosta a pagamento” permanente in P.za XX settembre, pure di sabato. Anche perché, con le continue chiusure del Corso ad area pedonale, ed il restante tratto riservato al carico-scarico dei furgoni per lavoro di consegna merce, e divieto di sosta su di un intero lato,....cosa resta delle piazzole a “pagamento”? ..pochi spiccioli!

Read 1874 times Last modified on Sunday, 10 February 2019 08:03

I nostri contatti :)