You are here: HomeLibri e documenti bovinesiNews

News (385)

Lellentesque elit justo, dictum at facilisis nec, aliquam dignissim lectus. Donec gravida dolor in tortor convallis mollis. Donec vel risus ut turpis viverra faucibus. Aenean viverra quam sed nunc consequat vitae aliquam nisl eleifend. Praesent eros nisi, fringilla sed hendrerit nec.

Arte Cultura e Spettacoli (45)

Maecenas ligula velit, pharetra ut sagittis at, malesuada eget elit. Nunc auctor tellus et neque blandit at convallis justo commodo. Duis ornare velit eget ligula sagittis at feugiat magna accumsan. Nulla feugiat, mauris non ullamcorper accumsan, dui lectus interdum lectus, nec condimentum id velit.

CONCORSO POESIA DIALETTALE BOVINO 2018 - 1° CLASSIFICATO: PINO LOMBARDI

CONCORSO POESIA DIALETTALE BOVINO 2018 - 1° CLASSIFICATO: PINO LOMBARDI

Pino Lombardi vince meritatamente anche quest' anno il primo premio della 42^ ed ...

MORE

Il significativo titolo dell' articolo dell' Elce di Dicembre 2012, ci introduce alla lettura su quanto sta succedendo a Valleverde, a causa del Commissariamento della Fondazione che gestisce la struttura di accoglienza di anziani, della quale si è molto parlato in passato e che tutt' ora è argomento di discussione nei luoghi di ritrovo più frequentati nel paese.

Dall' articolo è evidente l' atteggiamento dei dirigenti che tende a minimizzare la discussione che invece è molto vivace nelle famiglie di quelle persone che ivi lavorano e non si sa bene se assunti e retribuiti secondo le norme contrattuali.

Più che delle beghe interne alla Fondazione, vorremmo parlare delle condizioni in cui si trovano gli anziani, come essi vengono trattati ed assistiti, al di là dei costo delle rette che le famiglie e la Regione sborsano. Ma senza oltrepassare i limiti delle nostre competenze, ci limitiamo a riportare l' articolo dell' Elce, assecondando quelle poche bocche scucite che non vogliono aggravare una situazione per nulla trasparente che vede commissariata una Fondazione già dopo pochi mesi dall' inizio della propria attività:

 

E’ un Natale ricco di eventi quello che propone anche quest’anno il Liceo Classico/Scientifico V.Lanza di Bovino (FG). Sabato 22 Dicembre 2012 è il giorno designato per questa enorme festa che coinvolge non solo gli studenti di Bovino, ma quelli di tutta la Capitanata. Ad aprire le danze alle ore 10.30  è il tradizionale appuntamento artistico mattutino nella Sala Pio IX, che quest’anno ha come argomento l’”Immaginazione”, e che vede impegnati nella realizzazione e nella costruzione di spettacoli teatrali e musicali gli studenti e gli ex studenti del Liceo di Bovino. A dirigere le operazioni è di nuovo il tenace professor Pompeo D’Andrea. Gli alunni metteranno in scena le proprie rivisitazioni di opere come “Favolescion”, “A Christmas Carol”, “Peter Pan” e il tutto culminerà con lo spettacolo teatral/musicale “Davide Nella Gabbia del Silencio”, scritto e diretto dagli Utopia, la rockband che si è formata nelle aule del Liceo. Si prosegue poi con il trattamento di un argomento un po’ più delicato. Infatti gli alunni del Lanza guidati dal loro intraprendente rappresentante Rocco Giannotti, sostengono il progetto Telethon perché, ci dice proprio Rocco Giannotti: “crediamo nell’importanza della ricerca, in quanto unica possibilità per trovare un giorno la cura a tante patologie. E anche perché ci fidiamo, crediamo nella serietà e nella trasparenza della Fondazione”. I ragazzi hanno deciso di sostenere la ricerca in un modo diverso, innovativo, organizzando una Giornata di Beneficenza che si articolerà in tre fasi: LA PARTITA DEL CUORE (torneo calcistico dalle ore 14.30 presso il Campo Sportivo Comunale Regina Margherita di Bovino e dove i ragazzi delle tre sedi del Liceo Classico "V.Lanza" – Bovino, Ascoli Satriano e Foggia - e quelli dell'Istituto Professionale "A.Pacinotti" di Bovino si scontreranno in una gara a punti dove si contenderanno il prestigioso Trofeo di Telethon); IL CONCERTO DI BENEFICENZA (concerto al Palazzetto dello Sport di Bovino dalle ore 19.30 e che prevede l’esibizione di 8 band emergenti del nostro territorio: “Vir e i suoi composti” da Ascoli Satriano; “Work in progress” da Candela; “Akoè” da Deliceto; “Utopia” da Bovino; “Mannaro” da Foggia; “Between The Balls and the Ass” da Ascoli Satriano; “Marco Romagno” da Foggia; “Viperium” da Ascoli Satriano); DISCO MUSIC FOR TELETHON (dj set con la musica di Dj Killer Father e con l’esperto di Jungle e Drum’n’Bass Dj DFonq). Si tiene a precisare che naturalmente, tutto il ricavato di queste manifestazioni sarà devoluto a favore della campagna Telethon.

Un’altra prova di coraggio per questo meraviglioso paesino che nonostante si faccia derubare, anno dopo anno, dalla falce dell’emigrazione di un’ingente quantità di giovani,  continua imperterrito a dimostrare come sia assolutamente e paradossalmente attivo, pulsante e vivo.

Non mancate e non fatevi sfuggire un programma del genere che nel vostro palinsesto non può assolutamente mancare!

 

Dalla Redazione di Teleradioerre:

  FOGGIA, lunedì 10 dicembre 2012 - ORE 19.08

Alta capacità Bari-Napoli, Minervini: primi passi nella giusta direzione
 


'L´operatività dei primi 18,5 km della linea alta capacità Taranto-Lecce-Bari - Napoli, nel tratto foggiano tra Cervaro e Bovino sono una buona notizia.
Un primo, primissimo passo verso il collegamento della dorsale adriatica alla metropolitana d´Italia che viaggia ad alta velocità e che finora ha tagliato fuori un pezzo importante del Paese'.
L´assessore alle infrastrutture e mobilita della Regione Puglia, Guglielmo Minervini commenta così la notizia della attivazione della prima tratta pugliese dell´alta capacità.
'Rete ferroviaria italiana finalmente dimostra di fare sul serio. - aggiunge Minervini - Le Regioni Puglia e Campania hanno fornito un contributo importante destinando, con la firma del Contratto istituzionale di sviluppo, 800 milioni per il completamento del progetto. Bisogna correre anche sul tratto campano, ancora fermo alle progettazioni preliminari. Avremo modo di verificare lo stato di attuazione complessivo dei lavori nella cabina di regia che si terrà mercoledì a Roma con il Ministro Barca.
Adesso serve fare un investimento forte con la nuova programmazione europea 2014/2020 per trovare i circa 3 miliardi mancanti per realizzare l´intera opera'.




redazione Teleradioerre

Cosimo Tiso espone a Bovino

Written by Monday, 10 December 2012 16:04

Ha scelto Bovino l' artista Cosimo Tiso per mettere in mostra i propri lavori nel Museo Civico "G.Nicastro" dal 8 Dicembre 2012 al 8 Gennaio 2013.

La personale mostra di pittura è stata inaugurata l' 8 Dicembre con la collaborazione della Pro Loco Bovinese e dall' Archeoclub d' Italia, sezione di Bovino, col patrocinio del Comune.

L' ingresso è libero e sarà meta dei visitatori durante il periodo natalizio nel percorso dei Presepi.

Monteleone: Carmelo Morra da' in escandescenza ed espelle un esponente dell'Opposizione
Il Sindaco convoca il Consiglio comunale nel giorno delle primarie del Centrosinistra

«Sta diventando il filo conduttore del suo modo di agire durante le Assemblee consiliari. Il sindaco Carmelo Morra, ad ogni Consiglio comunale, espelle dall'Aula un membro dell'Opposizione». E' il commento di Pasquale Rigillo, Consigliere della Primavera di Monteleone, allontanato dall'Aula durante l'ultima Assise tenuta domenica scorsa nel piccolo centro dei Monti Dauni. «Al senatore Morra non piace il contraddittorio, disdegna la voce fuori dal coro. Vorrebbe che l'intero Consesso pendesse dalle sue labbra - incalza Rigillo - Ma la cosa piu' deprimente e' vedere i Consiglieri di maggioranza alzare la mano senza proferir parola. Da quando si sono insediati, nell'aprile del 2010, non fanno altro. Secondo il Sindaco l'asino vola? I suoi Consiglieri approvano e cosi', a Monteleone, abbiamo un asinello che vola da quasi tre anni!!! Siamo al grottesco». Il gruppo di Opposizione denuncia ormai da tempo le modalita' improprie del senatore Carmelo Morra di condurre i Consigli comunali. E piu' volte ha chiamato in causa il Prefetto. Ma, nel recente passato, espellere dall'Aula un Consigliere di opposizione non ha portato certo bene all'ex coordinatore provinciale del Pdl. «Al senatore Carmelo Morra non e' andata giu' l'idea di essere stato trascinato in tribubale dall'Opposizione e ora cerca di vendicarsi anche con queste becere azioni fasciste - attacca duramente Antonietta Colangelo, capogruppo della Primavera - Gia' nel febbraio 2011 aveva espulso la consigliera Tina Preziosi che stava semplicemente mettendo in guardia l'intero Consiglio comunale perche' si stava commettendo una probabile illegalita'. Cosa che si e' rivelata non priva di fondamento dal momento che il Pubblico Ministero ha chiesto il rinvio a giudizio per il sindaco, l'assessore Antonio Taggio e il consigliere Salvatore Pucillo con l'accusa di abuso d'ufficio. Se solo avessero ascoltato la nostra esponente - sottolinea Colangelo - oggi non si troverebbero in questa delicata condizione». Nel piccolo comune dauno lo scontro politico ha raggiunto il livello di guardia. «Da quando e' diventato sindaco Carmelo Morra, l'aria in questo paese e' molto pesante. Chi e' politicamente schierato contro di lui finisce per subire azioni che puzzano di ritorsione - denuncia Pasquale Rigillo - il Sindaco non tollera il dissenso dell'Opposizione. Non regge il confronto e da' in escandescenza. Per i prossimi Consigli chiederemo la presenza del Prefetto o di un suo delegato perche' la situazione ha ormai varcato il limite della decenza e della sopportazione. Cacciare dall'Aula un Consigliere di Opposizione - conclude Rigillo - e' un'azione antidemocratica, fascista, da novello Pinochet». Ad alimentare la polemica politica e' la convocazione dell'ultimo Consiglio comunale per il 25 novembre. «Credo che in nessuno degli 8092 Comuni italiani sia stato convocato un Consiglio per il giorno in cui si sono tenute le primarie del centrosinistra - evidenzia Antonietta Colangelo - A Monteleone siamo ormai abituati a convocazioni per Natale, Capodanno, Corpus Domini e Tutti i Santi. Ma questa ci mancava - ironizza Colangelo - E ovviamente Carmelo Morra non poteva lasciarsi sfuggire la possibilita' di tenere un Consiglio comunale nel giorno in cui il centrosinistra era chiamato a scegliere il candidato premier. In barba ad ogni logica di buon senso e di correttezza politica, il Sindaco ha cercato invano di ostacolare il bagno di democrazia che anche il nostro piccolo comune ha vissuto. Pensava di impedirci un'attiva partecipazione alle primarie. Non aveva previsto, pero', la massiccia mobilitazione di militanti e simpatizzanti. Ed e' grazie al loro impengo che Monteleone ha ottenuto un ottimo risultato a questa festa della Democrazia. I cittadini, seppur guardati a vista da qualche soggetto inviato per vigilare e scoraggiare l'entrata nel seggio, hanno scelto liberamente di esprimere la preferenza ad uno dei cinque candidati». E a Monteleone e' stato un plebiscito per Nichi Vendola.

 

 

Passa la linea della maggioranza mentre l' opposizione si astiene.

Scattano da domani i dieci giorni per  addurre giustificazioni valide ed eliminazione delle cause di incompatibilità da Consigliere Comunale dell' ex-assessore Lenoci. Difatti la revoca della delega assessorile è già valida e quindi non può esercitare tali funzioni mentre, per la decadenza da Consigliere c'è da attendere che passino i dieci giorni dall' approvazione della decisione in Consiglio Comunale.

------------------------------

La "cacciata" dalla giunta comunale di Bovino dell' Assessore Lenoci è, di fatto, già avvenuta con il decreto  firmato dal Sindaco il 13 Novembre 2012 e con molte probabilità, nella seduta del Consiglio prossimo ci sarà la formale contestazione per l' intervenuta condizione di incompatiblilità a coprire la carica di Consigliere Comunale.

Si consuma così miserevolmente un "patto" forzatamente messo in piedi da maestranze potenti all' interno ed all' esterno della vita politica bovinese che, puntualmente, organizzano il gruppo alle scadenze elettorali e che già manovrano per le prossime.

E' questa dell' allontanamento di Lenoci una operazione che, tutto sommato, se non ci sarà la nomina di un altro assessore, farà risparmiare qualche spicciolo di indennità  per la carica vacante, a meno che non serva questa stessa manovra a poter far risalire nel gruppo di maggioranza qualche altro ben ammanigliato nelle grazie di chi conta.

Risultati alle primarie del centro-sinistra a Bovino

Written by Sunday, 25 November 2012 22:01

A questo secondo turno di votazioni per le primarie si sono recate 75 persone esprimendosi così:

BERSANI voti 47

Renzi     voti  27

Scheda bianca 1

Gli organizzatori sono soddisfatti per l' andamento delle operazioni di voto, per la regolarità delle procedure e per la partecipazione avuta.

 

------------------------------------------------------------------------------

I risultati del primo turno:

Bovino è stato il paese in cui lo spoglio è durato pochissimi minuti ed il seggio più veloce degli altri a comunicare il risultato delle primarie: vince Vendola con 43 preferenze, seguito da Bersani con 29 voti, terzo Renzi con 25 schede, due per Tabacci e 2 per Puppato. Si son recati a votare 101 persone tra residenti e non.

Primarie del Centro-Sinistra a Bovino

Written by Wednesday, 21 November 2012 08:55

COMUNICATO STAMPA DI SINISTRA ECOLOGIA E LIBERTA' DI BOVINO:

Domenica 25 novembre si svolgeranno le primarie della coalizione di centro-sinistra per la scelta del candidato o della candidata Presidente del Consiglio dei Ministri.

 

A Bovino è possibile registrarsi presso l’ufficio elettorale sito in via Castello n.1 che sarà aperto da sabato 17 novembre tutte le sere dalle ore 19.00 alle ore 20.00. In alternativa è possibile registrarsi anche domenica 25 prima di votare.

 

Per la registrazione è necessario presentare un documento d’identità, sottoscrivere l’appello “Italia.BeneComune” e versare € 2; si riceverà il certificato di elettore del centro-sinistra che andrà presentato insieme al documento di identità il giorno delle primarie.

 

Il 25 novembre si voterà dalle 8.00 alle 20.00.

 Chiesto il rinvio a giudizio per il Senatore Morra, l’assessore Antonio Taggio e il consigliere comunale Carmelo Salvatore Pucillo. I tre rischiano da 6 mesi a 3 anni di carcere. È la pena prevista per il reato di abuso d’ufficio loro ascritto. Le indagini, avviate dopo la denuncia della consigliera della Primavera di Monteleone Tina Preziosi, si sono concluse con la richiesta del Pubblico Ministero di rinviare a giudizio i tre amministratori del piccolo centro dauno. Nell’udienza preliminare tenuta il 14 novembre, Carmelo Morra ha chiesto di essere ascoltato dal giudice. Il GUP ha quindi aggiornato la seduta al 30 gennaio prossimo.«È solo un espediente per prendere tempo ma la sostanza non cambia – ha affermato a caldo Antonietta Colangelo, capogruppo dell’Opposizione – e il senatore Morra lo sa benissimo». I fatti risalgono al 27 febbraio 2011 quando i tre esponenti della maggioranza, in Consiglio comunale, su un accapo all’ordine del giorno, votarono a favore della già chiacchierata cooperativa Futura. «Avevamo messo in guardia l’intero Consiglio comunale – sottolinea la capogruppo della Primavera di Monteleone – e invitato caldamente i tre ad allontanarsi dall’Aula in quanto direttamente interessati perché soci della cooperativa o parenti prossimi di alcuni soci. Non ci hanno ascoltato e ora ognuno si deve assumere le proprie responsabilità». Nell’elenco dei soci della coop. guidata da Pompeo Colangelo, braccio destro del senatore PDL, compaiono infatti: la moglie, la figlia, il figlio, alcune nipoti, la nuora, il genero e un cognato del sindaco Carmelo Morra; due sorelle, svariati nipoti e la suocera del consigliere Salvatore Pucillo; lo stesso assessore Antonio Taggio, sua moglie, suo fratello e sua cognata. E una ulteriore denuncia tira in ballo altri esponenti della Maggioranza. «In un secondo momento siamo venuti a conoscenza che quasi tutti i consiglieri di maggioranza, all’epoca dei fatti, erano soci o avevano familiari soci della Futura – sottolinea Colangelo – e abbiamo denunciato nuovamente il tutto alle autorità competenti». Rischiano di rispondere dello stesso reato anche Angelantonio Guerriero, vicesindaco di Monteleone e socio della Futura, Dario Liscio, assessore al bilancio e socio della cooperativa di cui fanno parte anche sua madre, suo padre e sua sorella. A rappresentare la famiglia del consigliere Antonio Volpe nella compagine sociale, invece, c’è sua moglie. «Sembrerebbe una Amministrazione comunale espressione della cooperativa Futura» ironizza l’esponente della Primavera che poi incalza «durante quell’Assise, la consigliera Tina Preziosi fu addirittura espulsa dall’Aula dal sindaco Morra perché chiedeva il rispetto della legge. E alle nostre rimostranze tutti i consiglieri di maggioranza fecero orecchie da mercante. Più volte avvisati – conclude Antonietta Colangelo – omisero di astenersi pur in presenza di un chiaro interesse proprio o di un prossimo congiunto procurando intenzionalmente, a loro stessi o ad altri, quindi, un ingiusto vantaggio patrimoniale». Il Consiglio comunale revocò e annullò due delibere del 2009 con le quali, l’amministrazione guidata dall’allora sindaco Giovanni Campese, per una serie di inadempienze della cooperativa che gestisce la casa di riposo di Monteleone, aveva avviato il procedimento di rescissione del contratto. I danni quantificati per le mancanze della Futura erano stati calcolati in circa 130mila euro. Con l’annullamento delle delibere il Comune non ha più dato corso al risarcimento. E il mese scorso, la Giunta guidata dal senatore Carmelo Morra ha deliberato la proroga di tre anni alla Cooperativa Futura per la gestione della casa alloggio anziani. Senza avviso pubblico e a convenzione scaduta già da cinque mesi. L’Opposizione ha presentato ulteriore denuncia.

 

Riordino delle Province, la BAT accorpata a Foggia

Ora è ufficiale: la Provincia BAT di Barletta-Andria-Trani sarà accorpata alla Provincia di Foggia. Il Consiglio dei Ministri, infatti, ha approvato il decreto legge di riforma delle Province: la notizia è stata data attraverso un post su Twitter dal Ministero della Funzione Pubblica e poi confermata dal ministro Filippo Patroni Griffi. Il decreto sulle Province prevede il passaggio da 86 a 51 Province comprese le città metropolitane.

E nella tabella resa nota dal Governo, il territorio della Provincia di Foggia si allarga fino a comprendere anche quello della BAT. La riforma delle Province sarà attiva a partire dal 2014 e a novembre del 2013 si terranno invece le elezioni per decidere i nuovi vertici, ha spiegato il ministro. Il riassetto delle Province non prevede che siano istituiti dei commissari nella fase di transizione. Tuttavia, "solo dall'eventuale inadempimento dell'obbligo nei termini scatterà uncommissario ad acta per garantire i passaggi intermedi funzionali alla transizione".


LA GEOGRAFIA DELLA NUOVA PUGLIA - In Puglia, quando, Bari diventerà a partire dal 2014 una Città Metropolitana. Le Province, invece, saranno ridotte a tre: Foggia, che assorbirà Andria-Barletta-Trani, Taranto-Brindisi, Lecce.

 

I nostri contatti :)