You are here: HomeLibri e documenti bovinesiNews

News (370)

Lellentesque elit justo, dictum at facilisis nec, aliquam dignissim lectus. Donec gravida dolor in tortor convallis mollis. Donec vel risus ut turpis viverra faucibus. Aenean viverra quam sed nunc consequat vitae aliquam nisl eleifend. Praesent eros nisi, fringilla sed hendrerit nec.

Arte Cultura e Spettacoli (42)

Maecenas ligula velit, pharetra ut sagittis at, malesuada eget elit. Nunc auctor tellus et neque blandit at convallis justo commodo. Duis ornare velit eget ligula sagittis at feugiat magna accumsan. Nulla feugiat, mauris non ullamcorper accumsan, dui lectus interdum lectus, nec condimentum id velit.

CONCORSO POESIA DIALETTALE BOVINESE 2017

CONCORSO POESIA DIALETTALE BOVINESE 2017

     Quest' anno l' assenza di prestigiose firme di autori che per molti anni ha ...

MORE

ULTIMO ALLIEVO DI DON MILANI ERA BOVINESE

Written by Saturday, 20 January 2018 09:57

E' morto Michele Gesualdi, simbolo della battaglia per la legge sul testamento biologico. Gesualdi, 74 anni, affetto da Sla da tre anni, è stato uno degli allievi di don Lorenzo Milani nella scuola di Barbiana, poi dirigente Cisl e presidente della Provincia di Firenze subito prima di Matteo Renzi.

 

 

E' il quotidiano " L'IMMEDIATO " a darcene notizia con questo articolo del 17 u.s.:

 

 

Politica

Prof, medici, pensionati e disoccupati. Il mucchio selvaggio del M5S a Foggia per le Parlamentarie

17 gennaio 2018 ·

Mancano 8 ore allo stop ufficiale, che potrebbe essere prorogato. Dopo le difficoltà di ieri, oggi il portale scorre più veloce anche con connessioni slow. 37 candidati alla Camera per Foggia e Bat e 180 al Senato, che assomma le tre province di Bari, Foggia e Bat, si stanno contendendo nelle Parlamentarie sulla piattaforma Rousseau la possibilità di essere inseriti nei listini e nei collegi del Movimento 5 Stelle.

“È giunto il momento di scegliere i candidati che rappresenteranno il MoVimento 5 Stelle. Valuta con attenzione tutti i candidati e la loro presentazione, una volta votato un candidato non potrai cambiare il voto. Cliccando sul nome dei candidati potrai vedere la scheda di presentazione di ogni candidato”, recita in esordio il sistema della democrazia diretta.

3 preferenze per ogni camera. Irrevocabili.  La provincia di Foggia gioca un ruolo importante nella rappresentanza, almeno alla Camera, dove dalla Bat sembra ci sia stata una concentrazione sul portavoce uscente Giuseppe D’Ambrosio. Poche le sorprese per Montecitorio. Gli iscritti hanno incontrato i volti e i curricula di molti attivisti ben noti dai diversi meetup. Da Filippo Colavelli di Manfredonia a Lucia Buoncristiano di San Severo. Due i disoccupati, il giovane 28enne Marco Venutodi BovinoJonathan Capuano di Foggia 34enne. Tre gli studenti, tra cui il foggiano Marco Cimino. Un solo medico, Piergiorgio Di Tullio.

“Nell’aprile 2016 perdo il lavoro, questo mi ha messo davanti ad un bivio a 38 anni, se andare via da questa terra tanto problematica oppure restare. Ho deciso di restare e di credere in questa terra che amo, aprendo una concessionaria tutta mia, investendo tutto quello che avevo in quest’avventura”, scrive un imprenditore, che nella sua presentazione cita anche la sua collaborazione con  l’associazione Granosalus. Al Senato invece il gioco è più variegato. Insieme al “superpentastellato”, come lo chiamano, Marco Pellegrini, vi sono tantissime opzioni.

Non c’è il nome del prof dell’Unifg Claudio Nigro, che aveva annunciato la sua candidatura sui social e forse potrebbe rientrare all’uninominale, come indicazione della società civile. Vi si scorgono invece personalità poliedriche della cittadinanza attiva, come Antonio Nunziante del Conart il quale ha spesso sostenuto la battaglia del comitato Vola Gino Lisa, o l’avvocato Michele Farina, lanciatosi nell’avventura della moneta locale o il bancario Massimo Donadei.

Voglio contribuire all’affermazione dei valori e delle idee del M5S e al cambiamento della politica del paese sui temi di rilevanza economica e sociale, da sempre sostenuti dai rappresentanti del movimento. In particolare, per preparazione formazione ed esperienza i miei ambiti di interesse sono la giustizia e gli affari costituzionali, entrambi da riformare, per restituire credibilità allo Stato sia quando amministra la giustizia, sia quando legifera”, scrive un curatore fallimentare e avvocato civilista foggiano. Candidata anche Patrizia Ferri, la ex capo contabile della COOP MUCAFER, una impresa fallita, che è stata nel Golfo terreno fertile di attivismo.

Non solo il fittiano Lucio Tarquinio per il Poligrafico, anche Giuseppe Modica funzionario e “impiegato direttivo” della Cartiera prova a farsi votare. “Sono stato il coordinatore di un movimento civico apolitico e apartitico denominato “Altracittà” di San Severo. Aderendo al M5S di seguito abbiamo costituito il MeetUp “Altracittà. Particolare è stato l’impegno profuso per impedire che  venisse costruita una mega centrale di compostaggio aerobica da 60.000 tonnellate/anno. In passato ho ricoperto anche cariche sindacali all’interno della mia azienda”, scrive nella illustrazione del suo profilo.

Massiccia la presenza sipontina nella pattuglia dei candidati. A Manfredonia, dove è stato segnalato e fatto fuori l’ex candidato alle regionali Luigi Starace, la divisione regna sovrana, le ambizioni con due esponenti dei partiti tradizionali di primo piano in Puglia, come l’azzurro Giandiego Gatta e il piddinoMichele Bordo, sono altissime. I nomi: Giuseppe StellutiFrancesco Ognissanti, Vincenzo RenatoMatteo RiccardiCarmine PetrangeloSimone De FabritiisGiuseppe DacchilleLuca AmodeoPatrizia FerriDomenico CaputoDomenico TaronnaGianluca IaconetaAntonio Marinaro. Una città partito si diceva per il Pd, ma anche il M5S non scherza.

 

Moltissimi i professori, in particolare le prof. Da Teresa Romanozzo di Foggia a Pasquale D’Andola di Lucera. Non mancano i commercianti e i pensionati. Così come i disoccupati. Uno finanche a Rignano Garganico, Costanzo Fiore, 40 anni. È candidato anche il 57enne Michele Tomasulo, che forse non riuscirà ad essere tra i più votati, ma a Via Arpi ha già preparato il suo locale, un tempo sede della storica e mitica Singer, per i confronti e l’organizzazione della campagna elettorale. Che il rally abbia inizio.

Carmine Santoro, Presidente dell' Associazione  P.A.T.A. (Protezione Ambiente Tutela Antincendio), proseguendo la sua lodevole azione informativa per la prevenzione di incendi sul territorio, in questo articolo espone alcune riflessioni  conseguenti l' eliminazione del Corpo Forestale dello Stato:

BOVINO =  Nel numero di giugno la rivista ”La protezione civile” ha pubblicato quanto di rilevante trattato nel convegno nazionale  “Protectio 2017” svoltosi a maggio a Finalborgo  (SV) occasione in cui è stato discusso anche l’argomento: ” La gestione degli Operatori A.I.B., dopo lo scioglimento del Corpo Forestale dello Stato”.   Dal confronto scaturito, è risultato che “..dopo 40 anni di collaborazione con il C.F.S. ci ritroviamo orfani di questi Agenti  e dei loro D.O.S.-Direttori operazioni spegnimento- con cui si era perfezionato sinergie e procedure d’intervento..” Infatti per effetto del D.L. n.177, con la soppressione del C.F.S., l’attività di intervento per lo spegnimento degli incendi boschivi è passata al C.N.VV.F., con conseguente rapporto di convenzionamento con le Regioni.  Da tener presente che i Vigili del fuoco sono operativi in diversi settori dell’emergenza, con uno spettro di competenze estremamente variegato, a cui si è aggiunta la riorganizzazione del servizio AIB antincendio boschivo, che si svolge in ambiente diverso da quello proprio dei VV.F. e che presuppone, anzi richiede, una buona conoscenza del territorio agro-forestale nell’area di intervento. Il CFS, con le sue Stazioni comando, era strutturato in modo capillare su tutto il territorio regionale, mentre non è così per i VVF che non hanno distaccamenti e comandi, distribuiti sul territorio in modo uniforme.

Certamente a maggio risultava azzardato voler trattare gli aspetti critici e le probabili disfunzioni, dovute all’assenza della Forestale nelle località coinvolte dagli incendi. Ebbene, dopo la trascorsa estate “infuocata” quelle che sembravano “oscure previsioni” si sono rivelate in gran parte esatte, tanto che da più parti si sussurra: “Aridateci la Forestale”.

Diciamolo subito, l’estate 2017 ha visto la prima applicazione pratica del nuovo modello aib/antincendio boschivo, attuato con la direzione tecnica ed operativa dei Vigili del Fuoco (cioè senza Forestale). Purtroppo, sappiamo come sono andate le cose in tutta Italia, principalmente per una eccezionale e sfavorevole calura, che non ha dato tregua a tutte le forze operative schierate per contrastare gli incendi. A fine luglio, si registrava già una superficie di oltre 75 mila ettari perduti, divorati dal fuoco, ed a ottobre si sono verificati ancora incendi devastanti. Notizie di cronaca del 25 luglio, riportano le rimostranze della Uil Vigili del Fuoco di Foggia, che evidenzia “..turni straordinari e automezzi obsoleti” mancanza dei giusti riconoscimenti, il completamento della nuova caserma ed in particolare, l’uso di mezzi antincendio inadeguati, …come “sparare sul fuoco con pistole ad acqua”.

Ad agosto, presso la Prefettura-UTG di Foggia si svolge una riunione per monitorare l’efficacia dell’attività antincendio, anche come tutela dell’incolumità pubblica, con particolare attenzione per il Gargano. Alla riunione hanno partecipato i funzionari ed i vertici delle Forze operative dispiegate dalla Regione, a cui la normativa affida la lotta attiva contro gli incendi agro-boschivi. Con quali conclusioni?

Traspare che viene assicurata la collaborazione di tutti gli interessati, e che meglio di così non si può fare. Quindi l’attività deve continuare secondo l’unico programma attuabile: avvistamento, collegamento con la SOUP ed utilizzo delle risorse in campo.

Come per tutte le attività in fase di prima applicazione, c’è sempre da rivedere modi e tempi, per risolvere qualche problema che si presenta solo durante l’esecuzione dei lavori. Quindi è inutile dare addosso solo ai VV.F. ai quali va riconosciuta una particolare professionalità e spirito di sacrificio. Forse era opportuno e saggio, almeno per i primi tempi, far ricorso ad una fase di rodaggio fra CFS e VV.F. o attuare  “il passaggio di consegne” con qualche incontro tecnico, con cui i Forestali potevano “trasmettere” per collaborazione parte della loro esperienza.

Lo stesso dicasi per un confronto preliminare fra le OdV Volontariato ed i rispettivi distaccamenti territoriali VV.F. per un minimo di intesa, al fine di pianificare la collaborazione e presenza del Volontariato, sia come allertamento/chiamata che come operatività aib sui luoghi d’intervento. Forse questa iniziativa doveva partire dalla Sezione P.C. Regionale, che ha stipulato con le OdV (Organizzazioni o Associazioni di Volontariato) una convenzione onerosa, specifica per un supporto operativo ai VV.F.    Ma si sa: in Italia le cose semplici e lineari non…..si opta per l’improvvisazione e la provvisorietà, con una confusione che fa comodo a molti, e che per assurdo è più facile da gestire!

 

 

 

-2-

Non staremo quì a stilare una graduatoria di meriti o a muovere critiche, perchè i problemi emersi durante l’estate, non possono essere scaricati solo sul C.N.VV.F.  ma richiedono riflessione e confronto da parte di tutti , per trovare delle soluzioni opportune e funzionali, per perfezionare complessivamente la futura attività di intervento sugli incendi boschivi.

Evitando acrobatiche congetture, sul “chi-come-quando” ci limiteremo a riportare le impressioni e le reazioni degli Operatori Volontari aib delle Associazioni convenzionate, che hanno partecipato attivamente alle operazioni antincendio. A prima vista, ovvero appena arrivati sullo scenario dell’incendio, si è provato un senso di disagio di fronte alla novità di avere come DOS un funzionario dei VV.F. principalmente per mancanza di quella conoscenza “personale” che, negli anni addietro, si era stabilita fisicamente con gli Agenti Forestali.

Nel percorso storico del CFS si annovera una tappa importante, con la formazione di un Volontariato dedito all’antincendio boschivo, perché i Forestali avevano pochi uomini e non avevano la forza di intervenire capillarmente sugli incendi. Al contrario i Vigili del Fuoco, hanno sempre operato sostanzialmente da soli come Corpo professionale e comunque fino a qualche anno addietro, sugli incendi hanno ricoperto un ruolo di ausilio e supporto.

I Volontari hanno intuito (può darsi erroneamente) di trovarsi di fronte al Dos non sufficientemente preparato a coordinare e gestire: i propri VV.F. addestrati in squadra e formati con specifica professionalità, operatori volontari condizionati da convenzione, squadra Arif, operatori a contratto e non, in divisa e non, a volte con la presenza di agricoltori e dei cittadini proprietari dei beni minacciati dal fuoco. Questo ha richiesto al Dos vf una buona dose di diplomazia, stando attenti al ruolo ed alla suscettibilità di ogni forza presente, e dovendo selezionare l’utilizzo degli Operatori secondo modalità di “ingaggio” tra loro diversificate (Associazioni,Regione,Comune,Arif…) il tutto con quella giusta prudenza richiesta dalle norme antinfortunistiche. Ordunque il Dos tecnico avrebbe bisogno (per assurdo) di un assistente amministrativo che stia lì a verificare e chiarire: tempi e competenze dei vari Operatori ed i limiti di ogni squadra presente, turni permettendo, sperando non ci siano altri incendi in zona e/o chiamate di servizio di esclusiva competenza dei VV.F.

Quindi, cerchiano di capire, per il solo Dos non è stato facile coordinare questa eterogenea “armata” con uno scenario nuovo per i VV.F. composto da: fabbricati rurali, sentieri boschivi e tratturi interpoderali inaccessibili ai veicoli operativi, vie di comunicazione statali e provinciali e linea ferroviaria con traffico da tutelare, mancanza di ponti per il guado di torrenti, aree boscate frammiste ad incolto e stoppie, pinete su terreni scoscesi ed impraticabili sia a piedi che con i mezzi antincendio, la richiesta intervento aereo non sempre possibile e/o attuabile, i problemi che si presentano al buio di notte, ecc… e tralasciamo i collegamenti radio e le comunicazioni, necessarie per muoversi con efficienza, altro capitolo dolente.

Va necessariamente ribadito che, per risolvere sul posto alcuni problemi connessi alle operazioni antincendio, c’è bisogno “dell’esploratore guida indiana” famoso personaggio dei più rinomati film western. Per operare in condizioni favorevoli, è necessario sapersi “muovere” secondo i rilievi del territorio (orografia), conoscere gli accessi interpoderali e quelli interni ai boschi, saper riconoscere la vegetazione secondo specifica infiammabilità, e ....tanti altri piccoli accorgimenti (controfuoco prescritto, attacco del fuoco nelle radure e negli intervalli pianeggianti, ecc..) tutte astuzie che si utilizzano solo dopo una buona esperienza in campo e sotto la scuola della Forestale.

Infine, ma sempre senza denigrare nessuno, che sia il CFS, che siano i VV.F. o la SOUP, o l’Arif ed in modo minore anche i Volontari, vale per tutti un disagio frequente e collettivo: il problema del cambio turno ed insieme del cambio DOS, particolare di poco conto ma di difficile soluzione. Nella dinamica dell’intervento operativo, dopo che sul luogo dell’incendio si sono stabiliti compiti e ruoli, succede che per forza di cose, c’è il cambio di turno, con il risultato pratico che con gli operatori del turno subentrante, variano alcuni comportamenti e punti di vista. 

 

 

 

Come già provato direttamente sul campo, non sempre il cambio risulta “favorevole”…. per il semplice motivo che ogni DOS (CFS o VV.F o Capoturno SOUP) ha un suo tocco personale ed un comportamento anche solo leggermente diverso dal precedente smontante, e…si ricomincia daccapo. Tutto questo incide sui tempi e modalità di intervento sul fronte del fuoco, e sulla efficacia di contrasto all’incendio stesso. 

Una lotta non solo contro il fuoco, ma….. contro la confusione.

 

                                                                                                                   Carmine Santoro

Tre mesi ci son voluti per ottenere una risposta dell’ Amministrazione Comunale  ad una richiesta firmata  da 888 cittadini tendente a ritornare alla gestione diretta della rete idrica e fognante, col recupero e la riattivazione delle sorgenti locali, visto che col  passaggio di gestione di un servizio così  indispensabile si sono creati non pochi disagi nel periodo di maggiore affluenza turistica a Bovino per la mancanza di acqua, nonché l’ impennata dei costi per tutte le utenze.

 

 

    La petizione popolare, infatti,   partita in agosto su iniziativa di un ristretto numero di persone, venne consegnata al Comune di Bovino il 14 Settembre scorso ed i promotori della stessa  hanno aspettato invano una risposta fino al  giorno 11 Dicembre, giorno in cui  hanno inviato all’ Amministrazione comunale un sollecito a rispondere , prima di segnalare alle autorità competenti  questo  atteggiamento evasivo e scorretto.

 

      Così , finalmente, il 22 Dicembre è arrivata la lettera del Sindaco nella quale ci si limita ad una giustificazione sull’ andamento dei fatti che non chiariscono come mai altri Comuni in condizioni simili a quelle di Bovino, sono riusciti a mantenere la gestione diretta del servizio idrico locale; né spiega perché la convenzione ha previsto il passaggio parziale  della rete comunale (quella più conveniente per l' Acquedotto Pugliese) e non il passaggio  dell' intera rete idrica e fognante del paese,  lasciando al Comune la gestione della parte più “scomoda”, quella delle periferie e delle contrade rurali in cui la gestione è  più onerosa, lì dove è più difficoltoso  fare interventi perché non si hanno risorse finanziarie a sufficienza,  mezzi e personale, ove è più difficile fare controlli, escludendo,  quindi,  la possibilità di attingimento dalle nostre sorgenti le cui acque adesso vengono disperse e sono  alla mercé  di chiunque voglia servirsene.

 

 In pratica non ci si rende ancora conto del grave danno arrecato al paese!!

 

AVIS BOVINO- WEEK END PRE-NATALE 2017

Written by Monday, 04 December 2017 10:33

L' invito del Presidente  dell' Avis di Bovino col programma delle iniziative pre-natalizie 2017:

24 Novembre: I RAGAZZI DI CAPORETTO ....quelli senza nome ....

Written by Wednesday, 22 November 2017 09:00

I ragazzi del '99, nati l'ultimo anno dell'Ottocento: una leva di 265 mila italiani chiamati a resistere sul Piave. Giovani di diciotto anni, a volte non compiuti, giovani figli di contadini, artigiani, falegnami, che hanno contribuito, dopo la sconfitta di Caporetto, a rovesciare le sorti del conflitto fino alla vittoria finale.  

Appuntamento Venerdì 24 Novembre ore 18.30 presso il Museo Civico di Bovino.Oltre ai relatori, interverranno i diciottenni di oggi. Leggeranno alcuni brani sulle storie di quei giovani che si sacrificarono per la patria.

ARCHEOCLUB BOVINO: PRESENTAZIONE DEL LIBRO "GLI IMPERTINENTI"

Written by Wednesday, 27 September 2017 08:45

Sabato 30  si chiude il mese di Settembre 2017, pieno di eventi organizzati dalla sede locale dell' Archeoclub .... in bellezza: Presentazione e dibattito su una figura storica della vita politica ed istituzionale italiana, Sandro Pertini.  Alle ore 18,00, quindi, presso il Museo Civico C.G.Nicastro, sarà Enrico Cuccodoro, docente Diritto Costituzionale Università del Salento, Coordinatore dell' Osservatorio "Sandro e Carla Pertini" a presentare il libro "GLI IMPERTINENTI", il viaggio di Sandro e Carla Pertini, per l' Italia di oggi.

Un piccolo gruppo di persone indignate per l’ elevato balzo del costo del servizio idrico dovuto dal passaggio della gestione all’ Acquedotto Pugliese, incassa 888 (ottocentottantotto !!) firme per chiedere al Sindaco ed all’ Amministrazione Comunale di riprendersi la gestione  dell’ acqua ed il recupero delle sorgenti locali .

E’ stato, infatti, consegnato oggi al protocollo comunale il fascicolo delle firme.

Un precedente tentativo di petizione ad iniziativa del  gruppo politico di opposizione WBV-La Mia Città  si bloccò subito sin dall’ inizio lo scorso anno per la scarsa partecipazione popolare ( solo 19 adesioni) …. Ma a quel tempo non erano ancora arrivate le prime bollette dell’ AQP, nonostante il fatto che da questo sito già si parlasse di altri Comuni che erano riusciti a mantenere la gestione diretta dell’ acqua ( vedi  ACQUA: nel Comune di Berceto la gestione torna al Comune    del 18 Aprile 2016).

Poi è partita l’ iniziativa del Comune a noi vicino, che ha le stesse nostre caratteristiche, di cui demmo notizie il 10 Settembre 2016 (BICCARI- Sindaco in testa con una petizione popolare per la gestione dell' acqua) …. Ma nemmeno in quel periodo erano arrivate le fatture dell’ AQP che, invece, hanno fatto passare un brutto periodo natalizio 2016 per la “stangata” di fine anno.

 

Con grande dedizione ed umiltà, questo gruppo di cittadini ha preso l’ iniziativa di parlare con le persone per strada, chiedendo di sottoscrivere la seguente richiesta :

 Nonostante  non ci sia stato alcun tavolo in strada o in piazze per la raccolta delle firme, senza alcuna bandiera di partito, con grande soddisfazione si è raggiunto l’ ottimo risultato che è stato inviato stamane al Sindaco ed all’ Amministrazione Comunale , accompagnato da queste poche righe firmate dai promotori:

 

 

CONCORSO POESIA DIALETTALE BOVINESE 2017

Written by Saturday, 02 September 2017 06:51

     Quest' anno l' assenza di prestigiose firme di autori che per molti anni hanno arricchito con la loro presenza e con le loro composizioni in vernacolo bovinese il palcoscenico e la piazza  del Duomo di Bovino, ha fatto rivelare nuovi talenti che hanno dato un diverso corso a questa competizione letteraria, ridando un  senso più originale alle poesie da premiare, ben lontano da quello tragico-comico e strappapplausi del momento.                                                                                                                                   Ha vinto il primo premio, sorprendendo tutta l' attenta platea, una poesia inedita, semplice e spontanea di Pino Lombardi, da leggere più volte per capirne più approfonditamente il senso ed il contesto.                                                                                                                             Esemplare il gesto dell' autore che ha devoluto il premio in favore di un' associazione culturale di volontariato locale.                                                                                                                                                                                                                                                                                                   Testo e traduzione:

Senza commenti e con molta rabbia ... gli "avvisi" alla cittadinanza:

 

I nostri contatti :)