You are here: HomeAMBIENTE

AMBIENTE (63)

“Se Marzo impugna…fa cadere peli e unghia”

Written by Friday, 15 March 2013 16:37

Un vecchio proverbio bovinese dice: “Se marze ‘mpogne, féce carè pile e ogne” che significa l’ imprevedibilità di marzo che con i suoi alti e bassi di temperatura fa stare sempre all’ erta.

Difatti stamattina Bovino era coperto di neve che ha deluso un po’ tutti gli studenti che si aspettavano la chiusura delle scuole. La neve è stata in piccoli quantitativi e le previsioni  prospettano miglioramenti nei prossimi giorni. Non c’è stato alcun disagio nella circolazione stradale anche se la temperatura s’è mantenuta tra lo zero ed i due gradi.

L' ecomostro di Sant' Agata: primi rinvii a giudizio

Written by Saturday, 16 February 2013 12:08

Sono tre, per ora, le persone rinviate a giudizio per la costruzione del complesso edilizio di Sant' Agata.

La Gazzetta del Mezzogiorno riporta così la notizia:

 

 

Marco Nicastro lancia l' allarme per la mancata coltivazione del pomodoro su scala industriale. E' troppo forte il divario tra prezzo di una confezione da 400 gr di pomodoro (80 centesimi)  e quanto ci ricava il coltivatore (0,04 centesimi) ! 

Questo è l' articolo della Gazzetta del Mezzogiorno di oggi che tratta questo argomento:

Siamo costretti a non aprire  la sezione dei commenti a causa di infiltrazioni abusive di hackers che utilizzano questi spazi per diffondere propagande fastidiose.

Tra i vari commenti giunti via e-mail, trascriviamo integralmente quello di Tony Russo da Toronto (Canada) che ci ricorda un antico proverbio bovinese:" Chi commercia, campa; chi fatica...muore !!" :

 

Ciao Nardino, leggendo l,articolo sul tuo web ,Pomodori (coltivazione a rischio) ho pensto subbito ai tempi passati quando io lavoravo con mio padre in agricoltura. Al podere avevamo una parte del vignieto di uva da tavola( Reggina) al tempo di maturazione la vendevamo ad un fruttivendolo di Bovino (Franco lu Napulitane) lui ci portava le cassette la mattina, noi prelevando l'uva dalle vite, tenendo cura di
togliere quache chicco mangiato dagli uccelli, e depositarla nelle cassette con tanta curatezza, lui veniva a prenderla col suo carrozzino, ce la pagava a 50 lire al chilo, la portava al suo negozio e la vendeva a 120 lire al chilo. Mio padre un anno s'incavolo` e taglio` le vite
rinbiazzandole con uva da vino. Le fregature per l'agricoltore non e` cosa nuova. Forse questo e` uno dei tanti motivi che molti giovani, incluso me stesso, abbiamo abbandonato l'agricoltura e ovviamento per cercare un altro lavoro abbiamo lasciato anche il paese.
Quello che a me` personalmente mi dava piu` fastidio, che oltre alle fregature del guadagno, l'agricoltore era una categoria considerata
come la bassa plebe, quasi umiliata, senza tenere in considerazione che era, ed e`, il settore che produce il pane da mettere sulla tavola.
  Avrei voluto mettere questo commento sotto l'articolo, ma non ce` la casella.
Un caro saluto.. Tony.
 

 La vicenda dei rifiuti tossici di Giardinetto torna nel Tribunale di Lucera. Sotto l' articolo della Gazzetta del Mezzogiorno, riportiamo le notizie più dettagliate sulla questione dei rifiuti tossici di Giardinetto, di cui si occupò un intero programma sull' emittente LA 7

 

Eolico: un affare (...per chi ? )

Written by Saturday, 26 January 2013 16:21

«L’eolico non conviene». Parla il sindaco di Erchie

Written by Wednesday, 23 January 2013 07:35

  MANDURIA – «Ci avevano fatto credere che ci sarebbero stati ritorni economici per il nostro comune e vantaggi occupazionali per il territorio, ma non è niente vero. Stiamo valutando strade di natura giudiziarie». La confessione è del sindaco di Erchie, Giuseppe Margheriti (nella foto), il primo a cedere alle lusinghe degli investitori della green energy che in casa sua hanno già ottenuto 17 autorizzazioni per altrettante torri eoliche nelle campagne di Erchie ed altre 30 sono in fase di valutazione. Il primo cittadino si lascia così andare nell’ultimo servizio prodotto dal movimento Giovani per Manduria, «10 minuti per Manduria», che potrete seguire domani nella sua forma integrale. «Per realizzare gli impianti previsti nel progetto – spiega Margheriti – occorrevano 45 milioni di euro», una cifra impossibile per gli imprenditori nostrani. «Così tutto è stato venduto alla Toshiba che non sa nemmeno dove si trovi Erchie così tutti i lavori sono stati subappaltati a imprese esterne senza nessuna ricaduta sull’economia locale».  Incalcolabile poi il danno ambientale prospettato dal sindaco di Erchie che riconosce il proprio errore anche in questo settore. «Credevo che l’impatto ambientale riguardasse solo i 40 metri quadrati che occupa una torre, ma non avevo considerato le opere necessarie per collegare tra loro le turbine e per mettere in rete l’energia: centinaia di metri di muretti a secco, ettari di macchia mediterranea e cinquecento alberi di ulivo secolari». E questo solo per 17 torri. Provate ad immaginare lo stesso impatto sull’ambiente rapportato alle 63 pali che le stesse società che risiedono in Via dei Mille a Manduria vorrebbero realizzare nelle terre del Primitivo.

Le relative istanze di valutazione di impatto ambientale sono state presentate alla Regione Puglia che ha già chiesto pareri alle istituzioni locali e provinciali. Il comune di Manduria ha già espresso parere contrario alla Via e la parola ora tocca alla Regione.

Per un’altra domanda il cui iter è iniziato prima, relativa a una piccola stazione eolica di cinque torri in contrada Giustiniani, sulla Manduria Maruggio, la fase autorizzativa è già in uno stato avanzato.  Pere che per queste cinque torri, nonostante il parere contrario del comune, nessuno possa più opporsi anche per l’assenso ottenuto dalla competente commissione paesaggistica comunale.

Nazareno Dinoi

Raccolta differenziata soddisfacente (?)

Written by Friday, 23 November 2012 18:29

Mentre il paese versa in condizioni mai viste sotto l' aspetto della sporcizia per le strade (basta affacciarsi dal muro del castello o vedere i punti del centro storico in cui sono ammassati contenitori stracolmi perchè è lì che vanno ad abbandonare i rifiuti non differenziati gli abitanti della così detta zona nuova del paese in cui c' è l'obbligo di differenziare), il Sindaco e l' Assessore di turno blaterano soddisfacimento di come si sta "raccogliendo" l'immondizia nel paese, senza addurre alcun numero concreto che dimostri questa loro convinzione. Pura propaganda, a detta di molti affatto contenti e per nulla soddisfatti del servizio svolto con approssimazione, improvvisazione e con buste di qualsiasi tipo e colore, per cui è facile capire quel "differenziato" dove va a finire !! Questo è l' articolo che la Gazzetta del Mezzogiorno ha scritto in proposito:

 

I nostri contatti :)