You are here: HomeBovino sulla Stampa

Bovino sulla Stampa (106)

Le pagine dei giornali che parlano di Bovino

A Bovino il circolo CTA (Centro Turistico Acli)

Written by Wednesday, 12 February 2014 07:34

Notizia di "Teleradioerre" e  "l'Attacco":

Si è costituito il nuovo circolo CTA (Centro Turistico Acli) di Bovino alla presenza del presidente provinciale del CTA Leonardo Lombardi, presso la sede Acli di via Ettore Carafa 7.

Il CENTRO TURISTICO ACLI, del quale è presidente la Dott.sa  Wanda Sgambati, è un'associazione che opera senza fini di lucro e che promuove la solidarietà, il volontariato e l’aggregazione sociale attraverso lo svolgimento di attività rivolte a migliorare la qualità della vita, la convivenza fra culture ed etnie diverse, la salvaguardia dell’ambiente.

Il circolo CTA di Bovino, lavora per individuare servizi di accoglienza ed ospitalità e convenzioni con alberghi, pensioni, ristoranti ed altri servizi turistici e ricreativi; si propone di organizzare viaggi, gite, visite culturali in Italia e all'estero; si preoccupa di gestire la formazione e l’aggiornamento di operatori, animatori, addetti turistici e guide, mediante corsi, convegni, incontri di studio a carattere locale, nazionale ed internazionale; gestisce iniziative di relazione con le istituzioni perché promuovano politiche di turismo sociale; coordina l'edizione di bollettini, pubblicazioni e riviste riguardanti temi ed argomenti oggetto dell’attività dell'associazione.

La neonata associazione, si può già avvalere della valida collaborazione dei suoi soci fondatori, qualificati e motivati, oltremodo entusiasti di intraprendere una nuova esperienza lavorativa e aggregativa ma, soprattutto, conta di poter coinvolgere e stimolare le numerose risorse umane della grande famiglia Acli di Capitanata.

 

 

Bovino : Una nuova Associazione "Panze e Crianze"

Written by Sunday, 29 December 2013 09:19

L' Elce, periodico delicetano, c' informa della nuova Associazione Bovinese "Panze e Crianze" con quest' articolo del numero di Dicembre:

Bovino: i mercatini di Natale

Written by Sunday, 15 December 2013 20:41

Da Teleradioerre il 15.12.2013

 

Da questa mattina Bovino epicentro delle manifestazioni natalizie. Oggi il mercatino di Natale.
Per tutto l’arco della giornata, lungo C.so Vittorio Emanuele, gli artigiani e i commercianti locali esporranno e venderanno prodotti in linea con il tema natalizio che andranno dall’idea regalo, al prodotto artigianale, alle specialità enogastronomiche. La principale via di Bovino sarà rallegrata da una piacevole atmosfera natalizia, grazie alla musica, le luminarie e gli stand appositamente decorati. 
La manifestazione sarà arricchita da una postazione dedicata ai più piccoli, un vero e proprio villaggio natalizio,in cui i bambini potranno incontrare Babbo Natale per esprimere i propri desideri. 
Sarà inoltre offerta la possibilità di prendere parte ad una passeggiata culturale alla scoperta del borgo antico dove sarà possibile degustare l’olio novello, pizze fritte, “scagliozzi” (polenta fritta), ceci, cicerchie, cartellate e panettoni, piatti caratteristici del Natale. Inoltre si avrà l’opportunità di acquistare l’olio extravergine d’oliva dai produttori stessi.

Bovino: ancora pioggia battente

Written by Tuesday, 03 December 2013 07:21

Maltempo, case allagate e scuole chiuse a Bovino

FOGGIA,

02/12/2013 20.17.58 di Saverio Serlenga

A Bovino piove ininterrottamente da  ormai  48 ore, e i disagi aumentano. Diverse abitazioni sono allagate e le strade invase da fango e detriti. Per allagamento chiusa la piscina comunale.Case allagate anche nella frazione "Ponte di Bovino" (foto). Dal pomeriggio di oggi per l'esondazione del fiume Cervaro la statale 90 che collega Foggia con i comuni dell'appennino dauno meridionale e con l'Irpinia è stata chiusa al traffico tra Borgo Giardinetto e lo scalo di Bovino. Il traffico locale è per il momento deviato sulla provinciale Castelluccio-Bovino. Il sindaco Michele Dedda ha ordinato la chiusura delle scuole per la giornata di domani 3 dicembre.

Esondato il Cervaro. Isolato il comune di Bovino

BOVINO,

02/12/2013 17.15.16 di Redazione

Su tutta la Capitanata ha ripreso a piovere incessantemente. Il fiume Cervaro da alcuni minuti è esondato nei pressi dello scalo ferroviario di Bovino, invadendo la statale 90 che collega Foggia all'Irpinia. L'arteria stradale è stata chiusa al traffico così come la provinciale che collega Castelluccio dei Sauri al comune di Bovino. La cittadina del comune dell'Appennino Dauno è al momento isolata.

A causa delle forti ed abbondanti piogge, è stata interrota la circolazione dei treni anche sulla Benevento-Foggia. Lo fa sapere Ferrovie dello Stato con la nota diffusa nel primo pomeriggio di oggi e che fa il punto sulla circolazione ferroviaria alle ore 17 di oggi. «Ancora sospesa la circolazione ferroviaria sulle linee Foggia – Potenza, Barletta – Spinazzola e Foggia - Manfredonia, a causa delle forti e abbondanti precipitazioni in atto. Inoltre, dalle 16 la circolazione è sospesa anche sulla linea Benevento - Foggia per l’allagamento della stazione di Bovino (FG). Attivati bus sostitutivi tra Benevento e Foggia. I tecnici di Rete Ferroviaria Italiana sono al lavoro per le verifiche tecniche delle singole linee e programmare gli interventi necessari per il ripristino della e circolazione dei treni, in base all’evoluzione meteo. Per tutta la durata della sospensione saranno attivi servizi sostitutivi con autobus. Sulla linea Foggia - Bari continuerà precauzionalmente nelle prossime ore la riduzione di velocità ai treni nel tratto tra Incoronata e Cerignola (FG)»

 

Monti Dauni, una domenica tutta da gustare

Written by Sunday, 13 October 2013 07:52

Da Teleradioerre riprendiamo questo articolo in cui vengono menzionati gli eventi della giornata:

FOGGIA,

12/10/2013 23.50.09 di Saverio Serlenga

Sapori e profumi dell´autunno un po’ in tutta la provincia con i Monti Dauni protagonisti in assoluto. Si inizia stasera a Bovino dove va in scena la tradizionale festa di San Celestino con la sagra delle castagne, della bruschetta, dei fagioli, dei cicatelli, dei formaggi locali e dei torcinelli: un tripudio di eccellenze enogastronomiche nelle vie del centro storico con degustazione anche di prodotti tipici del territorio. E anche domani domenica 13 ottobre saranno i monti dauni l’epicentro delle  iniziative culturali e turistiche: ben 4 località si coloreranno di arancione per la giornata del Touring: a Pietramontecorvino i visitatori saranno condotti alla scoperta del borgo, dal palazzo ducale alla torre normanna e al museo archeologico. Festa anche ad Alberona dove sarà possibile visitare l’antiquarium comunale e l’area faunistica del cinghiale. A spasso nel borgo anche a Sant’agata e Rocchetta con n visita ai castelli.  A San Marco la Catola festa della vendemmia con degustazione di prodotti locali e del famoso vino prodotto sulle colline del piccolo centro al confine con il Molise.E' per gli amanti della natura, invece, il Parco Nazionale del Gargano apre le sue oasi: da Lesina, a Monte Sant’Angelo, da San Marco in Lamis a San Nicandro, a Manfredonia dove sarà possibile effettuare escursioni guidate nell’oasi Lago Salso. Infine per i più golosi appuntamento con la Daunia nel regno di Beppe Zullo a Orsara di Puglia con l’iniziativa cibo e felicità, un modo originale per promuovere prodotti e territorio.

E' sul giornale "Il Mattino di Foggia e Provincia" del 30 Agosto l' articolo che informa sulle motivazioni della presenza di tante auto d'epoca della Polizia di Stato che girano per il centro storico di Bovino, accompagnate da una troupe di fotografi e tantissime telecamere che riprendono scene da film :

 La statistica riguarda la stagione scolastica 2011/2012 ed è ad opera del portale specializzato Skuola.net, il quale ha trovato ampia diffusione grazie all'agenzia battuta dall'Ansa. In pratica, tra le 13 scuole più magnanime d'Italia, con nessun bocciato (corrispondenti al 2,5% del campione esaminato), figura anche il liceo bovinese, accanto ai corregionali istituti di Molfetta (Liceo Vito Fornari), Poggiardo (istituto serale in provincia di Lecce), Taranto (L'I.p.s.s. Cabrini) e altre scuole quasi tutte del meridione d'Italia. Tuttavia, anche la più cattiva ha sede a Sud, a Catania come detto, insieme con altre scuole di Napoli: ben tre, infatti, nel capoluogo campano, il quale deteneva anche il precedente record, grazie all'Istituto Caracciolo. Secondo la precedente indagine infatti, quest'ultimo “vantava” il 73,7% dei bocciati, molto meno rispetto al recente exploit catanese. E ancora adesso, si attesta comunque tra le più cattive d'Italia, nonostante una percentuale scesa al 54,3%. Da segnalare, sempre nel napoletano, il Livatino e il Silvestri, altri due “istituti terribili”.

Qualcosa non  va sottovalutato, inoltre, il commento di Daniele Grassucci, di Skuola.net, il quale ha detto: "In tempi recenti si è pensato che la scuola avesse perso di rigore perché stavano diminuendo gli studenti bocciati. Tuttavia, quando la percentuale supera il 50%, come avviene in un numero non trascurabile di scuole, dovrebbe scattare l'allarme rosso perché vuol dire che lì il sistema molto probabilmente sta fallendo la sua missione educativa. Non a caso i casi più eclatanti si verificano in realtà difficili dal punto di vista del contesto sociale ed economico”.

 

Addio definitivo alle Comunità Montane

Written by Wednesday, 21 August 2013 16:47

Giuseppe Marotta è il liquidatore unico delle Comunità Montane Pugliesi da sopprimere.

Pare che non ci siano debiti e che gli immobili, sedi delle Comunità Montane, vengano trasferiti ai Comuni. La Gazzetta del Mezzogiorno riporta così la notizia:

Saverio Serlenga di Teleradioerre il 16 Agosto 2013 ha scritto:

Entra nel vivo il cartellone estivo di Bovino. Nella cittadina dei Monti Dauni, rimessa a nuovo dopo i recenti lavori che hanno interessato corso Vittorio Emanuele, c´è grande attesa per il festival del cinema in programma dal 22 al 24 agosto prossimi, ma nel frattempo altri eventi caratterizzano le fresche sere d´estate. Sabato 17 agosto appuntamento con una delle sagre più importanti della zona: la sagra della pasta di grano 'Armando'. Lungo tutto il corso principale sarà allestita una mega tavola imbandita con gli chef del paese impegnati a cucinare pasta Armando in tutte le salse: dai fusilli al pesto di rucola ai paccheri con zucchine e gamberetti, dai canneroni con fiori di zucchine ai fusilli con pomodorino fresco e cacioricotta. Ovviamente non mancheranno le prelibatezze tipiche di un comune che grazie alla valorizzazione del suo variegato patrimonio agroalimentare è diventato l´epicentro del turismo culturale ed enogastronomico dei Monti Dauni. La serata sarà allietata dalla musica popolare del gruppo sannita 'Canzoniere della retta e della manca'. Sabato 17 agosto è l´occasione anche per visitare i luoghi storici di Bovino, dalla cattedrale alle numerose chiese sparse nel borgo dove una visita la meritano anche il Museo Diocesano e quello civico, oltre al maestoso castello che domina il paese e da dove lo sguardo arriva fino al Golfo di Manfredonia e ai monti della vicina Irpinia.

13 sETTEMBRE 2013

C’è una sfida possibile sui Monti Dauni, la sfida dello sviluppo basato su agroalimentare d’eccellenza, enogastronomia e turismo di qualità: sabato 14 settembre, Sereno Variabile, trasmissione in onda su Rai Due a partire dalle ore 17.00, farà compiere ai suoi telespettatori un viaggio alla scoperta della bellezza e dei tesori messi in mostra da Orsara di Puglia, Troia, Lucera, Pietramontecorvino, Ascoli e Bovino.

La troupe coordinata dal conduttore della trasmissione, Osvaldo Bevilacqua, ha svolto riprese e interviste 10 giorni fa. A Orsara di Puglia le telecamere si sono soffermate sugli oltre 20 luoghi d’interesse storico-culturale e architettonico del borgo premiato dai marchi di qualità della Bandiera Arancione e di Cittaslow: dalla Grotta di San Michele all’Abbazia Sancti Angeli; dalla Fontana dell’Angelo al percorso dei palazzi e delle piazze storiche del paese. Osvaldo Bevilacqua ha intervistato produttori, ristoratori, mettendo in evidenza la straordinaria ricchezza e biodiversità della tradizione e della ricerca enogastronomica “made in Orsara”. L’iniziativa è stata sostenuta da Pugliapromozione.

AGRICOLTURA SETTORE TRAINANTE. Al “paese dell’Orsa” e ai Monti Dauni, Sereno Variabile ha riservato la sua prima puntata stagionale partendo proprio dal mettere in evidenza le eccellenze del territorio, a cominciare dall’agricoltura, il settore trainante dell’economia orsarese: ad essa – secondo l’ultima indagine sulla composizione della popolazione attiva per settore occupazionale – si dedica oltre il 40 per cento degli uomini e delle donne orsaresi.

L’industria (soprattutto quella agroalimentare), il comparto delle costruzioni, il commercio e il settore legato allo sfruttamento delle risorse forestali sono gli altri segmenti di rilievo dell’economia orsarese. Negli ultimi 10 anni, l’intraprendenza dei privati e politiche pubbliche mirate hanno dato un forte impulso allo sviluppo della ristorazione di qualità e alla crescita delle attività ricettive legate alla valorizzazione turistica del territorio.

I NUMERI DI ACCOGLIENZA E RISTORAZIONE. La Bandiera Arancione, il marchio di qualità turistico-ambientale riconosciuto al paese è una conferma: Orsara di Puglia ha le carte in regola per essere indicata e promossa come una delle eccellenze pugliesi. E sono anche i numeri a decretarlo. L’enogastronomia, piatto forte di una vocazione agroalimentare a tutto tondo, conta su 21 tra ristoranti, strutture agrituristiche, pizzerie, bar ed enoteche. Numeri di tutto rispetto per una realtà urbana di appena 3mila abitanti.

La ricettività del borgo mette in campo 2 strutture alberghiere e 6 bed and breakfast. A tavola, le tipicità del cacio ricotta caprino e del pane di grano duro si possono gustare sorseggiando diversi vini orsaresi che hanno ottenuto la Igt (Identificazione Geografica Tipica). Sono 20 i luoghi d’interesse storico, culturale e architettonico che rappresentano la narrazione vivente di una trama che mette insieme tradizione, fede e leggende. I marchi di qualità assegnati al Comune di Orsara di Puglia sono 3: il primo, arrivato nel 2007, ha fatto meritare al paese l’ingresso nel circuito di Cittaslow; il secondo è quello che, con la Bandiera Arancione, garantisce al borgo nuovi canali di promozione e di crescita; il terzo è il titolo di "Comune Amico del Turismo Itinerante" assegnato da un'organizzazione che unisce 110 associazioni di camperisti.

I Monti Dauni, territorio di eccellenze

I Monti Dauni sono un’area che conta 30 comuni (con Lucera, il centro più grande), 120mila abitanti, oltre 500 tra chiese, siti d’interesse comunitario e musei etnografici, 9 paesi certificati con marchi di qualità turistico- ambientali. Insieme, i borghi dei Monti Dauni forniscono i due terzi dell’energia da fonti rinnovabili prodotta dall’intera Puglia, un primato che fa brillare la nostra regione a livello europeo, costituendo un vanto che ha contribuito a costruire l’immagine di un’Apulia all’avanguardia nel panorama italiano.

Più di un terzo del polmone verde pugliese è sulle alture dell’Appennino Dauno che forniscono per intero le risorse idriche necessarie alla provincia di Foggia. I fiumi, i laghi, le riserve faunistiche dei Monti Dauni rappresentano un unicum ambientale preziosissimo, un vero e proprio giacimento di biodiversità da salvaguardare e da promuovere.

In Puglia, i piccoli comuni sono 87 e di questi 38 si trovano in provincia di Foggia, un’area che detiene alcuni curiosi primati. E’ qui che si trova il paese meno popoloso della Puglia, Celle di San Vito, che conta 186 abitanti. In Capitanata c'è la vetta più alta della regione, il Monte Cornacchia. Sui Monti Dauni si arrampicano i paesi più alti della vecchia Apulia, Faeto e Monteleone.

Ed è in questo ampio fazzoletto di terra, pari al 10 per cento dell’intera superficie regionale, che albergano le specie animali e vegetali più selvatiche e preziose: il lupo, il cinghiale, la volpe, il falco popolano aree boschive ricche di sorgenti, funghi, tartufi, erbe spontanee e officinali. Un immenso patrimonio ambientale che convive con la più imponente concentrazione di impianti per la produzione dell’energia eolica.

Ai 30 centri dei Monti Dauni, cerniera e anello di congiunzione con le regioni confinanti (Molise, Campania e Basilicata), la Puglia deve un altro primato che sa di eccellenza: sui 7 comuni a cui il Touring Club Italiano ha riconosciuto la “Bandiera Arancione”, marchio di qualità turistico ambientale, cinque si trovano sulle alture della Capitanata: Alberona, Orsara di Puglia, Pietramontecorvino, Rocchetta Sant’Antonio e Sant’Agata di Puglia. Sui 9 comuni della Puglia cui l’Anci ha conferito il riconoscimento di “Borghi più belli d’Italia” sono 4 i paesi dell’Appennino Dauno. Nell’uno e nell’altro caso, quei riconoscimenti rappresentano l’evidenza di un patrimonio paesaggistico, archeologico e culturale di grandissimo valore e dall’alto potenziale di sviluppo

I nostri contatti :)