You are here: HomeCosa succede in Comune....

Cosa succede in Comune.... (154)

Il Gal Meridaunia dà i numeri !!

Written by Wednesday, 17 July 2013 07:00

Da teleradioerre

BOVINO, mercoledì 17 luglio 2013 - ORE 07.11

Meridaunia ambasciata del mondo rurale in Puglia

 



93 iniziative finanziate nel campo dell'agricoltura, turismo, servizi e artigianato tipico, riqualificazione edifici rurali per un totale stanziato che sfiora i 15 milioni di euro (di contributo pubblico).
17 Strutture agrituristiche, 6 masserie didattiche, 2 fattorie sociali, 30 strutture di piccole ricettività (modello affittacamere), 33 piccole e medie imprese per artigianato tipico e servizi alla popolazione rurale, 1 struttura riqualificata per la destinazione pubblica, 2 centri di accoglienza turistica (Centro del Gusto di Troia, Touristic Center di Lucera), 2 itinerari turistici.
E ancora, 382 nuovi posti letti creati sul territorio dei Monti Dauni, 91% di impegno di spesa realizzato finora e circa 25 milioni di euro di investimenti previsti sull'intera area tra contributo pubblico e privato
Sono gli straordinari numeri che il GAL Meridaunia ha fatto registrare nella programmazione 2007-2013, attualmente in corso, e che sono stati illustrati nel convegno regionale tenutosi a Bovino ed organizzato dall'Agenzia di Sviluppo dei Monti Dauni, alla vigilia del nuovo Programma di Sviluppo Rurale Puglia (2014-2020).
Un risultato importante, conseguito in una delle aree rurali più svantaggiate dell'intero territorio regionale, e che ha ricevuto il plauso dell'assessore regionale alle Risorse Agroalimentari, Fabrizio Nardoni. "Questo è un GAL particolarmente intraprendente che con intelligenza ha saputo mettere in campo le sue professionalità, utilizzando i fondi di cui ha beneficiato a favore di iniziative imprenditoriali in grado di creare sviluppo ed economia. I Monti Dauni - ha aggiunto Nardoni - grazie al GAL sono diventati la quarta eccellenza turistica della Puglia dopo il Gargano, il Salento e la Valle d'Itria. Qui non ci sono solo i boschi, ma luoghi con storia millenaria, tradizioni, arte e cultura. Tutto questo va integrato in un sistema turistico più complesso. Nella prossima programmazione dobbiamo sicuramente migliorarci, pensando ad azioni per sviluppare il sistema agricolo e turistico. La Regione Puglia crede molto nello strumento GAL ai quali darà tutto il suo apporto".
Ai lavori è intervenuto anche il direttore dell'Autorità di Gestione PSR Puglia, Gabriele Papa Pagliardini che ha presentato le linee della nuova Programmazione. "I GAL pugliesi hanno svolto un ruolo determinante in questi anni, hanno ottenuto risorse pari al 20% della programmazione e hanno soprattutto svolto un'azione capillare sul territorio. E il GAL Meridaunia è uno dei più virtuosi della Puglia, tra quelli che ha funzionato meglio. Da esempio per tutti gli altri. Purtroppo - ha aggiunto Pagliardini - nel prossimo programma di sviluppola disponibilità delle risorse limitate ci porterà a rivedere le strategie da adottare". Di cambio epocale sui Monti Dauni ha parlato il presidente di Meridaunia, Alberto Casoria. "Meridaunia in questi anni è diventata l'ambasciata del mondo rurale, ha dato certezze a tanta gente che vive in questo territorio, aiutandola ad avviare nuove attività imprenditoriali e a non farla fuggire come sta accadendo in altre realtà marginali. Questa è la nostra vera sfida. Nella nuova programmazione reclamiamo un'azione di sviluppo nuova. Alla Regione Puglia chiediamo di sperimentare nuove forme di sviluppo, ad iniziare dagli strumenti di ingegneria finanziaria a favore delle aziende agricole".



redazione Teleradioerre

 

INIZIATIVE PER L' AGOSTO BOVINESE

Written by Wednesday, 10 July 2013 15:06

E' stata convocata la riunione con gli operatori commerciali per organizzare iniziative per l' Agosto Bovinese 2013.

Dalla lettura dell' invito è evidente che la nuova Amministrazione marcia sullo stesso binario della vecchia e non ci si potrà aspettare miracoli in questo clima di sfiducia visto il mancato rispetto della chiusura dei lavori nei termini stabiliti ( già scaduti ) per il rifacimento del Corso Vittorio Emanuele; ma questo potrebbe far ricadere la scelta di riportare alcune manifestazioni nel centro storico e, tutto sommato, non sarebbe male se il tutto fosse ben organizzato in termini di circolazione, di rispetto delle regole. Non si comprende però il motivo per il quale la "collaborazione", o meglio, la "gestione" degli eventi, sia in termini organizzativi che economici, debba avvenire solo con la Pro-Loco ed i Commercianti, lasciando fuori dalla programmazione altre categorie di operatori (turistici-artigianali-culturali) ed Associazioni (Archeoclub, Misericordia, Volontariato, Comitati etc.), costrette in seguito a subire e, comunque, a collaborare ad una Programmazione imposta perchè organizzata solo dai soliti noti, senza dar mai conto di quel che si fa e di come si fa.

 

BOVINO: E' QUI LA FESTA ?

Written by Thursday, 13 June 2013 07:08

 

 

Riportiamo integralmente il contenuto dell' e-mail pervenutaci in mattinata, che riflette il pensiero di buona parte della cittadinanza che ha dovuto "subire" l' occupazione del corso principale del paese per una manifestazione fine a se stessa e molto colorita da personaggi ed atteggiamenti ai limiti della più spicciola comicità:

 

RIFLESSIONI SULLA GRANDE FESTA ORGANIZZATA DALLA LISTA ‘’TUTTI PER BOVINO’’ PER CELEBRARE LA VITTORIA ELETTORALE.

La conferma al governo cittadino della lista civica ‘’TUTTI PER BOVINO’’, capitanata dal Sindaco Michele Dedda, ha regalato fin da subito fuochi d’artificio.

Sabato 8 giugno, infatti, i ‘’novelli’’ amministratori hanno trasformato c.so Vittorio Emanuele in una grande trattoria e in una grande balera.

Tralasciando il modo, in perfetto stile ‘’Ventennio’’ o ‘’romano antico’’, in cui i suddetti sono saliti sul palco per ringraziare (con tanto di ‘’INNO NAZIONALE’’) il ‘’loro popolo ‘’, soffermiamoci sui festeggiamenti.

Partiamo da una loro ordinanza che nei giorni antecedenti la festa circolava nei locali pubblici, ossia il divieto di transito su C.so Vittorio Emanuele con mezzi privati dalle ore 19.00 alle ore 24.00.

Contravvenendo allo stesso ordine, hanno invaso il corso principale con tavolini e sedie sin dal primo pomeriggio, impedendo la regolare circolazione automobilistica già dalle 17.00 circa. A dirigere il traffico vi era un personaggio le cui sembianze si confondevano con quelle di un agente di polizia municipale perchè pare si senta autorizzato a rivestire tali panni e compiti , senza arte ma  di parte , che a suo piacimento permetteva e non l’accesso alle autovetture. I Bovinesi hanno poi potuto consumare, nel corso della serata, presso gli stands allestiti, ingenti quantità di cibo (pasta, salumi, formaggi, vino ecc..) come per dire ‘’Il popolo ha fame? Noi lo sfamiamo! ‘’ (proprio come nel giorno dell’apertura dei Giochi Romani, quando Cesare faceva distribuire pane al popolo  ).  La grande festa si è conclusa con musica e danze fino alle 00.30 circa.

A questo punto è lecito chiedersi:

Era proprio necessario organizzare una festa, occupando tra l’altro quel suolo pubblico,  continuando a offendere la dignità di  una larga parte di Bovinesi? A che scopo è stato fatto tutto ciò? Con vero senso di riconoscenza verso i cittadini o per mettere la cosiddetta ‘’pezza a colore’’, dato che ci sembra che molte promesse fatte in sede di campagna elettorale stanno cominciando a venir meno? (vedasi la sospensione dei lavori per la costruzione dell’ospedale in Via martiri di Marzabotto; vedasi il licenziamento di alcuni operai assunti all' ultima ora nei giorni prima delle votazioni; vedasi la cessazione di attività consortili fiorite poche settimane prima della raccolta voti etc.etc. !) ) E' stato fatto ciò per assicurarsi fin da subito una buona quantità di voti per la prossima tornata elettorale del 2018 ??

Non sarebbe bastato il  comizio di ringraziamento di cui sopra?

E se proprio questa festa andava fatta, non era più giusto coinvolgere tutte le attività commerciali e ristorative di Bovino, anche solo permettendogli di allestire una postazione con un solo prodotto a testa, in modo tale da guadagnarsi anche loro la ‘’pagnotta’’ e di farsi pubblicità  per il futuro? ( Non ce la prendiamo con i pochi commercianti coinvolti perché crediamo, in fin dei conti, che essi siano stati chiamati solo a svolgere il loro lavoro; il dito è puntato contro chi ha deciso di non estendere l’invito a tutti gli altri. )

Alla fine si è rivelata una festa non per il paese, bensì una festa privata, ribadiamo su un suolo pubblico!

Ci sembra che, così facendo, non si è tenuto fede allo stesso nome della lista vincente e festaiola, più che ‘’TUTTI PER BOVINO’’  è stato un ‘’ TUTTI PER UNO’’ e……basta!!

Con questi interrogativi ( che non sono di parte….sono domande lecite che molti si pongono ) s' invita i cittadini a riflettere su quanto avvenuto.

BOVINESI ! La nostra dignità, la vostra dignità, non vale un piatto di pasta o due fette di prosciutto; piuttosto levatevi quelle due fette di prosciutto che avete davanti agli occhi!!!

CONVOCAZIONE CONSIGLIO COMUNALE 10 GIUGNO 2013

Written by Wednesday, 05 June 2013 07:53

E' stato convocato il Consiglio Comunale per lunedì 10 Giugno 2013, ore 10,00.

Ordine del giorno:

Michele Dedda riconfermato sindaco a Bovino

Written by Tuesday, 28 May 2013 09:28

 

Il sindaco Dedda si riconferma alla guida della civica "Tutti per Bovino"

Michele Dedda (Tuttiper Bovino ) viene riconfermato sindacoa Bovino: 1296 i consensi ricevuti. Dietro al sindaco uscente, Pietro D'Alessandro (Lista Partecipazione) con 543 voti e Leonardo Lombardi (Viva Bovino Viva) che si è fermato a 380.

Questi i consiglieri di maggioranza: Vincenzo Nunno , Leonardo Greco , Vincenzo Nicolò , Antonella Fattibene , Claudia D'Alessandro .

Vanno all' opposizione i Consiglieri Leonardo Lombardi e D' Alessandro Pietro, già presenti nella passata Amministrazione.

       
       
       
       
       
       
       
       
       
       

BOVINO: ULTIMO CONSIGLIO COMUNALE

Written by Wednesday, 08 May 2013 14:19

Si terrà alle ore 16,30 di martedì 14 maggio 2013 l' ultima seduta di questo consiglio comunale con i seguenti argomenti all' ordine del giorno:

Pochi gli argomenti all’ ordine del giorno ma molto importanti.

Il gruppo di opposizione, così come previsto dal Regolamento, prima della seduta, ha fatto rilevare al Segretario che ai Consiglieri non è stato concesso il previsto tempo a disposizione per la consultazione degli atti (due giorni prima della riunione) per  proporre le proprie valutazioni sui singoli argomenti:

La notifica  di convocazione è partita il venerdì pomeriggio, quando gli uffici comunali sono tutti chiusi, così come sono rimasti  chiusi per tutto  Sabato e Domenica, quindi senza nessuna possibilità di accesso per consultare gli atti.

Il Lunedì mattina è stato notificato un ulteriore ordine del giorno aggiuntivo per la riunione prevista per il Martedì.

Il Regolamento  sul funzionamento del Consiglio Comunale (art. 40 ) prevede il deposito degli atti alla Segreteria del Comune nei due giorni precedenti e che la consultazione degli stessi  può essere fatta da parte dei Consiglieri  nell' orario di funzionamento dell' ufficio di segreteria del comune.

Il metodo seguito, quindi,   non è affatto indice di democrazia e trasparenza amministrativa.... e ciò si è verificato in molte altre convocazioni.

Visto che Segretario e Sindaco hanno ritenuto di procedere comunque allo svolgimento del Consiglio, l’ opposizione ha partecipato alla discussione degli accapi  pur ritenendo la seduta non valida e senza prender parte  alla votazione dei singoli argomenti.

 

C'è maretta tra L' Amministrazione ed il Gal?

Written by Wednesday, 03 April 2013 07:37

Pare di sì, vista la mancata partecipazione delle nostre autorità all'Eco Cluster Manager Day 2013 tenutosi presso l' incubatore di Candela il 27 Marzo 2013 su iniziativa  del UK CEED (UK Centre for Economic & Environmental Development), ovvero un'organizzazione no-profit ideata per promuovere e stimolare la crescita e lo sviluppo di quelle aziende che operano nel settore delle tecnologie green, il cui promotore è

Marco Cereste, bovinese di nascita e inglese di crescita, che da anni sostiene e implementa i processi di efficientamento energetico e sulla gestione delle acque dell'intera Inghilterra, tanto da far diventare Peterborough, cittadina a pochi chilometri da Londra della quale presiede in consiglio comunale, la sede dell'UK CEED, uno dei più importanti eco-cluster (network attivo nel settore "cleantech") europei.  L'obiettivo dell'evento è quello di attivare una rete di imprese operanti nel settore delle energie rinnovabili, oltre che stimolare ed assistere la creazione di un eco business cluster sul modello che è stato presentato dai manager inglesi.

Bene,  a quest' appuntamento sembra sia mancato proprio il Comune di Bovino, probabilmente per dei contrasti tra l 'Amministrazione e Marco Cereste che  a Petherborough ricopre l' incarico di Presidente della Giunta di città.

Difatti è in piedi una vertenza in cui l' Amministrazione ci si è ficcata per una questione tra privati nella quale, tra contumacia, ritardi legali etc. il Comune rischia di rimetterci non pochi soldi.

Ma tutto questo, con lo sviluppo del paese, non dovrebbe averci nulla a che fare, così come nei rapporti tra Gal-Comune-Istituzioni straniere.

 

E’ stata inoltrata una interrogazione al Sindaco da parte del gruppo consiliare di opposizione in merito alla capacità di indebitamento attuale del Comune di Bovino, alla situazione debitoria , sulle vertenze e sull’ ammontare dei tributi non versati al Comune da parte della Gema, di cui si fa un gran parlare.

Sono questi solo alcuni punti che dovrebbero essere inseriti nella relazione di fine mandato che la nuova normativa prevede e che l’ Amministrazione uscente ha il dovere di pubblicare prima del passaggio alle urne per il rinnovo degli organi amministrativi.

Le previsioni danno per certo la competizione tra due schieramenti (centro destra e centro sinistra) perché sembra non più probabile la partecipazione del Movimento 5 Stelle con una propria lista i cui vertici propendono per un appoggio al gruppo dell’ attuale maggioranza; ma la situazione è in continua evoluzione per alcune “insofferenze” e tendenze avverse alla linea del portavoce.

 

 

“Restaurata villa Casalene” un’ antica dimora rurale.

 E' questo il titolo a caratteri cubitali che riporta  certa stampa assoldata alla campagna elettorale dell’ Amministrazione in carica a Bovino, mobilitata a dar manforte ad una maggioranza che non ha altri mezzi per crearsi credibilità  e giustificazioni per un quinquennio di malaffare, clientelismi, sfruttamento e lassismo generalizzato in un paese sceso ai minimi storici sotto ogni punto di vista, vedendosi surclassare da paesi limitrofi quali Panni, Deliceto, Orsara, Monteleone, Ascoli, Troia e Castelluccio dei Sauri.

Chi sta contro questa maggioranza è classificato denigratore perché non deve dire la verità, non deve svelare gli aspetti negativi dell’ andamento amministrativo locale perché così si fa solo male al territorio, né deve poter dire la sua opinione per come è stato organizzato un evento o persino una sagra non andata a buon fine.

 Quindi, secondo quella perfida logica, bisogna parlar bene anche quando le cose non vanno o, quantomeno, nascondere la verità e dire il falso, altrimenti non si potranno riempire di “clienti” le new strutture ricetti zie sanguisughe di decine di migliaia di euro a favore di inventate cooperative e consorzi senza una reale attività turistico-alberghiera, solamente di comodo di chi ha anche in passato raggirato norme ed usufruito di finanziamenti pubblici, mirante al soddisfacimento di interessi puramente personali.

L’ultima in ordine di tempo è questa “restaurata villa Casalene” che ha dato modo al Senatùr leghista improvvisato del nostro Sud di consolarsi con gli applausi dei soliti galoppini per la presentazione del libro sul patrimonio archeologico recuperato della Villa Casalene, i cui contenuti  vanno salvaguardati, apprezzati e che non hanno nulla a che vedere con questa diversa visione sulla falsa propaganda elettorale di questa maggioranza.

 

  Decenni di governo Morrista concentrato al raggiungimento di interessi personali che continuano a tenere sotto controllo un territorio in cui non si muove foglia senza il beneplacito di pochissime persone che hanno venduto solo fumo arrostito in  cambio di lacrime di chi non ha altro da offrire che il proprio consenso e la propria dignità, hanno portato il sub-appennino Dauno Meridionale nello stato in cui si vede, territorio in abbandono, in un degrado indescrivibile, senza strade agibili di collegamento , una disoccupazione che fa spavento e una sottomissione  al “potere politico” senza precedenti con giovani costretti a lavorare sottopagati e sfruttati, senza nemmeno la possibilità di esprimersi e confessare il proprio stato sottomissivo, altrimenti sarà licenziato e sostituito da un altro coetaneo più servile!! .

Dove sta questa non “villa” restaurata, o meglio definita “antica dimora rurale” ? Invitiamo  chiunque a recarsi in quel di “femmina morta” a visitare, fotografare e fermare il tempo di oggi perché questi diranno fra qualche anno di aver consegnato al Comune di Bovino un’ opera finita! Si afferma il falso dicendo che il recupero è avvenuto con fondi della Comunità Montana e con i meriti del suo ex presidente o dell’ attuale Sindaco che nemmeno esisteva al momento dell’ approvazione dei progetti !.

 Lì, di finito, sono in realtà tutti i soldi stanziati dalla Regione Puglia nell’ ambito del  PIT n° 10  per il recupero dell’ area con uno sperpero di danaro finito non si sa dove ….sì, andiamo a vedere com’ era l’area prima della cessione da parte del Comune alla Comunità Montana, prima cioè del finanziamento, andiamo a vedere quello che è stato fatto, cosa intendono per  avvenuto restauro e poi ci dicano Morra e Dedda dove sono finiti tutti quei soldi e quanto ci vorrà in tempo e soldoni per finire i lavori, per parlare di effettivo restauro per la messa in sicurezza e tutela dell’ intera area !!

Questo è l’ articolo di stampa di qualche giorno fa e di cui si sono interessatele emittenti locali vicine all’ amministrazione comunale:

I nostri contatti :)