You are here: HomeArte Cultura e Spettacoli

Arte Cultura e Spettacoli (44)

Maecenas ligula velit, pharetra ut sagittis at, malesuada eget elit. Nunc auctor tellus et neque blandit at convallis justo commodo. Duis ornare velit eget ligula sagittis at feugiat magna accumsan. Nulla feugiat, mauris non ullamcorper accumsan, dui lectus interdum lectus, nec condimentum id velit.

Giornata della memoria 2016

Written by Wednesday, 27 January 2016 08:03

Perchè si celebra il 27 Gennaio e significato di SHOA:

Il 27 gennaio si celebra la giornata della memoria 2016, a settantuno anni di distanza dall'abbattimento dei cancelli del campo di concentramento di Auschwitz e la seguente liberazione del più grande campo di sterminio voluto dai nazisti durante la seconda guerra mondiale. L'Italia ha instituito nel 2000 il giorno della memoria, per far si che si possa ricordare per sempre quanto accaduto, evitando così che possa ripetersi una catastrofe simile. Ma perchè il giorno della Memoria è il 27 gennaio? Cosa significa Shoah? Ve lo spieghiamo.

Perchè si celebra il 27 gennaio la Giornata della Memoria 2016?

La data del 27 gennaio non è certo casuale, e il Giorno della Memoria si celebra da 16 anni in Italia il 27 gennaio, perchè nel 1945 proprio in quel giorno le Forze Alleate liberarono Auschwitz dai tedeschi. Da quel giorno per la prima volta, varcata la scritta d'ingresso  "Arbeit macht frei" (il lavoro rende liberi) si venne a conoscenza di quanto era accaduto e del dramma di quello sterminio. 

Che cos'è  Auschwitz e cosa rappresenta ad oggi?

Auschwitz è il nome tedesco di una piccola cittadina a sud della Polonia ( Oswiecin) dove a partire dalla metà del 1940 iniziò a funzionare il più grande campo di sterminio nazista. Qui vi erano campi di lavoro, le camere a Gas e i forni crematori dove venne compiuto un massacro che resterà per sempre nella storia. Solo ad Auschwitz sono stati uccisi quasi un milione e mezzo di ebrei. 

Giorno della Memoria 2016: Cosa Significa Shoah

Si sente spesso parlare della Shoah, riferendosi a questi fatti, ma cosa significa questa parola? Approfittando della Giornata della Memoria 2016 è giusto informare e far conoscere anche ai più giovani questi fatti. ll termine Shoah è la parola con cui in ebraico si indica una catastrofe. Il significato letterale è catastrofe, ma ad oggi ha sostituito la parola Olocausto, che un tempo veniva utilizzata per definire lo sterminio compiuto dai nazisti (ma Olocausto è un termine che richiama al sacrificio biblico e rischierebbe di dare un senso ad una strage che senso non ne avrà mai). Il giorno della Memoria non deve esser solo un omaggio a quelle vittime, ma soprattutto una presa di coscienza collettiva per ricordare un fatto che non dovrà mai più accadere.

Io chiedo come può l'uomo uccidere un suo fratello eppure siamo a milioni in polvere qui nel vento.

Io chiedo quando sarà che l'uomo potrà imparare a vivere senza ammazzare e il vento si poserà.(Francesco Guccini-Auschwitz)

I sacrifici che c' impone la spending rewiev non possono permettere la chiusura di una delle biblioteche più grandi d' Italia !

Tutto il territorio regionale è in forte apprensione per questo pericolo di chiusura della Biblioteca Provinciale ed è per questo che anche noi da Bovino dobbiamo far sentire forte la nostra voce per non far succedere questa disgrazia.

E' stato chiesto per questo motivo l' aggiunta agli argomenti in discussione al prossimo Consiglio Comunale di un Ordine del Giorno che coinvolga tutti i Comuni del circondario , rivolto alle massime autorità regionali, statali ed europee per far scongiurare questo pericolo.

 

 

Immagini bellissime di Bovino come anticipazione di una storia  che inizia proprio col verde della nostra valle e delle nostre colline, sono come il contorno dell' aperitivo offerto nel bar più antico della nostra Bovino nel cuore del centro storico del paese, prima del pranzo semplice intorno al fuoco di un caminetto il cui pro-fumo di legna bruciata fuoriesce lento lento dal comignolo sovrastante embrici umidi ricoperti di muschio di un marronverde introvabile altrove.

Su Youtube è presentato come "Breve TEASER del film di cortometraggio "PROMISELAND (Terra Promessa)" di Francesco Colangelo." Tra gli interpreti:  Valeria Solarino, Massimiliano Frateschi, Riccardo Raiola e Giulia Michelini.
Prima tappa: Bovino (Foggia).

Il progetto è stato vincitore del bando "LUNGO LA PUGLIA RURALE" della Regione Puglia  - Ufficio PUGLIESI NEL MONDO e darà visibilità al nostro Comune in tutto il mondo

MARCO-DONATO-MICHELE NEL MONDO DI QUA

Written by Friday, 27 November 2015 20:30

I viaggi nel mondo della scienza presentati in tanti anni con la bellissima trasmissione televisiva "Quark" di Piero Angela, hanno dato l' idea a tre giovani di Bovino di raccontare le proprie passeggiate tra i Monti Dauni, riprendendo, fotografando, sentendo e gustando luoghi, costumi, tradizioni, profumi e tutto quanto c'è di bello "a due passi" da noi che siamo nati e viviamo di questi luoghi.

" LO STRUSCIO",  periodico d' informazione per giovani sull' intrattenimento e tempo libero dei Monti Dauni e della Provincia di Foggia, riporta in questo modo la notizia sul n. 19 della stampa di questo mese:

GIUSEPPE SANTORO PRESENTA IL SUO NUOVO LIBRO

Written by Monday, 14 September 2015 06:30

L'invito di Giuseppe Santoro è per Sabato 10 Ottobre presso la sala consiliare di Bovino.

La cittadinanza è invitata.

Domenica 26 luglio alle ore 20.00 si svolgerà presso la Cattedrale di Bovino l'incontro con Don Erminio Gallo, cancelliere vescovile della Diocesi di Trivento-Agnone, che presenterà il libro "Il beato Antonio Lucci e la sua opera di riforma".

BOVINO in musica: Florestano Rossomandi

Written by Wednesday, 15 April 2015 07:11

Appena passata, sopìta l' euforia della trasmissione televisiva del Kilimangiaro, la primavera 2015 c' inebria con le note musicali del grande compositore Florestano Rossomandi che in Bovino ebbe i suoi natali.

Infatti è stata una piacevole sorpresa la scorsa settimana, su Rai3 in attesa del tg3 radiofonico, ascoltare nelle prime ore del mattino  un brano di F. Rossomandi interpretato da Dina Rizzo al pianoforte.

In questi giorni il paese si sta preparando alla 16^ edizione del concorso pianistico "Florestano Rossomandi" che terminerà il 17 Maggio e nel frattempo, il Circolo Culturale Rossomandi ha organizzato  un' incontro presso la Sala Consiliare di Bovino, Sabato 18 Aprile alle ore 18.00, con il Prof. Iannuzzi Vitaliano, titolare della cattedra di pianoforte principale del Conservatorio "N. Piccinni" di Bari, durante il quale verranno proiettati documenti visivi riguardanti Florestano Rossomandi e la schiera di allievi-docenti della scuola pianistica napoletana.

L' ingresso è libero e...le occasioni da non perdere !!!

 

"PROMISELAND" è  il titolo dato al cortometraggio che si sta girando in questi giorni a Bovino.

Teleradioerre ha già fatto numerosi articoli su quest' avvenimento e qui riportiamo quello del 9 Aprile scorso:

A Bovino le riprese dell´ultimo corto di Francesco Colangelo con Valeria Solarino

BOVINO, 09/04/2015 21:54:07 di Redazione Teleradioerre

 

Bovino borgo dei borghi di Puglia, bandiera arancione, meta preferita per vacanze slow e culturali. E da qualche anno anche punto di riferimento per registi, attori e filmmakers che scelgono il borgo dei Monti Dauni per girare film e cortometraggi, come "Promiseland" prodotto da Giampietro Preziosa e Marco Puccioni con la regia di Francesco Colangelo. Da alcuni giorni le viuzze e le piazze del centro storico di Bovino sono il quartier generale del cast cinematografico Inthefilm che sta realizzando in collaborazione con la Regione Puglia e la rete dei GAL pugliesi (Meridaunia capofila del progetto Pugliesi nel Mondo) , un cortometraggio da presentare al prossimo Festival del Cinema di Vieste.  Tra gli attori protagonisti del corto, Valeria Solarino, Giulia Michelini e Massimo Frateschi. Solarino interpreta Julia Russo, una ragazza di origini italiane che vive a Londra dall'infanzia, abita in una casa in affitto e ha un lavoro sicuro, come impiegata. Ogni giorno fa la sua pausa-pranzo mangiando un sandwich o un’insalata seduta ad una panchina o su un muretto, quando il grigio londinese fa passare qualche timido, tiepido raggio di sole. A fine lavoro, Julia va a prendere suo figlio Rocco all’uscita da scuola. Rocco è un ragazzino taciturno ed introverso, forse a causa della mancanza della figura paterna. Julia infatti è una madre single. Rocco soffre di problemi respiratori: una forma d’asma dovuta alle polveri presenti in città. Julia, spinta dall’amore e dalla preoccupazione per la salute del suo bambino, decide di tornare nel paese in cui è nata e dove ha trascorso l’infanzia: la Puglia. Julia, insieme al suo piccolo Rocco, attraverso le informazioni e le foto dei genitori e dei nonni ritrovate in soffitta, intraprende un viaggio alla scoperta di quei luoghi della Capitanata rurale che avevano spinto il nonno a cercare fortuna lontano, che ora non esistono più ma hanno lasciato il posto ad una regione bellissima, organizzata, efficiente e proiettata nel futuro.    "Il cortometraggio - afferma Colangelo -  farà riscoprire alle nuove generazioni delle comunità di pugliesi emigrati all’estero la madre patria dei propri nonni attraverso un linguaggio e un’estetica accattivante, raccontando una Puglia contemporanea e incantevole".  Il film tocca l’importante tema del ritorno alle origini, e promuove il territorio con il valido apporto di Apulia Film Commisison.  

CALLAS IN JAZZ: un inedito incontro tra lirica e jazz

Written by Monday, 23 March 2015 07:57


 Questo concerto-spettacolo di giovedì 30 aprile a Foggia, è l'espressione artistica più consona per celebrare quest'importante avvenimento mondiale e omaggiare con la Callas il nostro più illustre concittadino, UMBERTO GIORDANO - Compositore, del quale l'Opera Jazz Orchestra, diretta dal maestro Agostino Ruscillo, eseguirà due suoi importanti componimenti celebri in tutto il mondo: la "Mamma morta" tratta dall'Andrea Chénier e "L'Intermezzo di Fedora"

"Callas in Jazz" non è un semplice omaggio alla grandiosità di quest’artista, alle meravigliose melodie che la sua voce ha fatto brillare di luce nuova: è un nuovo e diverso punto di vista dello strumento Maria Callas. Ed è proprio uno strumento, la tromba (e con essa il flicorno sopranino in mib e il flicorno soprano in sib) del maestro Leonardo Lozupone che con straordinaria abilità espressiva interpreta la divina.
Lo spettacolo si caratterizza per l’interessante contaminazione del linguaggio lirico con quello jazz e viceversa, grazie agli originali arrangiamenti di Silvano Mastromatteo, che nel recente passato si è cimentato con uno straordinario "Requiem in jazz". L’inedito incontro tra jazz e lirica è dunque palesato dalla splendida voce di Mara De Mutiis.
L’obiettivo dello spettacolo è quello di valorizzare uno degli strumenti solistici per eccellenza dell’antica tradizione bandistica pugliese, il flicorno, che si contamina e si giustappone alla voce, passando dallo stile originale classico all’arrangiamento di stampo afroamericano, con le sue continue improvvisazioni, creando una nuova visione sonora.

Anche Foggia, quindi,  partecipa alla quarta edizione dell’International Jazz Day promossa dall’UNESCO (l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura) che proprio nel 2015 compie 70 anni dalla sua fondazione.

OPERA JAZZ ORCHESTRA
voce narrante Ugo Sbisà
voce solista Mara De Mutiis
tromba e flicorni Leonardo Lozupone
arrangiamenti originali di Silvano Mastromatteo
concertatore e direttore Agostino Ruscillo.

*********************************
INGRESSO A PAGAMENTO
Biglietti in vendita online su BOOKINGSHOW.IT
oppure direttamente nei punti vendita.

Con la partecipazione di:
-- Studio dentistico dr.ssa Anna Rendinella - Via Vincenzo Capozzi n. 69A - Foggia
-- Agenzia Generale InLinea - HDI Assicurazioni - di Stefania Ficarelli - Via Mandara 48C - Foggia

E' il grido d'allarme per quanto sta accadendo e, peggio, per quello che potrà accadere a breve, a questo insostituibile presidio e a questa fonte di cultura e di servizi per la comunità di Capitanata e pugliese che è la Biblioteca Provinciale di Foggia.

La Biblioteca provinciale di Foggia non deve essere rottamata !!


Scritto, girato e montato dai Bibliotecari della Magna Capitana, questo video presenta il patrimonio e i servizi della Biblioteca provinciale di Foggia, in un momento di grave difficoltà economica e istituzionale dovuta alla riforma introdotta dalla legge Delrio (n. 56 del 7 aprile 2014), che elimina la cultura dalle competenze delle Province, e alla mancata legge di riordino delle funzioni spettante alla Regione Puglia. Difendi la tua biblioteca, firma la petizione on-line: http://www.bibliotecaprovinciale.fogg...

I nostri contatti :)