You are here: HomeNews

News (381)

Lellentesque elit justo, dictum at facilisis nec, aliquam dignissim lectus. Donec gravida dolor in tortor convallis mollis. Donec vel risus ut turpis viverra faucibus. Aenean viverra quam sed nunc consequat vitae aliquam nisl eleifend. Praesent eros nisi, fringilla sed hendrerit nec.

Arte Cultura e Spettacoli (44)

Maecenas ligula velit, pharetra ut sagittis at, malesuada eget elit. Nunc auctor tellus et neque blandit at convallis justo commodo. Duis ornare velit eget ligula sagittis at feugiat magna accumsan. Nulla feugiat, mauris non ullamcorper accumsan, dui lectus interdum lectus, nec condimentum id velit.

POETI BOVINESI : CARMINE SANTORO

POETI BOVINESI : CARMINE SANTORO

La poesia fuori tempo di Carmine Santoro:   Se …piove   Pioggia di sette ...

MORE

Interessante commento di Carmine Santoro (P.A.T.A.) sulla normativa vigente che limita la raccolta indiscriminata e spesso scorretta dei prodotti naturali dei boschi e del sottobosco:

Una recente legge regionale, n.38 del 12 dicembre 2016, contiene chiari provvedimenti in materia di “..contrasto agli incendi boschivi e di interfaccia”  ma non solo, è finalizzata anche alla salvaguardia degli ecosistemi agricoli e forestali.     In particolare per coerenza con tale finalità,  l’art.5 c.1  vieta per cinque anni la raccolta di frutti spontanei….asparagi,funghi e lumache, sui soprassuoli boscati e nei pascoli percorsi dal fuoco.

Però, sorge qualche perplessità, nel momento in cui volendo attuare le sanzioni a questo divieto stabilite con l’art.12, risulta che: “chi raccoglie prima di cinque anni e per quantità complessiva superiore a chilogrammi uno di frutti spontanei…asparagi,funghi…” è tenuto al pagamento di una sanzione amministrativa da euro 250 a 500. Ma per una conseguenza logica o semplice ragionamento, questa sanzione invalida di fatto il divieto di “raccolta” stabilito nell’art.5 anzicitato. Partiamo da un semplice constatazione pratica. Fino a 990 grammi di funghi o asparagi raccolti nel bosco incendiato o su pascoli bruciati dal fuoco, non si è soggetti a nessuna sanzione, in quanto tale divieto scatta solo dopo aver superato il chilo di frutti spontanei raccolti!  Facciamo un po’ di conti elementari a campione: quindi 10 persone possono raccogliere fino a 990 grammi di prodotti a testa ogni giorno, che per sei giorni sono circa  54 chili in settimana, senza poter essere sanzionati.

I controlli sono già tanto rari e difficili da effettuare perché un bosco offre tante barriere naturali ed altrettanti sentieri per entrare ed uscirne indisturbati, figurarsi poi se gli Agenti possono circolare con una bilancia al seguito e districarsi fra le tante furbate che i raccoglitori indisciplinati riescono ad adottare sul campo.

E finchè costoro non superano il chilogrammo di raccolto, possono liberamente circolare sui soprassuoli boscati e nei pascoli percorsi dal fuoco, con buona pace della finalità di salvaguardia degli ecosistemi agricoli e forestali.

Vuol dire che l’ecosistema localizzato sul bruciato, fino a 990 grammi di asportazione frutti spontanei…….non soffre, non subisce alterazioni e danni!

 

Possibile che una sanzione al divieto, offra la soluzione ad aggirare il divieto stesso?   Ma allora, sembra un controsenso, si può o non si può?  Direbbe Totò: alla faccia della tutela!

 

 

                                                                                    Carmine Santoro

ARCHEOCLUB BOVINO - ELETTO NUOVO DIRETTIVO

Written by Monday, 17 April 2017 07:08

Un bel sabato di discussione e votazione, oggi al museo: dopo tre anni densi di lavoro e attività, con tanti progetti realizzati e qualche delusione inevitabile, abbiamo rinnovato il nostro organismo direttivo. Confermate la presidente Nunzia Roccotelli e Lea Durante, eletti per la prima volta Rosalba Manuppelli (tesoriera), Pino Lombardi (segretario) e Michele Bruno. Grazie a Gino Bucci, ad Antonella Bucci e a Ciro Magnatta per il tempo e l'intelligenza che hanno dedicato all'associazione. Al nuovo direttivo l'augurio di trovare ascolto presso istituzioni sensibili e adeguate, perché il volontariato non sia costretto a farsi supplente di una politica senza valori, ma sia invece sempre al fianco di comunità che si riconoscono

Durante l ’ultima seduta del Consiglio Comunale di Bovino tenutasi giovedì 30 marzo 2017, si è approvato a maggioranza il bilancio di previsione 2017-2019 con i  voti favorevoli della maggioranza e quelli contrari dei consiglieri Lombardi e Russo. Sono state riconfermate le tariffe IMU-TASI ed Addizionale Irpef che essendo state applicate al massimo consentito negli anni precedenti, non potevano essere ulteriormente aumentate.

Invece è stato previsto l’ aumento della tassa sui rifiuti, dimostrazione di quanto valgano le promesse pre-elettorali ed i metodi applicati per la raccolta differenziata che, così come vien fatta, produce solo effetti negativi in termini di aumento delle tariffe e aumento della sporcizia per le strade cittadine, urbane ed extra-urbane.

Come se non bastasse,  son previsti altri grattacapi per gli emigrati iscritti all’ AIRE per una modifica apportata al regolamento dell’ imposta unica comunale (IUC)  e per quei cittadini che usufruiscono dell’ acquedotto rurale (sono tre le reti rurali a Bovino), la cui gestione è rimasta ed è regolamentata dal Comune di Bovino che continuerà a pagarne la manutenzione e tutti i costi di gestione, mentre l' Acquedotto Pugliese incasserà regolarmente i consumi, a prescindere dai guasti, perdite, abusi etc..

 Con le modifiche apportate ai regolamenti  i concittadini residenti all’ estero dovranno presentare una dichiarazione per poter usufruire della riduzione di 2/3  della tassa sui rifiuti e dell’ esenzione IMU per la casa di prima abitazione; mentre  chi è allacciato per il servizio idrico ad uno dei tre acquedotti rurali che l’ Acquedotto Pugliese non ha voluto  prendere in carico, sarà obbligato a trasferire a proprie spese i contatori dell’ acqua sul confine con la strada di accesso delle abitazioni-masserie-villette etc. 

Le proposte dell’ opposizione sia in Consiglio Comunale e sia nella riunione dei Capigruppo,  alternative a queste modifiche volute dalla maggioranza,  sono state bocciate.

Pubblichiamo il comunicato inviatoci dall' Associazione P.A.T.A.:

 

Protezione Ambiente  e  Tutela Antincendio

Via A. De Gasperi - sede COC

71023    BOVINO    (Fg)

 

Per l’anno scolastico 2017 in corso, è stata attivata la convenzione stipulata fra l’Associazione P.A.T.A. e l’Istituto Liceo Scientifico Sezione staccata di Bovino, per sviluppare un programma di incontri informativi e formativi sulle tematiche ambientali che confluiscono nelle problematiche di Protezione Civile, quali: rischio idrogeologico; rischio industriale e altre attività civili; avversità atmosferiche e fenomeni climatici; incendi agro-boschivi e rischio interfaccia derivante da incendi.

Di recente nella sede dell’Istituto, si è svolto il primo incontro con gli studenti del Liceo ai quali è stato presentato il programma generale in materia di Protezione Civile che gli Istruttori della Pata intendono svolgere, e quindi scopi e motivazione di questo approccio informativo e formativo di base alla prevenzione.

Risulta evidente che bisogna preparare la popolazione alla “resilienza sociale” cioè alla possibilità di saper reagire nelle situazioni di crisi-emergenza ed “istruire” i cittadini a saper affrontare gli eventi calamitosi, più ricorrenti ed in parte prevedibili.

Il Presidente insieme ad una rappresentanza di 4 Volontari-collaboratori, ha tracciato un breve profilo dell’associazione Pata, regolarmente iscritta nell’Elenco regionale delle OdV di Protezione Civile, e poi è passato a trattare alcuni argomenti specifici sull’organizzazione della protezione civile, partendo da Servizio Nazionale della Protezione Civile (legge n.225/92) fino ad arrivare alla struttura locale presente in ogni Comune, che si identifica con il COC (Centro Operativo Comunale) con a  capo il Sindaco o suo Delegato che funziona come “sala operativa” durante la gestione delle emergenze.

Ogni Sindaco, quindi, per assicurare il coordinamento dei servizi di soccorso di assistenza alla popolazione, si avvale del C.O.C. in cui anche il Volontariato svolge un ruolo operativo importante: radiocomunicazioni, disponibilità di mezzi ed attrezzatura specifica, veicoli fuoristrada, ecc.. che sono a disposizione per tutto l’anno ed utilizzati per intervenire durante la gestione dell’emergenza.

Il Presidente e la Segretaria Pata, hanno illustrato agli studenti (alquanto distratti…e con qualche turbolento) l’importanza della preparazione a livello locale (resilienza) e sottolineato come e perché ogni cittadino deve avere dei punti di riferimento e sapere quali Autorità ed Enti sono preposte alla gestione della prima emergenza, quella che coinvolge direttamente i cittadini, nella propria area urbana. A conclusione dell’incontro si è accennato al ruolo della Sezione Regionale di P.C. che si attiva principalmente tramite il Centro Operativo Regionale con la SOIR e la SOUP.

 

 

 

                                                                                                               Carmine Santoro

Due importanti iniziative  che vedranno impegnate le scuole di Bovino con manifestazioni di notevole interesse socio-culturale, alle quali la cittadinanza darà certamente tutto il sostegno possibile con la partecipazione e con la collaborazione massima per questi eventi:

ROBERTO SAVIANO INCONTRA I GIOVANI LICEALI DI BOVINO

Written by Thursday, 02 February 2017 19:04

"La paranza dei bambini", l' ultimo libro dello scrittore Roberto Saviano, autore di "Gomorra", è stato presentato in un incontro con gli studenti  presso l' Università di Foggia.

Tra gli studenti, alcuni alunni del Liceo Lanza di Bovino.

 

 

 

 

Enzo Smacchia in una recente manifestazione agricola nazionale, s' imbarca con alcuni onorevoli per spiegare loro la differenza tra segatura, grano e la fregatura del prezzo !!

“I disservizi di Poste Italiane nei piccoli comuni appenninici provocano danni agli utenti e aumentano il senso di isolamento di queste comunità”. Lo affermano i deputati Colomba Mongiello e Michele Bordo, componenti del gruppo del Partito Democratico alla Camera, nell’interrogazione rivolta al ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda per sollecitare il “ripristino di un corretto ed efficiente servizio”.

Il ‘caso’ sollevato dai parlamentari riguarda alcuni Comuni dei Monti Dauni – Carlantino, Volturara Appula, San Marco la Catola e Motta Montecorvino – in cui i sindaci e la stampa hanno registrato e riportato “innumerevoli lamentele” relative a “gravissimi disagi causati dalla mancata consegna di pacchi, bollette, fatture e raccomandate”.

“La mancata e tempestiva ricezione di bollette, avvisi di pagamento o atti giudiziari – affermano Mongiello e Bordo – espone i cittadini al pagamento di interessi di mora e, nei casi più gravi, a responsabilità di carattere penale.

Ha ragione il sindaco di Carlantino, quando afferma che i disservizi sono aumentati con la privatizzazione di Poste Italiane ed il conseguente taglio di dipendenti e sedi, da cui è derivato l’annacquamento del servizio pubblico prima garantito.

Il disservizio creato da Poste Italiane, inoltre, contribuisce ad aggravare l’isolamento di questi piccoli Comuni dal resto del mondo, al punto da doversi ritenere una concausa dello spopolamento delle aree interne e disagiate.

Abbiamo ritenuto nostro dovere informare il ministro della mancata erogazione del servizio di recapito da parte di Poste Italiane – concludono Mongiello e Bordo – e chiedere l’adozione di provvedimenti urgenti ed idonei ad evitare l’interruzione di un pubblico servizio”.

DA :

SENZA RIVALUTAZIONE LE PENSIONI DEL 2017

Written by Tuesday, 24 January 2017 10:02

Il Patronato Acli di Bovino ci ha  inviato  per la pubblicazione:

EPIFANIA A BOVINO - CONCERTO IN CATTEDRALE 5.1.2017

Written by Thursday, 05 January 2017 10:09

E' in programma Giovedì 5 Gennaio 2017, alle ore 19.30, nella Cattedrale di Bovino, il Concerto dell'Epifania, organizzato dal Liceo Scientifico di Bovino e dalla Basilica Cattedrale. Il concerto sarà eseguito dal CORO LANZA-PERUGINI diretto dal M° Giulia Panettieri. La manifestazione intende promuovere l'accoglienza e l'integrazione dei migranti, ospiti della nostra cittadina. 

I nostri contatti :)