You are here: Home

Raccolta firme contro il Digitale Terrestre

Published in News Sunday, 04 November 2012 22:26

E' partita presso il Bar Sport di Bucci (via Roma), la petizione popolare per raccogliere firme da spedire al Comitato Nazionale Anti-trust  nei confronti della Rai-Radiotelevisione italiana per la mancata ricezione di programmi nazionali in molte zone di Bovino, in particolar modo nella zona a più forte densità abitativa, la zona del "Pianello".

Non essendo servite a nulla le numerose segnalazioni fatte all' Amministrazione Comunale che, con una certa ironia ha risposto "...potete mettervi anche una parabolica" o "..è un problema personale, risolvetelo così come hanno fatto molti !...", alcuni cittadini, carta e penna alla mano, si sono fatti promotori di questa iniziativa che verrà presentata in tempi brevi a tutta la cittadinanza per la sottoscrizione in luoghi pubblici (piazze, bar, uffici etc.).

Intanto il problema è molto sentito anche nei palazzi della Regione Puglia, così come si può leggere da quest' articolo del Corriere del Mezzogiorno:

Digitale terrestre, Puglia ancora flop «Qui una Caporetto della televisione»

La protesta del presidente del Consiglio regionale
Introna scrive a Passera: «Il segnale non c'è»

BARI - «La svolta del digitale non può diventare la Caporetto della televisione italiana, pubblica e privata. I telespettatori hanno diritto a seguire senza disturbi i programmi preferiti. È indispensabile garantire la ricezione del segnale televisivo di qualsiasi canale selezionato sul telecomando». Lo sottolinea in una nota Onofrio Introna, presidente del Consiglio regionale della Puglia e referente nazionale per la comunicazione della Conferenza dei Consigli regionali. Introna torna a sollecitare un incontro urgente con il ministro dello Sviluppo economico Corrado Passera «per verificare ogni intervento utile a superare i disagi degli utenti». «Qualsiasi interferenza o disfunzione deve cessare quanto prima», afferma Introna il quale, nella nota inviata a Roma, richiama i numerosi interventi precedenti, nei quali ha già rappresentato la situazione di disagio generalizzato che la transizione al digitale terrestre sta provocando in molte Regioni.

LE DISFUNZIONI - Con il completamento a fine giugno dello switch off in tutta Italia «la cattiva ricezione a danno di intere comunità del Mezzogiorno si è aggiunta ai dati allarmanti che già si registravano nelle aree transitate in precedenza al sistema digitale. Da mesi, il 70% dei teleutenti del Nord denunciava problemi e il 40% lamentava la mancata ricezione dei canali Rai o Mediaset». Allo stato attuale, fa notare Introna, «i dati raccolti dai Corecom denunciano un servizio pessimo pressoché generalizzato e assenze di segnale che interessano interi canali e si ripetono fastidiosamente in particolari fasce orarie».

 Coloro che sono interessati alla firma, dovranno portare il numero dell' abbonamento TV nelle ore di apertura del bar Sport di Bucci.

Last modified on Tuesday, 26 March 2013 22:32

I nostri contatti :)