You are here: Home

DAL QUOTIDIANO ATTACCO: Galeotto fu il bando per Casoria

Published in News Thursday, 14 November 2019 20:59

Si dimette la maggioranza del cda del Gal Meridaunia

GIOVEDÌ 14 NOVEMBRE 2019

Decade il cda del Gal Meridaunia. Ne dà notizia Foggiatoday che riporta come tre consiglieri su quattro del cda si siano dimessi nelle ultime ore. Si tratta di Pasquale De Vita, sindaco di Casalnuovo Monterotaro e rappresentante in seno al Gal delle associazioni datoriali agricole (Confagricoltura); Matteo Cuttano, di Troia, rappresentante di Confcooperative e delle associazioni di categoria rientranti nel Cnel; Michele Angelo Del Buono, rappresentante della Camera di Commercio di Foggia e degli enti pubblici diversi dagli enti comunali. L’unico a non seguire i colleghi è stato Antonio Tutolo, sindaco di Lucera e rappresentante dei sindaci appartenenti al Gal.

Con le dimissioni della maggioranza dei consiglieri, decade anche il presidente, Alberto Casoria, da 20 anni alla guida dell’ente che comprende i comuni dei Monti Dauni.

Secondo la testata online la goccia che avrebbe fatto traboccare il vaso sarebbe stata “la recente vittoria di un bando europeo da parte di un congiunto del presidente”.

Un episodio raccontato da l’Attacco il 30 ottobre scorso.
Il congiunto è il nipote di Casoria, Luigi; il bando è quello per reclutare un esperto di turismo per affidargli l’incarico di coordinatore delle attività del progetto “Servizi integrati turistici dei Monti Dauni”.
L’impiego sarà retribuito con 84 mila euro per approssimativamente 525 giorni di lavoro, il che significa 160 euro lordi al giorno.

Pur essendo state rispettate tutte le norme prescritte dalla legge in termini di pubblicità del bando, è parso che alla notizia non fosse stata la massima risonanza possibile, tanto che a candidarsi a quello che potrebbe considerarsi un posto di lavoro ambito e remunerativo, sono stati solo 7.
Oggi la presa di posizione dei consiglieri del cda.

Last modified on Thursday, 14 November 2019 21:15

I nostri contatti :)