Print this page

IL FALSO DEL MENTORE SUL CENTRO STORICO DI BOVINO

Written by  admin Published in Bovino sulla Stampa Thursday, 04 February 2016 16:33
Rate this item
(0 votes)

Non a caso  nel pubblicare l’ articolo “Un patrimonio da preservare” dell’ Elce di Gennaio 2016,  s’ è dato il titolo alla pagina Conservazione del centro storico di Bovino come la volpe e l’ uva di Esopo”.

L’ accostamento sembra non appropriato e visto che sono in molti a scriverci per sapere le motivazioni di tale paragone, qui lo spieghiamo:

A primo acchito la lettura dell’ articolo, nella parte in cui si parla della lettera mandata al giornale, il noto “mentore”, per chi è a conoscenza di tutto l’ iter travagliato che ha subito il Piano di Recupero del Centro Storico in tutte le sue fasi di  approvazione, stupisce per l’ atteggiamento valutativo e colmo di richiami ad uno strumento urbanistico  mal condiviso dal medesimo. Almeno così è sembrato fino a poco tempo fa e nel corso degli anni in cui il “mentore” s’è sempre speso (più a torto che a ragione) per la sua esperienza e militanza in Associazioni importanti del territorio (Archeoclub ed altre).  Ma, al di là di questo, ci si chiede quali siano le motivazioni per le quali non si dice, per esempio, che quegli interventi di rifacimento strade realizzati negli anni 2000 e dintorni, avvenivano in assenza di uno strumento urbanistico specifico  che era in fase di studio e che è stato approvato solo nel 2006 ? … quale bisogno c’è  da parte di professionisti, nascosti spesso in Associazioni Culturali , a indurre il lettore a demolire l’ operato amministrativo altrui con degli accostamenti artefatti che riportano una falsa situazione dei luoghi e del tempo?  Cioè, è solo colpa dell’ Amministratore? Il “mentore” fa finta di non sapere che dietro quei progetti c’ è sempre la firma di un suo omologo, magari con gli stessi studi riconosciuti e di egual peso sociale? A chi si dà da bere che un professionista  è puramente al soldo di un’ amministrazione amica, per cui sta lì solo ad eseguire ordini?

Un professionista serio e tale, con pochi o con molti soldi a disposizione,  un progetto commissionato che non gli piace non lo fa !

Noi siamo, invece, ancora a credere  che per amministrare ci vuole il buon senso, l’ onestà non solo intellettuale, la fiducia per se stessi e nel prossimo con cui si collabora. Doti che, evidentemente mancano al “mentore” che falsifica la realtà e che vuole addirittura scrollarsi di responsabilità che l’ avvolgono senza lasciargli respiro.

Non è  perché,  rimasti esclusi dai procedimenti di recupero di alcune situazioni disperate e per le quali il non intervenire ( questo sì) sarebbe stata  colpa e correità nella morte del centro storico,  il “mentore”  si debba sentire in diritto di accusare politici o amministratori da esso lontano.

Se si possiedono doti e capacità per amministrare o di farsi rappresentare da amministratori in linea col proprio pensiero, ci si deve armare di pazienza, di meriti ed aspettare il proprio turno per ottenere i consensi da parte di chi l’ osserva, medita e premia.

La  pagina 9 dell’ Elce, accosta due foto del “Buco di San Marco” per dimostrare che l’Amministrazione degli anni 2000 ha “distrutto” le scale di Via Portella. E’ UN FALSO !!

La foto a sinistra, quelle con le scale, il “mentore” la raffronta alla situazione attuale del “Buco di San Marco” per accusare l’ Amministrazione in carica nel 2000 per averla distrutta.

Sì, è un falso e purtroppo il “mentore” custode di questi e di altri reperti fotografati del passato, sa che la foto con le scale risale  a tempi precedenti gli anni del terremoto (’80) perché  lo stato in cui versava quel punto lì di Via Portella negli anni sotto accusa  era questo:

Dove sono le scale del 2000 distrutte e citate dal “mentore” nella sua furiosa foga di seminare gratuito discredito?. .Questa fotografia è datata e firmata da fotografo di professione, quella invece abbinata con arte sull’ Elce, ci dica la verità questo “mentore”, a che epoca risale e chiediamoci adesso quali amministrazioni avevano ridotto il paese  in questo stato?

 Volendo, potremmo postare tantissime foto che dimostrano lo stato di abbandono in cui versavano le strade di Bovino negli anni sotto accusa e che sono state ripristinate anche in assenza di strumenti urbanistici appropriati, alle quali si è dato un decoro e una spinta per la fruibilità,  che hanno permesso a Comitati Scientifici di qualificare Bovino così come  l’ hanno trovato nel 2002-2003  e di cui oggi ci si vanta.

Questo, dunque,  l’ accostamento con Esopo e di una volpe che gira e rigira con furbizia in attesa che l’ uva maturi. Le bugie se dette e ripetute più di una volta possono essere scambiate per verità ma  permettete che qualcuno difenda  la verità per non farla scambiare in bugia: quelle scale del “Buco di San Marco” non esistevano più già prima degli anni novanta; ….il “mentore” sa anche per colpa di chi !!

Sarà furbizia, cattiveria o  corta memoria?

 

Read 5229 times Last modified on Tuesday, 19 April 2016 17:52