You are here: HomeArchivioBovino sulla StampaLettera aperta di Caterina alle autorità preposte per la tutela della salute pubblica

Lettera aperta di Caterina alle autorità preposte per la tutela della salute pubblica Featured

Written by  ADMIN Published in Bovino sulla Stampa Thursday, 06 August 2015 09:47
Rate this item
(0 votes)

Solo dopo due mesi circa dalla perdita del mio compagno di vita, marito e padre dei miei tre figli, riesco a riprendermi da questa tragedia che ha colpito la mia famiglia. Scrivo questa lettera aperta per evitare che i fatti accaduti  si ripetano e che altre persone soffrano per situazioni che possono essere migliorate:

Sono Caterina, la vedova di Mario Piscopiello di Bovino.

La notte  del mercoledì 10 Giugno 2015,    all’ incirca le 23,40, un improvviso malore ha colpito mio marito Mario con difficoltà respiratorie e forte affanno. Immediatamente ho chiamato il 118 per soccorsi seguendo e rispondendo alle domande che mi venivano poste.

Dopo circa 15 minuti è arrivata    l’ ambulanza procedendo con controlli del sangue e chiedendo che sintomi avvertiva e quali medicinali abitualmente prendeva e nonostante il continuo respiro sempre più accelerato, con lucidità, Mario  interagiva e rispondeva ai due addetti al soccorso (credo, personale medico).

 Ancora molto vigile e  per sua volontà,  Mario è salito  sull’ ambulanza da solo  ove  gli è stato attaccato      l’ ossigeno. Poco dopo è sopraggiunto   mio figlio Vittorio, anche lui rimasto molto scosso vedendo la scena del papà che con un lento gesto di mano e occhi aperti salutava fino alla chiusura delle porte dell’ ambulanza, sulla quale  nessuno è potuto salire oltre ai due operatori sanitari. Pertanto abbiamo seguito l’ ambulanza con la nostra macchina solo per un tratto in quanto noi andavamo meno veloci.

 Al nostro arrivo agli Ospedali Riuniti di Foggia, con gran sorpresa , ci hanno detto che l’ ambulanza non era ancora arrivata.

Momenti di forte preoccupazione e ansia...... minuti interminabili conclusi con l’ arrivo di quest’ ambulanza dalla quale sono scesi  sconvolti e rassegnati  gli addetti che con un abbraccio di dispiacere e cordoglio ci hanno comunicato del decesso di mio marito per strada.

Solo in seguito abbiamo appreso che l’ ambulanza durante il tragitto da Bovino a Foggia, s’è dovuta fermare in un punto imprecisato per attendere un medico, proveniente da un altro paese e  che  sarebbe salito  su questa ambulanza   per prestare ulteriori soccorsi, ma, evidentemente  invano.

Un inutile servizio, quindi, questo del  118, se così fatto,  poco funzionante e inefficiente.

Tutto questo se si pensa che in una  situazione così estrema quei pochi minuti che si avevano  a disposizione  per dare un’ unica e forse l’ ultima possibilità di salvarsi, si sono persi  per attendere che arrivasse il medico di turno, chissà da dove, quando sarebbe dovuto essere già sul mezzo alla partenza.

 

So che urlare al vento tutto il nostro dolore non servirà più a ridarci Mario, né voglio penalizzare qualcuno, ma voglio che  questa testimonianza possa  essere utile per gli altri, per  migliorare la vita di ogni cittadino di Bovino e di tanti paesi che usufruiscono del 118 organizzato in questo modo , cioè senza medico a bordo sin dai primi istanti di soccorso.

Le autorità preposte verifichino l’ accaduto e pongano i dovuti ripari per evitarne il ripetersi.

                                                                                                  Caterina Ientile

 

Bovino, li      6     Agosto 2015

 

 

Read 9752 times Last modified on Wednesday, 23 September 2015 11:10

I nostri contatti :)